Federprivacy

 
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
  • default color
  • green color
  • blue color

Sicurezza dei dati e privacy in azienda: due terzi delle aziende fanno acqua

E-mail Stampa PDF

Un recente sondaggio condotto da Ponemon Institute, società di ricerca leader mondiale nella sicurezza su internet, conferma quello che gli addetti ai lavori ormai sanno, ma che molti fanno finta di non sapere, o trascurano: una percentuale enorme dei sistemi informativi delle aziende zoppicano o si dimostrano vulnerabili, e a farne le spese sono la tutela della privacy e il patrimonio aziendale fondato sulle informazioni.

Il sondaggio è stato rivolto a 2.400 amministratori di sicurezza IT ed ha fatto emergere dati preoccupanti. Circa il 77% delle aziende intervistate nel corso dell’ultimo anno di lavoro ha sperimentato almeno una volta la perdita dei propri dati.
Interessante, che secondo i risultati diffusi a farne le spese nella maggior parte dei casi sono i dati dei clienti (52%),  seguire è la proprietà intellettuale quella ad essere colpita (33%), mentre una volta su tre sono i dati sui dipendenti ad essere oggetto delle è perdite con ovvie ripercussioni sulla loro privacy (31%). 
Minori danni colpiscono guarda caso i piani aziendali (16%), come a confermare che in fondo in fondo le aziende sono coscienti del valore delle loro politiche e strategie aziendali e si impegnano strenuamente  nel proteggerlo. Questo potrebbe d’altro canto portare a concludere che della privacy dei dipendenti alla maggior parte delle imprese importa poco o niente. Ovviamente fino a che non ci sbattono la testa.
Le cause delle perdite? Sempre secondo quanto emerge dall’indagine sembra che  il dito sia da puntare su svariati fattori: al primo posto ci sono smarrimenti o furti, seguiti da attacchi alla rete, poi vi è la problematica già nota dell’uso di dispositivi mobili non del tutto affidabili, altri problemi derivano da applicazioni Web 2.0 e file-sharing fino ad arrivare  all’invio di email all’indirizzi non corretto.
Oltre a queste problematiche il 49% delle aziende è convinto che il personale non presti la dovuta attenzione alla tutela della sicurezza dei dati aziendali.
Per contro, chi frequenta gli ambienti aziendali di ogni livello, sa bene quanto la formazione, (necessaria per acquisire la consapevolezza dell’importanza della tutela della privacy nel trattamento dei dati in azienda), sia considerata la maggior parte delle volte un ostacolo alla produttività, una perdita di tempo, o una burocrazia da soddisfare per ottemperare a certe leggi. E i risultati si vedono.

 


 

 

Ti può interessare anche:

Ultimo aggiornamento ( Domenica 12 Giugno 2011 09:43 )  
Privacy Officer

Newsletter

Rimani aggiornato con le nostre news periodiche
captcha 
Leggi l'informativa
Ho letto l'informativa e presto il mio consenso

Login

I nostri sostenitori


In primo piano

Dati personali e cloud computing, adesso la “nuvola” ha il suo standard 24-11-2014 Lo scorso agosto l’ente di certificazione internazionale ISO ha pubblicato uno standard specificamente elaborato per i fornitori di servizi di cloud computing. Si tratta dell’ ISO…

Cerca un iscritto


Cerca :
Categoria
Provincia
Regione

Cerca Delegato

Mappa dell'Italia Puglia Molise Campania Abruzzo Marche Lazio Umbria Basilicata Toscana Emilia Romagna Calabria

In evidenza: la certificazione di Privacy Officer

Recensioni Stampa

Metro: Privacy officer in arrivo anche in Italia 13 Novembre 2014, 23.43 Federprivacy
Metro: Privacy officer in arrivo anche in Italia
"È un professionista specializzato nell’evitare multe da capogiro quando si parla di protezione dei dati. Si chiama privacy officer e in 15 altre nazioni europee è già obbligatorio nelle aziende o incentivato dalla legge, per non parlare degli Stati...
Leggi tutto 685 Visite 0 Voti
Il Giornale del Piemonte: due aziende italiane su tre hanno bisogno di un privacy officer
Anche se è già regolamentato per legge in 15 nazioni d'Europa, in Italia il Legislatore non è ancora intervenuto per dettare precise regole sul privacy officer, ma un ente tedesco lo certifica come figura professionale. Nel frattempo si avvicina il...
Leggi tutto 700 Visite 0 Voti
Il Secolo XIX: buonsenso non basta, il 17% dei siti web dei settori sanitari viola la privacy
Quella della privacy dei pazienti e delle norme che la gestiscono è un problema di portata nazionale che sta mettendo in difficoltà diverse realtà di studi medici, anche nel savonese. A dirlo è Ugo Trucco, presidente dell'Ordine dei Medici di Savona...
Leggi tutto 870 Visite 0 Voti

Sapresti rispondere?

Cosa sono le BCR (binding corporate rules)?
Si tratta di uno strumento volto a consentire il trasferimento di dati personali dal territorio dello Stato verso Paesi terzi (extra-UE) tra società facenti parti dello stesso gruppo d'impresa. Si concretizzano in un documento contenente una serie di clausole (rules)...
Leggi tutto 2565 Visite 0 Voti

Le Notizie di oggi

Community

    • Gestione Credenziali di Accesso
    • La gestione delle credenziali di accesso, è operativamente difficoltosa e complessa da implementare in...
    • 4 Settimane 3 Ore fa
    • privacy e siti internet
    • Buongiorno a tutti! Vista la scottante attualità vorrei proporre un confronto sugli adempimenti in...
    • 4 Settimane 1 Giorno fa

Altre discussioni »

 549 visitatori e 2 utenti online