Federprivacy

 
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
  • default color
  • green color
  • blue color

Regolamento Privacy UE, le aziende cercano professionisti dinamici

E-mail Stampa PDF

Con il Regolamento europeo sulla protezione dei dati oltre 45mila imprese avranno 2 anni di tempo per nominare un "data protection officer", ma i professionisti devono anche confrontarsi con le reali esigenze delle aziende. Sono interdisciplinari i profili richiesti dal mercato per ottemperare agli obblighi di legge e sfruttare allo stesso tempo le opportunità dell'economia digitale. Richiesti esperti della normativa con competenze trasversali.

Firenze, 3 marzo 2016 - In molte nazioni il privacy officer è un esperto della protezione dei dati, ricercato dalle aziende che necessitano di consulenza per gestire i dati personali in modo efficace e lecito. In Italia è una figura che sta prendendo campo soprattutto nelle multinazionali e nelle grandi realtà attente alla compliance aziendale. Con il Regolamento UE, che sarà emanato questa primavera, saranno poi 20mila pubbliche amministrazioni, e almeno altre 25mila imprese del settore privato che dovranno nominare un "data protection officer" entro i prossimi due anni.

A differenza di molti paesi anglosassoni, dove i privacy officer sono professionisti affermati e ben retribuiti anche quando non sono imposti dalla legge, da noi chi si propone come esperto di protezione dei dati deve scontrarsi con un retaggio imprenditoriale che per anni ha spesso considerato la materia come una fastidiosa burocrazia e un costo superfluo, e c'è quindi il rischio che anche con il Regolamento Europeo le aziende percepiscano queste figure come meri "controllori" delle possibili violazioni del Codice della Privacy, o addetti alla produzione di documentazione obbligatoria.

"Chi mira ad affermarsi come privacy officer o consulente della privacy deve essere un professionista dinamico che porta soluzioni e non problemi al management aziendale, con una visione che corrisponda alle reali esigenze delle imprese in relazione alla gestione dei dati - afferma Nicola Bernardi, presidente di Federprivacy - Oltre a una conoscenza approfondita della normativa, é perciò necessario che possieda competenze trasversali ed interdisciplinari per essere in grado di convincere le imprese che possono non solo ottemperare agli obblighi di legge, ma anche sfruttare le opportunità dell'economia digitale."

Una ricerca condotta su un campione di 1.000 addetti ai lavori, ha infatti evidenziato che nell'ottica del Regolamento UE sulla protezione dei dati, le aziende ricercano nei privacy officer non solo la conoscenza della disciplina normativa, ma anche altre competenze su sistemi di gestione, compliance aziendale, marketing strategico, e adeguate conoscenze informatiche.

In una congiuntura economica in cui le aziende vanno sempre più in direzione dello "smart working", e mirano a tagliare i costi ottimizzando i processi aziendali, nonostante l'obbligo di nominare un "data protection officer", i professionisti che si propongono come meri addetti all'espletamento di adempimenti burocratici rischiano quindi di vedersi chiudere la porta in faccia.

Comunicato Stampa del 3 marzo 2016


 

e-max.it: your social media marketing partner
Ultimo aggiornamento ( Domenica 20 Marzo 2016 18:23 )  

I nostri sostenitori

Newsletter

Rimani aggiornato con le nostre news periodiche
captcha 
Privacy e Termini di Utilizzo
Ho letto l'informativa e presto il mio consenso

Cerca nel sito

Statistiche Utenti

Totale iscritti : 5243
Membri online : 0
Mese corrente : 10 iscritti

Cerca un iscritto


Cerca :
Categoria
Provincia
Regione

Cerca Delegato

Mappa dell'Italia Puglia Molise Campania Abruzzo Marche Lazio Umbria Basilicata Toscana Emilia Romagna Calabria

Visitatori Online

 757 visitatori online

In evidenza: la certificazione di Privacy Officer

Aziende ed enti che aderiscono a Federprivacy


Sapresti rispondere?

Gli incaricati vanno nominati? 02 Maggio 2006, 00.00
Gli incaricati vanno nominati?
Si. L'articolo 30 prevede un doppio binario per la designazione degli incaricati. La designazione può essere effettuata individuando puntualmente l'ambito del trattamento consentito. Si considera, però valida la designazione di incaricato mediante la documentata...
Leggi tutto 15209 Visite 0 Voti

Le Notizie di oggi

Community

Altre discussioni »

 757 visitatori online