Federprivacy

 
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
  • default color
  • green color
  • blue color

Regolamento Privacy UE, aziende e professionisti si incontrano a Cosenza

E-mail Stampa PDF

Convegno il 3 aprile in Calabria per analizzare il nuovo testo sulla protezione dei dati a cui imprese pubbliche e private devono conformarsi entro il 25 maggio 2018. Bolognini, Balboni e Bernardi tra i relatori. Ospite di spicco l'ex vice Garante Privacy Giuseppe Chiaravalloti. Crediti formativi per avvocati e privacy officer. Lombardi: "Opportunità per professionisti e aziende del meridione per aggiornarsi sui contenuti del nuovo testo sulla privacy, in modo che possano attivarsi per tempo ed evitare pesanti sanzioni".

Cosenza, 31 marzo 2017- Il nuovo Regolamento Privacy europeo diventerà operativo dal 25 maggio 2018, e da tale data saranno applicabili anche le pesanti sanzioni in esso previste, che potranno arrivare fino a 20 milioni di euro o al 4% del fatturato annuo globale per le imprese che saranno pescate fuori regola.

Se mancano quindi appena 14 mesi alla scadenza, è quindi sempre più urgente che le aziende pubbliche e private acquistino consapevolezza delle attività da intraprendere per adeguarsi, e per questo Federprivacy ha organizzato un incontro per tracciare il quadro sul tema "Il Regolamento UE 2016/679 sulla Protezione dei dati", in programma a Cosenza il 3 aprile 2017, a cui interverranno l'Avv. Luca Bolognini, presidente dell'Istituto Italiano per la Privacy, l'Avv. Paolo Balboni, presidente dell'European Privacy Association, e Nicola Bernardi, presidente di Federprivacy, con ospite di spicco l'ex vice Garante per la Privacy, Giuseppe Chiaravalloti.

L'evento, che si svolgerà all'Hotel Arìha di Rende, è stato promosso dall'Avv. Vittorio Lombardi, membro del Consiglio Direttivo di Federprivacy, che spiega il motivo dell'iniziativa in Calabria:

"A così poco tempo da un cambiamento normativo epocale, come lo è il passaggio dal vecchio Dlgs 196/2003 al nuovo Regolamento Europeo 2016/679, nelle attività divulgative di Federprivacy sulle tematiche della protezione dei dati personali, ci sembrava giusto dare il nostro contributo anche al Sud Italia, e per questo abbiamo deciso di organizzare questo convegno in Calabria - spiega Lombardi - dando così l'opportunità a professionisti e aziende del meridione di aggiornarsi sui contenuti del nuovo testo sulla privacy, in modo che possano attivarsi per tempo ed evitare le pesanti sanzioni che esso prevede".

Per i partecipanti al convegno di Cosenza, è previsto il riconoscimento di 3 crediti formativi per gli avvocati, 3 crediti per i professionisti certificati come Privacy Officer con TÜV Examination Institute, e anche 3 crediti ai fini dell'Attestato di Qualità dei servizi, che Federprivacy rilascia ai sensi della Legge 4/2013 come associazione iscritta al Ministero dello Sviluppo Economico. La partecipazione è gratuita previa prenotazione online.

e-max.it: your social media marketing partner
Ultimo aggiornamento ( Giovedì 06 Aprile 2017 07:27 )  

Newsletter

Rimani aggiornato con le nostre news periodiche
captcha 
Privacy e Termini di Utilizzo
Ho letto l'informativa e presto il mio consenso

Statistiche Utenti

Totale iscritti : 6498
Membri online : 0
Mese corrente : 104 iscritti
Totale soci: 1663

Cerca nel sito


Cerca un iscritto


Cerca :
Categoria
Provincia
Regione

Cerca Delegato

Mappa dell'Italia Puglia Molise Campania Abruzzo Marche Lazio Umbria Basilicata Toscana Emilia Romagna Calabria

Visitatori Online

 500 visitatori online

Aziende ed enti che aderiscono a Federprivacy


Privacy & Società

DoubleLocker, il ransomware che ruba i dati bancari sullo smartphone
I ricercatori di Eset, la più grande casa di software per la sicurezza digitale dell'Unione Europea, hanno scoperto un nuovo malware per Android che mescola un meccanismo di infezione con due potenti strumenti per estorcere denaro alle vittime. Si chiama DoubleLocker e...
Leggi tutto 422 Visite 0 Voti

Le Notizie di oggi

Sapresti rispondere?

La raccolta e conservazione in cartelle dei fascicoli di causa relativi ai clienti costituisce trattamento dati?
La raccolta in un faldone dei fascicoli di causa costituisce un trattamento svolto senza l'ausilio di strumenti automatizzati,non soggetto ai sensi dell'articolo 24, lettera b del Codice al consenso dell'interessato, in quanto riguarda dati necessari all'adempimento di...
Leggi tutto 17921 Visite 0 Voti

Community

Altre discussioni »

 500 visitatori online