Federprivacy

 
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
  • default color
  • green color
  • blue color

Spia e riprende i vicini di casa con le telecamere: denunciato, finisce a processo

E-mail Stampa PDF

L'ipotesi di accusa del tribunale è di “violazione della privacy”, ma l'imputato si difende asserendo  che le telecamere che aveva instalalto servivano solo per la difesa dai malintenzionati. La procura, adesso, ha ordinato il rinvio a giudizio un uomo di 63 anni, residente in provincia di Vicenzea, dopo che aveva provveduto all'oscuramento col sequestro di 3 delle 7 telecamere che riprendevano il perimetro dell'abitazione ad insaputa dei vicini di casa.

La scoperta di essere scrutata dagli “occhi telescopici”, aveva dato parecchio fastidio a una signora vicentina e ai  suoi congiunti, che si sentivano spiati. Il tribunale era così intervenuto e aveva spedito i carabinieri del maresciallo a sequestrare le videocamere perché erano puntate verso l'altrui “spazio vitale”.

«Ma tutelavo solo la mia proprietà, perché avevo trovato dieci metri della mia siepe bruciata dall'acido e volevo capire chi era stato», ha dichiarato il 63enne indagato per violazione della privacy. La tesi della difesa, insomma, è che le telecamere non invadevano la sfera privata dei vicini e avevano l'esclusivo obiettivo di proteggere il perimetro della villa dai malintenzionati. Se è vero che coi vicini c'erano stati episodi increscios in passatoi, è altrettanto vero che il “muro tecnologico” non era stato fatto collocare a una ditta specializzata della zona per ispezionare la vita dei vicini, e dunque violarla, bensì con il metodo "fai da te" per proteggersi da chi voleva farle del male.

Diametralmente opposta la posizioni delle presunte parti lese, le quali quando avevano visto in diretta che quelle telecamere puntate contro la loro casa riprendevano “brani” della loro esistenza, avevano preso cappello e si erano rivolte alla magistratura per far rimuovere lo spionaggio. Ma quanto sarebbe durata la violazione della privacy, ammesso che ci sia stata?

La procura di Vicenza ipotizza sei mesi, da maggio a dicembre, quando la signora si era rivolta ai carabinieri dopo avere scoperto con stupore che la sua vita privata non avrebbe avuto segreti per i vicini. I quali avrebbero dovuto comunque collocare dei cartelli "informativa minima" prescritti dalla legge per segnalare la presenza delle videoriprese, anche se le videocamere non avrebbero potuto scandagliare la proprietà avversaria. «C'è un equivoco perché le telecamere inquadravano il confine», si difende l'improvvisato detective. « No, siamo stati spiati», replicano i vicini. Come finirà? Staremoa  vedere cosa decideranno i Giudici, ma se le cose stessero come riporta il Giornale di vicenza, emergerebbero diverse violazioni del Codice della Privacy. E le conseguenze sarebbero pesanti.

 

Fonte: Il Giornale di Vicenza

 

e-max.it: your social media marketing partner
Ultimo aggiornamento ( Mercoledì 21 Novembre 2012 11:26 )  

Login

I nostri sostenitori

Newsletter

Rimani aggiornato con le nostre news periodiche
captcha 
Privacy e Termini di Utilizzo
Ho letto l'informativa e presto il mio consenso

Cerca un iscritto


Cerca :
Categoria
Provincia
Regione

Cerca Delegato

Mappa dell'Italia Puglia Molise Campania Abruzzo Marche Lazio Umbria Basilicata Toscana Emilia Romagna Calabria

In evidenza: la certificazione di Privacy Officer

Recensioni Stampa

Metro: "Petizioni online, rischio privacy" 18 Settembre 2016, 21.16 Federprivacy
Metro:
Secondo il rapporto “Digital in 2016”, un italiano su due si affida a internet per socializzare, ma di rado gli utenti riconoscono gli stratagemmi che si celano dietro molti strumenti online fatti “ad hoc” per ottenere automaticamente le loro...
Leggi tutto 212 Visite 0 Voti
Privacy, due aziende su tre fanno ancora acqua sul Regolamento UE
Il conto alla rovescia prima che la nuova normativa sulla data protection divenga applicabile è iniziato da 4 mesi, ma il 64% delle aziende non si sono ancora attivate per adeguarsi, e il 68% ammette la difficoltà ad individuare dove siano...
Leggi tutto 886 Visite 0 Voti
Privacy online, il paradosso dei cookies sui siti web italiani
Quasi la metà dei siti italiani mostrano banner sull'utilizzo dei "biscotti digitali", anche se in realtà non ne sono tenuti. Informazione fuorviante che crea fastidio ai visitatori, e non contribuisce a fiducia degli utenti, i quali pensano...
Leggi tutto 627 Visite 0 Voti

Sapresti rispondere?

Cosa vuol dire che i dati trattati in violazione del Codice della Privacy sono inutilizzabili?
L’articolo 11, comma 2, del Codice della privacy prevede l’inutilizzabilità dei dati raccolti e trattati in violazione delle disposizioni del codice. La portata di tale disposizione non è stata ancora apprezzata ma questo significa che un soggetto interessato dal...
Leggi tutto 14959 Visite 0 Voti

Le Notizie di oggi

Community

Altre discussioni »

 656 visitatori e 7 utenti online