Federprivacy

 
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
  • default color
  • green color
  • blue color

Cosa si può fare se si è vittima di un reato su internet?

E-mail Stampa PDF

Hacking, phishing, e-commerce,carte di credito,spam, pedofilia online, diritto d'autore.Sempre più spesso i criminali agiscono attraverso la rete. Cosa fare se si è vittima di un reato informatico? Hacking, phishing, e-commerce, bancomat e carte di credito, spamming, pedofilia online, diritto d'autore, telefonia. Sempre più spesso i criminali agiscono attraverso la rete. Cosa fare quando si è vittima di un reato informatico?

 


La Polizia Postale e delle comunicazioni è il reparto specializzato per tutte quelle attività di controllo/repressione degli illeciti penali ed amministrativi rientranti nella vasta e complessa materia delle comunicazioni, incluse le attività illecite perpetrate per mezzo della rete internet, come nei casi di acquisti online con numeri di carte di credito trafugate ed altre frodi telematiche, raggiri via email mediante tecniche di phishing che inducono l’ignaro utente a inserire i propri codici di accesso credendo di doverli fornire alla propria banca, abusi sessuali verso minori attraverso social network, attacchi hacker verso i propri siti personali o aziendali, o estenuanti campagne di spamming. La polizia postale compie alte investigazioni di polizia giudiziaria, per tutti quei reati correlati al computer-crime/cybercrime/ingegneria sociale, e per tutte le fattispecie criminali che sono poste in essere con l'ausilio dei più recenti strumenti tecnologici/informatici, e/o che mirano a creare danno a quest'ultimi. Questo speciale reparto della Polizia di Stato, opera in stretta collaborazione con le principali istituzioni quali il Garante per la Privacy e l’Autorità Garante delle comunicazioni , ed ovviamente il Ministero delle Comunicazioni.

 

Ma come può essere d’aiuto rapidamente e a livello pratico la Polizia Postale al cittadino?

Sul sito della Polizia di Stato,  è attivo il Commissariato Online, un vero e proprio ufficio virtuale  gestito dalla Polizia Postale, per ricevere informazioni o fare segnalazioni di reati che avvengono su Internet: hacking, phishing, e-commerce, bancomat e carte di credito, spamming, pedofilia online, diritto d'autore, telefonia, il tutto in modo rapido ed intuitivo.

Si possono anche richiedere informazioni specifiche, denunciare reati informatici, consultare le news e le domande più frequenti e accedere al forum tematico. Per poter accedere ai servizi messi a disposizione dalle forze di polizia attraverso il Commissariato Online ,  è necessario essere preventivamente registrati, ma ne vale davvero la pena.

Ti può interessare anche:

Ultimo aggiornamento ( Mercoledì 21 Novembre 2012 11:22 )  
dancan

Privacy Day Forum

Tra i partner del Privacy Day Forum 2014 c'è anche

Newsletter

Rimani aggiornato con le nostre news periodiche
captcha 
Leggi l'informativa
Ho letto l'informativa e presto il mio consenso

Login

I nostri sostenitori

Chi ci sostiene?

Trai nostri iscritti c'è anche

Statistiche Utenti

Totale iscritti : 3826
Membri online : 0
Mese corrente : 1 iscritti

In primo piano

Ancora quattro edizioni del Master Privacy Officer nel 2014 22-09-2014 Dopo 4 edizioni svoltesi nel primo semestre, nella seconda parte dell'anno il Master Privacy Officer prosegue nel trend positivo con ulteriori 4 edizioni rispettivamente a Milano,…

Visitatori Online

 506 visitatori online

Cerca Delegato

Mappa dell'Italia Puglia Molise Campania Abruzzo Marche Lazio Umbria Basilicata Toscana Emilia Romagna Calabria

News Garante Privacy


Aziende ed enti che aderiscono a Federprivacy

Recensioni Stampa

Il Fatto Quotidiano su ricerca Federprivacy:
"Altro che recupero dell’evasione fiscale. In teoria, basterebbe applicare con rigore la legge sulla privacy per  rimpinguare le casse dello Stato con miliardi di euro." - Così commenta Luigi Ferro in un suo articolo sul Fatto Quotidiano gli...
Leggi tutto 253 Visite 0 Voti
Italia Oggi: "Privacy ignorata da 2 siti web su 3" 25 Settembre 2014, 10.59 Federprivacy
Italia Oggi:
Due siti web su tre non rispettano il codice della privacy. Lo evidenzia Federprivacy che lo ha di recente segnalato al presidente della Repubblica Giorgio Napolitano e al presidente dell’Autorità Garante per la Privacy, Antonello Soro. Nella lettera...
Leggi tutto 241 Visite 0 Voti
Exploit di violazioni privacy dai siti web italiani, le principali cause
Il 67% viola il Codice della Privacy, per un ammontare di circa 24 milioni di euro di sanzioni non contestate riscontrate in un solo mese. "La causa principale è l'utilizzo sistematico di cms preconfezionati non conformi alla nostra normativa privacy,...
Leggi tutto 418 Visite 0 Voti

Sapresti rispondere?

Come impostare il rapporto consulenti/clienti ai fini del rispetto della privacy?
spesso il consulente è autonomo titolare del trattamento e che, anzi, non sempre è necessario la nomina del responsabile quale responsabile del trattamento. Per arrivare a tale ipotesi è consigliabile che il cliente che trasferisce i dati al consulenti, quando...
Leggi tutto 9495 Visite 0 Voti

Le Notizie di oggi

Community

Altre discussioni »

 506 visitatori online