Federprivacy

 
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
  • default color
  • green color
  • blue color

Cookies, tempo scaduto per mettere i siti web in regola

E-mail Stampa PDF

Gli internauti si erano ormai probabilmente rassegnati a visualizzare passivamente sullo schermo del pc dei banner pubblicitari collegati alle proprie ricerche effettuate di recente sul motore di ricerca o all'ultimo acquisto fatto su Internet, ma pare proprio che la musica sia destinata a cambiare. E' scaduto infatti il 2 giugno 2015 il termine per adeguare i siti web alle prescrizioni del Provvedimento Generale del Garante della Privacy dell’8 maggio 2014, che impone ai titolari del trattamento l’obbligo di acquisire il consenso preventivo ed informato dagli utenti per l'installazione di cookies.

La norma sui cookie è largamente disattesa perché poco applicabile, ma dopo l’entrata in vigore del provvedimento attiveremo un sistema di controlli”, questo è stato il monito del Garante Antonello Soro durante una recente conferenza stampa. (vedasi video dell'Authority)

Se una ricerca condotta da Federprivacy aveva evidenziato che il 67% dei siti italiani mancano di una idonea informativa e relativo consenso nel classico "form" dei contatti, per adeguarsi adesso le cose si complicano ulteriormente, come spiega l'Avv. Rocco Panetta, già dirigente del Garante, e oggi partner di NCTM: "Le norme e i nuovi obblighi si rivolgono in particolare a coloro i quali attraverso l'uso dei cookies sul web intendano svolgere anche attività di profilazione di clienti e utenti, anche occasionali. I meccanismi in apparenza semplici, nascondono profili interpretativi controversi. Le sanzioni non lasciano molto all'immaginazione e quindi la compliance col quadro normativo europeo non può essere messa in secondo piano."

Chi non si adegua rischia infatti pesanti sanzioni da parte del Garante, o del Nucleo Privacy della Guardia di Finanza, per omessa informativa o informativa non idonea fino a 120.000,00 euro.

"E' significativo il fatto che in base alla nostra ricerca, sia emerso che spesso a commettere le violazioni siano aziende informatiche e web agency, che propongono esse stesse sul mercato servizi di web design, avvalendosi però di pacchetti preconfenzionati per realizzare siti web che non tengono conto della normativa privacy italiana, esponendo così i loro clienti al rischio di pesanti sanzioni - spiega il presidente di Federprivacy, Nicola Bernardi - Quando si deve realizzare un sito internet, è perciò raccomandabile rivolgersi a professionisti competenti non solo a livello informatico, ma anche preparati su tutte le implicazioni legali."

Comunicato Stampa del 19 maggio 2015 - Rassegna Stampa: Corriere delle Comunicazioni - Italia Oggi -Help Consumatori - Magazine DonnaData Manager Online - Info Notizie - Corriere dell'informazione - Tribuna Economica - Pionero - Agenzia Fuoritutto 

e-max.it: your social media marketing partner
Ultimo aggiornamento ( Sabato 06 Giugno 2015 19:56 )  

I nostri sostenitori

Newsletter

Rimani aggiornato con le nostre news periodiche
captcha 
Privacy e Termini di Utilizzo
Ho letto l'informativa e presto il mio consenso

Cerca nel sito

Statistiche Utenti

Totale iscritti : 5236
Membri online : 0
Mese corrente : 1 iscritti

Cerca un iscritto


Cerca :
Categoria
Provincia
Regione

Cerca Delegato

Mappa dell'Italia Puglia Molise Campania Abruzzo Marche Lazio Umbria Basilicata Toscana Emilia Romagna Calabria

Visitatori Online

 707 visitatori online

In evidenza: la certificazione di Privacy Officer

Aziende ed enti che aderiscono a Federprivacy


Sapresti rispondere?

Qual è il rapporto tra privacy e trasparenza amministrativa?
Il Testo unico definisce il bilanciamento tra riservatezza e trasparenza con una maggiore tutela per i dati sensibili: quando il trattamento concerne dati idonei a rivelare lo stato di salute o la vita sessuale, l'accesso ai documenti amministrativi è consentito se la...
Leggi tutto 15440 Visite 0 Voti

Le Notizie di oggi

Community

Altre discussioni »

 707 visitatori online