Federprivacy

 
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
  • default color
  • green color
  • blue color

Spia e riprende i vicini di casa con le telecamere: denunciato, finisce a processo

E-mail Stampa PDF

L'ipotesi di accusa del tribunale è di “violazione della privacy”, ma l'imputato si difende asserendo  che le telecamere che aveva instalalto servivano solo per la difesa dai malintenzionati. La procura, adesso, ha ordinato il rinvio a giudizio un uomo di 63 anni, residente in provincia di Vicenzea, dopo che aveva provveduto all'oscuramento col sequestro di 3 delle 7 telecamere che riprendevano il perimetro dell'abitazione ad insaputa dei vicini di casa.

La scoperta di essere scrutata dagli “occhi telescopici”, aveva dato parecchio fastidio a una signora vicentina e ai  suoi congiunti, che si sentivano spiati. Il tribunale era così intervenuto e aveva spedito i carabinieri del maresciallo a sequestrare le videocamere perché erano puntate verso l'altrui “spazio vitale”.

«Ma tutelavo solo la mia proprietà, perché avevo trovato dieci metri della mia siepe bruciata dall'acido e volevo capire chi era stato», ha dichiarato il 63enne indagato per violazione della privacy. La tesi della difesa, insomma, è che le telecamere non invadevano la sfera privata dei vicini e avevano l'esclusivo obiettivo di proteggere il perimetro della villa dai malintenzionati. Se è vero che coi vicini c'erano stati episodi increscios in passatoi, è altrettanto vero che il “muro tecnologico” non era stato fatto collocare a una ditta specializzata della zona per ispezionare la vita dei vicini, e dunque violarla, bensì con il metodo "fai da te" per proteggersi da chi voleva farle del male.

Diametralmente opposta la posizioni delle presunte parti lese, le quali quando avevano visto in diretta che quelle telecamere puntate contro la loro casa riprendevano “brani” della loro esistenza, avevano preso cappello e si erano rivolte alla magistratura per far rimuovere lo spionaggio. Ma quanto sarebbe durata la violazione della privacy, ammesso che ci sia stata?

La procura di Vicenza ipotizza sei mesi, da maggio a dicembre, quando la signora si era rivolta ai carabinieri dopo avere scoperto con stupore che la sua vita privata non avrebbe avuto segreti per i vicini. I quali avrebbero dovuto comunque collocare dei cartelli "informativa minima" prescritti dalla legge per segnalare la presenza delle videoriprese, anche se le videocamere non avrebbero potuto scandagliare la proprietà avversaria. «C'è un equivoco perché le telecamere inquadravano il confine», si difende l'improvvisato detective. « No, siamo stati spiati», replicano i vicini. Come finirà? Staremoa  vedere cosa decideranno i Giudici, ma se le cose stessero come riporta il Giornale di vicenza, emergerebbero diverse violazioni del Codice della Privacy. E le conseguenze sarebbero pesanti.

 

Fonte: Il Giornale di Vicenza

 

Ti può interessare anche:

Ultimo aggiornamento ( Mercoledì 21 Novembre 2012 11:26 )  
LRQA

Newsletter

Rimani aggiornato con le nostre news periodiche
captcha 
Leggi l'informativa
Ho letto l'informativa e presto il mio consenso

Login

I nostri sostenitori


In primo piano

Ancora quattro edizioni del Master Privacy Officer nel 2014 22-09-2014
Dopo 4 edizioni svoltesi nel primo semestre, nella seconda parte dell'anno il Master Privacy Officer prosegue nel trend positivo con ulteriori 4 edizioni rispettivamente a Milano,…

Ti può interessare anche:

Cerca un iscritto


Cerca :
Categoria
Provincia
Regione

Cerca Delegato

Mappa dell'Italia Puglia Molise Campania Abruzzo Marche Lazio Umbria Basilicata Toscana Emilia Romagna Calabria

In evidenza: la certificazione di Privacy Officer

Recensioni Stampa

Il Fatto Quotidiano su ricerca Federprivacy:
"Altro che recupero dell’evasione fiscale. In teoria, basterebbe applicare con rigore la legge sulla privacy per  rimpinguare le casse dello Stato con miliardi di euro." - Così commenta Luigi Ferro in un suo articolo sul Fatto Quotidiano gli...
Leggi tutto 211 Visite 0 Voti
Italia Oggi: "Privacy ignorata da 2 siti web su 3" 25 Settembre 2014, 10.59 Federprivacy
Italia Oggi:
Due siti web su tre non rispettano il codice della privacy. Lo evidenzia Federprivacy che lo ha di recente segnalato al presidente della Repubblica Giorgio Napolitano e al presidente dell’Autorità Garante per la Privacy, Antonello Soro. Nella lettera...
Leggi tutto 195 Visite 0 Voti
Exploit di violazioni privacy dai siti web italiani, le principali cause
Il 67% viola il Codice della Privacy, per un ammontare di circa 24 milioni di euro di sanzioni non contestate riscontrate in un solo mese. "La causa principale è l'utilizzo sistematico di cms preconfezionati non conformi alla nostra normativa privacy,...
Leggi tutto 381 Visite 0 Voti

Sapresti rispondere?

Cosa si intende per
Sono "dati sensibili" i dati personali idonei a rivelare l'origine razziale ed etnica, le convinzioni religiose, filosofiche o di altro genere.Pertanto, sono considerati dati sensibili le opinioni politiche, l'adesione a partiti, sindacati, associazioni od...
Leggi tutto 11544 Visite 0 Voti

Le Notizie di oggi

Community

Altre discussioni »

 606 visitatori online