Federprivacy

 
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
  • default color
  • green color
  • blue color

Cosa si può fare se si è vittima di un reato su internet?

E-mail Stampa PDF

Hacking, phishing, e-commerce,carte di credito,spam, pedofilia online, diritto d'autore.Sempre più spesso i criminali agiscono attraverso la rete. Cosa fare se si è vittima di un reato informatico? Hacking, phishing, e-commerce, bancomat e carte di credito, spamming, pedofilia online, diritto d'autore, telefonia. Sempre più spesso i criminali agiscono attraverso la rete. Cosa fare quando si è vittima di un reato informatico?

 


La Polizia Postale e delle comunicazioni è il reparto specializzato per tutte quelle attività di controllo/repressione degli illeciti penali ed amministrativi rientranti nella vasta e complessa materia delle comunicazioni, incluse le attività illecite perpetrate per mezzo della rete internet, come nei casi di acquisti online con numeri di carte di credito trafugate ed altre frodi telematiche, raggiri via email mediante tecniche di phishing che inducono l’ignaro utente a inserire i propri codici di accesso credendo di doverli fornire alla propria banca, abusi sessuali verso minori attraverso social network, attacchi hacker verso i propri siti personali o aziendali, o estenuanti campagne di spamming. La polizia postale compie alte investigazioni di polizia giudiziaria, per tutti quei reati correlati al computer-crime/cybercrime/ingegneria sociale, e per tutte le fattispecie criminali che sono poste in essere con l'ausilio dei più recenti strumenti tecnologici/informatici, e/o che mirano a creare danno a quest'ultimi. Questo speciale reparto della Polizia di Stato, opera in stretta collaborazione con le principali istituzioni quali il Garante per la Privacy e l’Autorità Garante delle comunicazioni , ed ovviamente il Ministero delle Comunicazioni.

 

Ma come può essere d’aiuto rapidamente e a livello pratico la Polizia Postale al cittadino?

Sul sito della Polizia di Stato,  è attivo il Commissariato Online, un vero e proprio ufficio virtuale  gestito dalla Polizia Postale, per ricevere informazioni o fare segnalazioni di reati che avvengono su Internet: hacking, phishing, e-commerce, bancomat e carte di credito, spamming, pedofilia online, diritto d'autore, telefonia, il tutto in modo rapido ed intuitivo.

Si possono anche richiedere informazioni specifiche, denunciare reati informatici, consultare le news e le domande più frequenti e accedere al forum tematico. Per poter accedere ai servizi messi a disposizione dalle forze di polizia attraverso il Commissariato Online ,  è necessario essere preventivamente registrati, ma ne vale davvero la pena.

Ti può interessare anche:

Ultimo aggiornamento ( Mercoledì 21 Novembre 2012 11:22 )  
Privacy Officer

Chi ci sostiene?

Tra i nostri sostenitori c'è anche

Login

Chi ci sostiene?

Trai nostri iscritti c'è anche

Statistiche Utenti

Totale iscritti : 3906
Membri online : 1
Mese corrente : 56 iscritti

In primo piano

Certificazione TÜV di Privacy Officer: ultima edizione del Master nel 2014 a Firenze 19-11-2014 Mentre è in corso questa settimana a Roma il Master Privacy Officer, per quest'anno rimane solo l'ultima edizione che si svolgerà dal 1° al 6 dicembre 2014. Sarà una edizione…

Visitatori Online

 1653 visitatori e 1 utente online

Cerca Delegato

Mappa dell'Italia Puglia Molise Campania Abruzzo Marche Lazio Umbria Basilicata Toscana Emilia Romagna Calabria

News Garante Privacy


Aziende ed enti che aderiscono a Federprivacy

Recensioni Stampa

Metro: Privacy officer in arrivo anche in Italia 13 Novembre 2014, 23.43 Federprivacy
Metro: Privacy officer in arrivo anche in Italia
"È un professionista specializzato nell’evitare multe da capogiro quando si parla di protezione dei dati. Si chiama privacy officer e in 15 altre nazioni europee è già obbligatorio nelle aziende o incentivato dalla legge, per non parlare degli Stati...
Leggi tutto 591 Visite 0 Voti
Il Giornale del Piemonte: due aziende italiane su tre hanno bisogno di un privacy officer
Anche se è già regolamentato per legge in 15 nazioni d'Europa, in Italia il Legislatore non è ancora intervenuto per dettare precise regole sul privacy officer, ma un ente tedesco lo certifica come figura professionale. Nel frattempo si avvicina il...
Leggi tutto 656 Visite 0 Voti
Il Secolo XIX: buonsenso non basta, il 17% dei siti web dei settori sanitari viola la privacy
Quella della privacy dei pazienti e delle norme che la gestiscono è un problema di portata nazionale che sta mettendo in difficoltà diverse realtà di studi medici, anche nel savonese. A dirlo è Ugo Trucco, presidente dell'Ordine dei Medici di Savona...
Leggi tutto 823 Visite 0 Voti

Sapresti rispondere?

Ci sono casi di esonero dal provvedere l'informativa?
Quando ci si appresta ad effettuare un trattamento di dati personali, l'informativa è sempre dovuta all'interessato, in via preventiva. Esistono solo alcune...
Leggi tutto 10727 Visite 0 Voti

Le Notizie di oggi

Community

Altre discussioni »

 1652 visitatori e 1 utente online