Federprivacy

 
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
  • default color
  • green color
  • blue color

Licenziata, per vendicarsi cancella i dati aziendali

E-mail Stampa PDF

Una ex impiegata di Catania, a seguito del suo licenziamento non ci ha pensato due volte ed ha cancellato tutti i dati delle posizioni assicurative dei clienti.

 

 

Vero che la Polizia Postale, attraverso le indagini che ha prontamente condotto, ha denunciato in stato di libertà la 43enne per accesso abusivo a sistema informatico, ma la cancellazione delle posizioni Inail di 37 rispettivi clienti, non è un grattacapo da poco, e neanche una bella figura per il commercialista che nel licenziare la donna pare essersi dimenticato che questa possedesse “le chiavi” per accedere indisturbata al sistema, anche se erano trascorsi alcuni mesi dopo la fine del rapporto di lavoro con questa. Anche il conseguente danno derivante da non aver adottato dovutamente le misure di sicurezza prescritte dal Codice della Privacy non è da poco: stando a quanto riferisce la stessa Polizia Postale, la cessazione assicurativa delle ditte, clienti dello studio commercialista, avrebbero comportato il pagamento di un’ammenda di ben oltre 350,00 euro per ciascuna posizione, per complessivi 13.000 euro!

Se da una parte la ex dipendente passerà adesso qualche guaio, quelli a cui andrebbe incontro il suo ex datore di lavoro potrebbero essere anche peggio: infatti il Dlgs 196/2003, all’art.8 dell’Allegato B prescrive come misura di sicurezza che “Le credenziali sono disattivate … in caso di perdita della qualità che consente all'incaricato l'accesso ai dati personali”, e perciò se risultasse che alla donna fossero state lasciate negligentemente le credenziali di accesso al sistema pur essendo passati alcuni mesi dal licenziamento, il commercialista, in qualità di titolare del trattamento rischierebbe l’imputazione per l’art. 169, il quale riguardo alle misure minime di sicurezza prevede che “Chiunque, essendovi tenuto, omette di adottare le misure minime previste dall'articolo 33 è punito con l'arresto sino a due anni, oltre alle sanzioni amministrative di cui all’art.162 che altresì comportano importi da diecimila euro a centoventimila euro. Su una cosa non c’è di dubbio, se la donna voleva vendicarsi lasciando il segno al suo ex datore di lavoro, ci è riuscita appieno.

Ti può interessare anche:

e-max.it: your social media marketing partner
Ultimo aggiornamento ( Mercoledì 21 Novembre 2012 11:30 )  

Newsletter

Rimani aggiornato con le nostre news periodiche
captcha 
Privacy e Termini di Utilizzo
Ho letto l'informativa e presto il mio consenso

Login

I nostri sostenitori


In primo piano

Cerca un iscritto


Cerca :
Categoria
Provincia
Regione

Cerca Delegato

Mappa dell'Italia Puglia Molise Campania Abruzzo Marche Lazio Umbria Basilicata Toscana Emilia Romagna Calabria

In evidenza: la certificazione di Privacy Officer

Recensioni Stampa

Privacy dei cittadini a rischio con i siti italiani che
Ci sono problemi riguardanti la sfera più intima dell'uomo che comportano a volte un certo imbarazzo nel chiedere certi medicinali al farmacista. Per questo, sono 5 milioni gli italiani che preferiscono "proteggere" la propria privacy ricorrendo ad...
Leggi tutto 319 Visite 0 Voti
Lo studio sulle figure più richieste con il Regolamento Privacy UE sul Sole 24 Ore
Uno studio specializzato dirà quali sono le figure professionali più ricercate dalle aziende e quali competenze serviranno per avere maggiori opportunità di lavoro con il nuovo Regolamento Europeo sulla protezione dei dati. I risultati della ricerca...
Leggi tutto 516 Visite 0 Voti
Uno studio sulle figure più richieste con il Regolamento Privacy UE
Rush finale per l'approvazione della nuova normativa comunitaria sulla protezione dei dati, poi due anni di tempo per adeguarsi. Uno studio specializzato dirà quali sono le figure più ricercate dalle aziende e quali competenze serviranno per avere...
Leggi tutto 627 Visite 0 Voti

Sapresti rispondere?

Cosa vuol dire che i dati trattati in violazione del Codice della Privacy sono inutilizzabili?
L’articolo 11, comma 2, del Codice della privacy prevede l’inutilizzabilità dei dati raccolti e trattati in violazione delle disposizioni del codice. La portata di tale disposizione non è stata ancora apprezzata ma questo significa che un soggetto interessato dal...
Leggi tutto 12710 Visite 0 Voti

Le Notizie di oggi

Community

    • nomine
    • Domanda analoga: in una ditta dove non ci sono dipendenti, ma c'è soltanto un legale rappresentante che...
    • 1 Settimana 14 Ore fa

Altre discussioni »

 2301 visitatori online