Federprivacy

 
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
  • default color
  • green color
  • blue color

Milano: meno privacy con l'obbligo di usare i sacchetti per l'immondizia trasparenti

E-mail Stampa PDF

D’ora in poi i milanesi sono “invitati” a usare sacchetti trasparenti per i rifiuti indifferenziati, e dal 15 maggio l’invito diventerà addirittura un obbligo. E la disputa, inevitabile, è questa: ha più valore l’interesse pubblico a una raccolta differenziata efficiente, o invece la privacy?

Non c’è dubbio che la trasparenza è da tutti ritenuta un concetto positivo. E c’è anche da dire che la raccolta differenziata a Milano lascia a desiderare: è al 34% (dato 2010), e per legge dovrebbe raggiungere il 65%.

Ci sarà comunque di sicuro chi non gradirà di dover mostrare agli occhi dei vicini il contenuto della propria pattumiera. Avanzi di cibo, confezioni di medicinali, assorbenti igienici, eccetera. Il Garante della privacy, nel 2005, ha già definito come “non proporzionato” l’uso dei sacchetti trasparenti, pur considerando rilevante l’interesse a una raccolta efficiente. In ogni condominio, però, si combatte da anni una battaglia difficile contro i furbi o scemi o disattenti che ficcano i rifiuti a caso nei diversi contenitori. Le multe dell’Amsa fioccano, e sono a carico di tutti. Tutto lascia presagire che il dibattito non si estinguerà rapidamente: meglio la trasparenza o meglio la privacy dei cittadini?

Fonte: La Repubblica

 

 

 

Ti può interessare anche:

Ultimo aggiornamento ( Mercoledì 21 Novembre 2012 09:44 )  
Privacy Officer

Chi ci sostiene?

Tra i nostri sostenitori c'è anche

Newsletter

Rimani aggiornato con le nostre news periodiche
captcha 
Leggi l'informativa
Ho letto l'informativa e presto il mio consenso

Login

I nostri sostenitori

Chi ci sostiene?

Trai nostri iscritti c'è anche

Statistiche Utenti

Totale iscritti : 3853
Membri online : 1
Mese corrente : 28 iscritti

In primo piano

Ultime due edizioni del Master Privacy Officer nel 2014 21-10-2014 Dopo 6 edizioni svoltesi fino ad oggi nel 2014, per quest'anno rimangono in programma solo due edizioni del Master Privacy Officer, rispettivamente a Roma, e Firenze, con una…

Visitatori Online

 859 visitatori e 1 utente online

Cerca Delegato

Mappa dell'Italia Puglia Molise Campania Abruzzo Marche Lazio Umbria Basilicata Toscana Emilia Romagna Calabria

News Garante Privacy


Aziende ed enti che aderiscono a Federprivacy

Recensioni Stampa

La Repubblica: “Privacy, due terzi di tutti i siti italiani non rispettano ancora la normativa”
“La riservatezza dei dati non è abbastanza tutelata in generale e molte aziende pubbliche e private, anche non italiane, non comprendono o non danno il giusto valore alle normative sulla protezione delle informazioni”. Così La Repubblica del 13...
Leggi tutto 449 Visite 0 Voti
Venerdì di Repubblica:Ricerca Federprivacy, il 67% dei siti web viola la privacy
“Il 67% delle imprese e degli enti pubblici e privati italiani nel corso dell’ultimo mese ha violato il Codice della Privacy nel proprio sito web, non garantendo il trattamento richiesto dalla normativa”. Così il Venerdì di Repubblica del  3...
Leggi tutto 564 Visite 0 Voti
Il Fatto Quotidiano su ricerca Federprivacy:
"Altro che recupero dell’evasione fiscale. In teoria, basterebbe applicare con rigore la legge sulla privacy per  rimpinguare le casse dello Stato con miliardi di euro." - Così commenta Luigi Ferro in un suo articolo sul Fatto Quotidiano gli...
Leggi tutto 478 Visite 0 Voti
  • In evidenza

