Federprivacy

 
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
  • default color
  • green color
  • blue color

Regolamento UE 2016/679, servono manager della privacy

E-mail Stampa PDF

Con le nuove regole sulla protezione dei dati, p.a. e migliaia di aziende private, devono dotarsi di un "privacy officer", ma ruolo richiede competenze elevate. Soffientini: "Compiti di grande responsabilità, siamo di fronte a un profilo manageriale che non può essere improvvisato". Tema al centro del dibattito al 6° Privacy Day Forum. Oltre 45mila le aziende che si doteranno di un responsabile privacy, ma nel frattempo TÜV Italia ha già certificato quasi 300 professionisti.

Roma, 30 settembre 2016 - Con l'entrata in vigore del nuovo Regolamento Europeo sulla Privacy, tutte le pubbliche amministrazioni e le aziende che trattano dati sensibili su larga scala o svolgono attività i cui trattamenti richiedono il controllo regolare e sistematico degli interessati, entro il 25 maggio 2018 dovranno aver conseguito l'adeguamento alle nuove regole ed essersi dotate del cosiddetto "privacy officer".

Anche se dall'obbligo di nominare questa figura derivano migliaia di nuove opportunità nel mercato del lavoro, quello in questione è però un professionista che necessita di elevate competenze, come evidenzia l'Avv. Marco Soffientini, Coordinatore del Comitato Scientifico di Federprivacy:

"Tra i compiti di grande responsabilità che gli sono assegnati dal Regolamento UE 2016/679, il data protection officer ha quello di informare e consigliare il management e i dipendenti in merito agli obblighi da rispettare, di verificare che la normativa sia effettivamente applicata e rispettata, supervisionare la formazione del personale e gli audit, nonché fungere da punto di contatto per gli interessati e per il Garante. Siamo quindi di fronte a un profilo manageriale che non può essere improvvisato, e che richiede un notevole bagaglio di conoscenze e competenze, sia in ambito normativo che informatico, ed anche organizzativo."

Soffientini, che al 6° Privacy Day Forum affronterà proprio questo argomento con l'intervento "Il Responsabile della protezione dei dati, requisiti, compiti, e certificazioni", in occasione del convegno presenterà anche il suo nuovo "Manuale Privacy", pubblicato dalla casa editrice Wolters Kluwer.

Secondo le stime dell'Osservatorio di Federprivacy, il bacino di imprese pubbliche e private che rientrano nell'obbligo di nominare un responsabile per la privacy, o che comunque decideranno di dotarsene per esigenze aziendali, sono in Italia oltre 45mila, e perciò già da tempo la stessa associazione ha dato ampio risalto alla formazione dei manager della protezione dei dati, elaborando anche un proprio capitolato privato sul quale TÜV Italia ha sviluppato uno schema di certificazione della figura professionale di "Privacy Officer e Consulente della Privacy", che ad oggi vanta più di 1.000 professionisti che hanno intrapreso il percorso, di cui quasi 300 che hanno già ottenuto il certificato dell'ente bavarese.

Per partecipare al Privacy Day Forum in programma il 13 ottobre a Roma, è ancora possibile prenotarsi online sul sito web di Federprivacy, anche se le prenotazioni sono ormai vicine a quota 1.500, e perciò è prevedibile la chiusura in anticipo delle iscrizioni.

Comunicato Stampa Federprivacy del 30 settembre 2016

e-max.it: your social media marketing partner
Ultimo aggiornamento ( Giovedì 06 Ottobre 2016 08:55 )  

I nostri sostenitori

Newsletter

Rimani aggiornato con le nostre news periodiche
captcha 
Privacy e Termini di Utilizzo
Ho letto l'informativa e presto il mio consenso

Cerca nel sito

Statistiche Utenti

Totale iscritti : 5236
Membri online : 0
Mese corrente : 1 iscritti

Cerca un iscritto


Cerca :
Categoria
Provincia
Regione

Cerca Delegato

Mappa dell'Italia Puglia Molise Campania Abruzzo Marche Lazio Umbria Basilicata Toscana Emilia Romagna Calabria

Visitatori Online

 720 visitatori online

In evidenza: la certificazione di Privacy Officer

Aziende ed enti che aderiscono a Federprivacy


Sapresti rispondere?

Quali sono gli illeciti amministrativi previsti dal Codice della privacy?
Sono previste sanzioni amministrative per i seguenti illeciti: 1) omessa o inidonea informativa all’interessato;2) illegittima cessione dati alla cessazione del trattamento; 3) illegittima rivelazione dati sanitari;4) omessa o incompleta notificazione; 5) omessa...
Leggi tutto 19136 Visite 0 Voti

Le Notizie di oggi

Community

Altre discussioni »

 720 visitatori online