Federprivacy

 
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
  • default color
  • green color
  • blue color

Cosa si può fare se si è vittima di un reato su internet?

E-mail Stampa PDF

Hacking, phishing, e-commerce,carte di credito,spam, pedofilia online, diritto d'autore.Sempre più spesso i criminali agiscono attraverso la rete. Cosa fare se si è vittima di un reato informatico? Hacking, phishing, e-commerce, bancomat e carte di credito, spamming, pedofilia online, diritto d'autore, telefonia. Sempre più spesso i criminali agiscono attraverso la rete. Cosa fare quando si è vittima di un reato informatico?

 


La Polizia Postale e delle comunicazioni è il reparto specializzato per tutte quelle attività di controllo/repressione degli illeciti penali ed amministrativi rientranti nella vasta e complessa materia delle comunicazioni, incluse le attività illecite perpetrate per mezzo della rete internet, come nei casi di acquisti online con numeri di carte di credito trafugate ed altre frodi telematiche, raggiri via email mediante tecniche di phishing che inducono l’ignaro utente a inserire i propri codici di accesso credendo di doverli fornire alla propria banca, abusi sessuali verso minori attraverso social network, attacchi hacker verso i propri siti personali o aziendali, o estenuanti campagne di spamming. La polizia postale compie alte investigazioni di polizia giudiziaria, per tutti quei reati correlati al computer-crime/cybercrime/ingegneria sociale, e per tutte le fattispecie criminali che sono poste in essere con l'ausilio dei più recenti strumenti tecnologici/informatici, e/o che mirano a creare danno a quest'ultimi. Questo speciale reparto della Polizia di Stato, opera in stretta collaborazione con le principali istituzioni quali il Garante per la Privacy e l’Autorità Garante delle comunicazioni , ed ovviamente il Ministero delle Comunicazioni.

 

Ma come può essere d’aiuto rapidamente e a livello pratico la Polizia Postale al cittadino?

Sul sito della Polizia di Stato,  è attivo il Commissariato Online, un vero e proprio ufficio virtuale  gestito dalla Polizia Postale, per ricevere informazioni o fare segnalazioni di reati che avvengono su Internet: hacking, phishing, e-commerce, bancomat e carte di credito, spamming, pedofilia online, diritto d'autore, telefonia, il tutto in modo rapido ed intuitivo.

Si possono anche richiedere informazioni specifiche, denunciare reati informatici, consultare le news e le domande più frequenti e accedere al forum tematico. Per poter accedere ai servizi messi a disposizione dalle forze di polizia attraverso il Commissariato Online ,  è necessario essere preventivamente registrati, ma ne vale davvero la pena.

e-max.it: your social media marketing partner
Ultimo aggiornamento ( Mercoledì 21 Novembre 2012 11:22 )  

Chi ci sostiene?

Tra i nostri sostenitori c'è anche

Login

Statistiche Utenti

Totale iscritti : 5082
Membri online : 6
Mese corrente : 72 iscritti

Cerca Delegato

Mappa dell'Italia Puglia Molise Campania Abruzzo Marche Lazio Umbria Basilicata Toscana Emilia Romagna Calabria

Visitatori Online

 650 visitatori e 9 utenti online

Aziende ed enti che aderiscono a Federprivacy

Recensioni Stampa

Metro: "Petizioni online, rischio privacy" 18 Settembre 2016, 21.16 Federprivacy
Metro:
Secondo il rapporto “Digital in 2016”, un italiano su due si affida a internet per socializzare, ma di rado gli utenti riconoscono gli stratagemmi che si celano dietro molti strumenti online fatti “ad hoc” per ottenere automaticamente le loro...
Leggi tutto 224 Visite 0 Voti
Privacy, due aziende su tre fanno ancora acqua sul Regolamento UE
Il conto alla rovescia prima che la nuova normativa sulla data protection divenga applicabile è iniziato da 4 mesi, ma il 64% delle aziende non si sono ancora attivate per adeguarsi, e il 68% ammette la difficoltà ad individuare dove siano...
Leggi tutto 937 Visite 0 Voti
Privacy online, il paradosso dei cookies sui siti web italiani
Quasi la metà dei siti italiani mostrano banner sull'utilizzo dei "biscotti digitali", anche se in realtà non ne sono tenuti. Informazione fuorviante che crea fastidio ai visitatori, e non contribuisce a fiducia degli utenti, i quali pensano...
Leggi tutto 637 Visite 0 Voti

Sapresti rispondere?

Le pubbliche amministrazioni devono chiedere il consenso?
No, le pubbliche amministrazioni non devono chiedere il consenso (articolo 18), neppure per trattare i dati sensibili. Per gli enti pubblici vige in materia un apposito divieto di richiedere il consenso agli...
Leggi tutto 15576 Visite 0 Voti

Le Notizie di oggi

Community

Altre discussioni »

 650 visitatori e 9 utenti online