Federprivacy

 
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
  • default color
  • green color
  • blue color

A Milano workshop full immersion sul nuovo Regolamento UE sulla privacy

E-mail Stampa PDF


In programma il 21 giugno a Milano il workshop sul Regolamento Europeo sulla protezione dei dati personali (GDPR), promosso da Federprivacy con l'accredito del Consiglio Nazionale Forense. Bernardi: "Vero che imprese che non si adeguano rischiano sanzioni pesanti, ma Regolamento UE crea condizioni ideali per il mercato digitale e rappresenta grande opportunità". In omaggio ad ogni partecipante una copia del libro "Privacy e regolamento europeo 2016/679, guida alle novità", edito da Ipsoa e scritto da Antonio Ciccia Messina e Nicola Bernardi.

Milano, 12 giugno 2017 - Appuntamento da segnare in agenda per professionisti e manager che devono aggiornarsi sul nuovo Regolamento UE 2016/679, al quale aziende e pubbliche amministrazioni si dovranno adeguare tassativamente entro il 25 maggio 2018, senza necessità di recepimento o altri adempimenti formali.

Si svolgerà infatti a Milano il 21 giugno 2017 all'Istituto Piero Pirelli l'incontro di una giornata dal tema "Il Regolamento Europeo sulla Protezione dei Dati", organizzato da Federprivacy con l'accredito del Consiglio Nazionale Forense.

Durante il workshop, gli esperti analizzeranno tutte le principali novità introdotte dal nuovo testo comunitario, interagendo direttamente con partecipanti e addetti ai lavori, che potranno porre quesiti e casi di studio per approfondire i contenuti della nuova normativa sulla privacy. 

L'evento è promosso da Federprivacy, che darà in omaggio ad ogni partecipante una copia del libro "Privacy e regolamento europeo 2016/679, guida alle novità", edito da Ipsoa e scritto da Antonio Ciccia Messina, autore di Italia Oggi, e Nicola Bernardi, presidente di Federprivacy, che commenta così l'avvicinarsi della scadenza per adeguarsi al nuovo testo comunitario sulla protezione dei dati personali:

"E' vero che le aziende che non si adeguano rischiano sanzioni fino a 20 milioni di euro o al 4% del fatturato annuo, ma il fatto di poter contare su regole comuni per tutti gli Stati membri UE crea finalmente le condizioni ideali per lo sviluppo del mercato unico digitale, e questo rappresenta una grande opportunità per le nostre imprese, che adesso possono incrementare il loro business online senza l'ostacolo di normative diverse tra loro all'interno dell'area UE, e soprattutto ad armi pari con i giganti del web d'oltreoceano.".

Per i partecipanti al workshop è previsto il riconoscimento di due crediti per gli avvocati, e dieci crediti per i professionisti certificati come Privacy Officer con TÜV Italia, e anche dieci crediti ai fini dell'Attestato di Qualità dei servizi, che Federprivacy rilascia ai sensi della Legge 4/2013 come associazione iscritta al Ministero dello Sviluppo Economico.

e-max.it: your social media marketing partner
Ultimo aggiornamento ( Giovedì 15 Giugno 2017 07:43 )  

Newsletter

Rimani aggiornato con le nostre news periodiche
captcha 
Privacy e Termini di Utilizzo
Ho letto l'informativa e presto il mio consenso

Statistiche Utenti

Totale iscritti : 6688
Membri online : 7
Mese corrente : 37 iscritti
Totale soci: 1748

Cerca nel sito


Cerca un iscritto


Cerca :
Categoria
Provincia
Regione

Cerca Delegato

Mappa dell'Italia Puglia Molise Campania Abruzzo Marche Lazio Umbria Basilicata Toscana Emilia Romagna Calabria

Visitatori Online

 1081 visitatori e 7 utenti online

Aziende ed enti che aderiscono a Federprivacy


Privacy & Società

Dati del volto degli utenti a rischio privacy con l' iPhone X
C'è un potenziale allarme privacy per il riconoscimento del volto del nuovo iPhone X di Apple: lo solleva un report del Washington Post secondo il quale le misure di sicurezza garantite dalla compagnia di Cupertino rischiano di non essere sufficienti per gli...
Leggi tutto 622 Visite 0 Voti

Le Notizie di oggi

Sapresti rispondere?

Cosa vuol dire che i dati trattati in violazione del Codice della Privacy sono inutilizzabili?
L’articolo 11, comma 2, del Codice della privacy prevede l’inutilizzabilità dei dati raccolti e trattati in violazione delle disposizioni del codice. La portata di tale disposizione non è stata ancora apprezzata ma questo significa che un soggetto interessato dal...
Leggi tutto 15914 Visite 0 Voti

Community

    • ditta individuale e privacy
    • Come noto, in Italia specifico intervento normativo ha sottratto i dati delle imprese, associazioni ecc....
    • 2 Giorni 19 Ore fa
    • gestione privacy in azienda
    • Buongiorno avrei necessità di confrontarmi in merito alla gestione privacy in una azienda che ha come...
    • 1 Mese 1 Giorno fa

Altre discussioni »

 1079 visitatori e 7 utenti online