  • FAQ

  • Garante

  • Società

Certificazione Privacy Officer: esami a Milano il 28 ottobre.Verso +100% rispetto al 2013
Sarà una volata finale, quella dell’ultimo scorcio di 2014 per i privacy officer. Secondo le statistiche, a dicembre del 2013 i professionisti certificati con TÜV Examination Institute erano infatti 123, ma con gli esami che si svolgeranno a...
Leggi tutto 703 Visite 0 Voti
La Vita sessuale del dipendente è protetta dalla privacy 08 Ottobre 2014, 13.34 Federprivacy
La Vita sessuale del dipendente è protetta dalla privacy
Un'amministrazione pubblica non può trattare liberamente i dati personali che riguardano la vita sessuale del proprio dipendente, neanche se l'indagine è finalizzata alla verifica dello svolgimento dell'attività di prostituzione mediante la...
Leggi tutto 751 Visite 0 Voti
Violazioni siti web italiani: rubato il dossier da 24 milioni di euro
La questione dei siti web fuori regola, evidenziata da un recente studio di Federprivacy, si tinge adesso di giallo: dopo un convegno di esperti di privacy svoltosi giovedì scorso nei pressi del palazzo di giustizia milanese, in pieno giorno...
Leggi tutto 908 Visite 0 Voti
Chi può iscriversi nel registro pubblico delle opposizioni e a che cosa serve?
Nel Registro delle Opposizioni possono iscriversi tutti coloro che compaiono come abbonati di utenze telefoniche sull'elenco telefonico pubblico. L'iscrizione consiste nel far indicare sul registro la propria come risulta sull'elenco....
Leggi tutto 17042 Visite 0 Voti
Cosa sono le BCR (binding corporate rules)? 13 Febbraio 2014, 14.58 Federprivacy
Cosa sono le BCR (binding corporate rules)?
Si tratta di uno strumento volto a consentire il trasferimento di dati personali dal territorio dello Stato verso Paesi terzi (extra-UE) tra società facenti parti dello stesso gruppo d'impresa. Si concretizzano in un documento contenente una serie...
Leggi tutto 2189 Visite 0 Voti
Un'impresa privata può svolgere l'attività di consegna di farmaci a domicilio, dietro pagamento di corrispettivo?
Le norme che sottendono alla distribuzione dei farmaci ad uso umano sono ricomprese nel Dlgs n. 219, 24 aprile 2006(Gazzetta Ufficiale n. 142 del 21 giugno 2006, supplemento ordinario n. 153). Tale decreto disciplina tutte le fasi di vita del...
Leggi tutto 4823 Visite 0 Voti
Garante Privacy: niente spam per gli iscritti alla newsletter inviata senza consenso
Un cittadino che compila un form on line per ricevere una newsletter deve poter decidere, liberamente e consapevolmente, se dire sì o no alle comunicazioni promozionali, alla profilazione, all’invio dei suoi dati ad altre società e, in generale,...
Leggi tutto 568 Visite 0 Voti
“Internet delle cose”: Garanti privacy Ue, serve un approccio etico
Un approccio “etico” all’Internet delle cose. E’ il messaggio che i Garanti  per la privacy europei hanno lanciato con un recente parere dedicato alla crescente diffusione di  dispositivi “intelligenti” che sono in grado di...
Leggi tutto 660 Visite 0 Voti
Internet e il nodo irrisolto del processo mediatico: intervento di Antonello Soro
Avvisi di garanzia "anticipati" dai giornali; pagine intere di intercettazioni pubblicate sulla stampa; interrogatori di indagati, a volte addirittura in stato di detenzione, divulgati in re­te senza filtri; immagini di imputa­ti in manette...
Leggi tutto 399 Visite 0 Voti
Wi-Fi pubblici, utenti distratti su privacy e dati personali 30 Settembre 2014, 04.00 Federprivacy
Wi-Fi pubblici, utenti distratti su privacy e dati personali
I cittadini usano il Wi-Fi pubblico senza preoccuparsi della loro privacy. Lo dimostra un’indagine condotta da F-Secure per le strade di Londra, dove è stato collocato un hotspot Wi-Fi fasullo. I passanti, sfruttando la connessione gratuita, hanno...
Leggi tutto 731 Visite 0 Voti
Il danno all'immagine dell'automobilista multato mentre va a
Si discute da tempo degli effetti delle ordinanze anti-prostituzione dei sindaci sceriffi e sui rischi connessi con la privacy di chi si trova a "passare" dalle parti frequentate dalle "lucciole". Questa volta la Cassazione con la sentenza 18812/14,...
Leggi tutto 758 Visite 0 Voti
In arrivo la terza "spunta", sempre meno privacy su Whatsapp 04 Settembre 2014, 11.28 Federprivacy
In arrivo la terza
Le doppie spunte di Whatsapp potrebbero a breve diventare tre.  In questo modo, tutti gli utenti potranno verificare quando i propri messaggi verranno letti dai destinatari. Ad esserne certi sono numerosi media internazionali che, oltre a questa...
Leggi tutto 1176 Visite 0 Voti

Sapresti rispondere?

Una violazione alla privacy comporta il risarcimento del danno?
Chiunque cagiona un danno ad altri per effetto del trattamento di dati personali è tenuto al risarcimento ai sensi dell'articolo 2050 del Codice Civile, (esercizio di attività pericolose  - art. 15 Codice della Privacy). Ai sensi dell'articolo 2050 del Codice...
Leggi tutto 12402 Visite 0 Voti

Le Notizie di oggi

Community

Altre discussioni »

 860 visitatori e 1 utente online