Federprivacy

 
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
  • default color
  • green color
  • blue color

Certificazione TÜV di Privacy Officer: le due strade per ottenerla

E-mail Stampa PDF

Con la riforma della Legge 4/2013 sulle professioni non organizzate in ordini e collegi, le certificazioni basate sulla Norma ISO 17024 si sono progressivamente affermate.In particolare, quella di “Privacy Officer & Consulente della Privacy”, rilasciata da TÜV Italia sulla base del disciplinare di Federprivacy, ha visto una costante crescita negli ultimi anni, ed è ormai uno strumento riconosciuto nel mercato del lavoro, di preziosa utilità con il Regolamento UE 2016/679 per dimostrare l'effettivo possesso delle competenze richieste. 

Secondo lo schema dell'organismo di certificazione tedesco, sono due le modalità previste per ottenere il prestigioso certificato:

Se il candidato è un professionista che ha già maturato un'esperienza in materia di privacy e protezione dei dati, con almeno due anni di attività nell'ultimo triennio documentabile, e possiede tutte le conoscenze richieste dalla sezione "formazione specifica" dello schema CDP/TUV, è possibile fare un pre-esame per dimostrare l'idoneità a sostenere direttamente l'esame di certificazione, per poi essere iscritti nel registro di questa figura professsionale. In questo caso, il candidato può contattare l'organismo di certificazione per avviare la procedura. 

Se invece il candidato non è ancora sufficientemente esperto, anzichè fare il pre-esame con TÜV può soddisfare il requisito della formazione specifica frequentando il corso propedeutico "Master Privacy Officer e Consulente della Privacy" di sei giornate promosso da Federprivacy, che in circa 40 edizioni accreditate dal Consiglio Nazionale Forense ha rilasciato l'attestato di competenza ad oltre 1.000 partecipanti.

 

Fatte le debite valutazioni in base al proprio profilo e all'esperienza acquisita, si potrà quindi optare per la scorciatoia del pre-esame per accedere direttamente all'esame di certificazione, oppure seguire la strada più articolata partecipando prima al corso di sei giorni, per poi sostenere la prova con TÜV per ottenere la certificazione, che costituisce una valida credenziale anche per ricoprire il ruolo di data protection officer (DPO), o svolgere altre attività di consulenza con il Regolamento Europeo sulla protezione dei dati personali.

e-max.it: your social media marketing partner
Ultimo aggiornamento ( Venerdì 30 Giugno 2017 08:27 )  

Login

Newsletter

Rimani aggiornato con le nostre news periodiche
captcha 
Privacy e Termini di Utilizzo
Ho letto l'informativa e presto il mio consenso

Statistiche Utenti

Totale iscritti : 6498
Membri online : 0
Mese corrente : 104 iscritti
Totale soci: 1663

Cerca un iscritto


Cerca :
Categoria
Provincia
Regione

Cerca Delegato

Mappa dell'Italia Puglia Molise Campania Abruzzo Marche Lazio Umbria Basilicata Toscana Emilia Romagna Calabria

Recensioni Stampa

Comuni e GDPR: Federprivacy all'Assemblea annuale ANCI 11 Ottobre 2017, 11.13 Federprivacy
Comuni e GDPR: Federprivacy all'Assemblea annuale ANCI
Incontro sul nuovo Regolamento UE 2016/679 in occasione della XXXIV Assemblea Annuale di ANCI. Parteciperà il segretario generale del Garante, e anche il presidente di Federprivacy per tracciare il quadro sul Responsabile della Protezione dei Dati (DPO),...
Leggi tutto 593 Visite 0 Voti
Corso DPO al CNR di Pisa,
Saranno selezionati la prossima settimana i partecipanti del corso di formazione manageriale per Data Protection Officer organizzato da Federprivacy con il patrocinio del CNR di Pisa. Quasi cento le richieste di ammissione, ma solo la metà faranno parte...
Leggi tutto 407 Visite 0 Voti
Privacy Officer, 500 quelli certificati da TÜV entro fine 2017
Cresce il numero dei consulenti esperti di data protection e degli aspiranti DPO che richiedono di certificare le proprie competenze in materia con l'ente tedesco. Altri dodici professionisti hanno superato gli esami nella sessione della settimana scorsa....
Leggi tutto 622 Visite 0 Voti

Privacy & Società

DoubleLocker, il ransomware che ruba i dati bancari sullo smartphone
I ricercatori di Eset, la più grande casa di software per la sicurezza digitale dell'Unione Europea, hanno scoperto un nuovo malware per Android che mescola un meccanismo di infezione con due potenti strumenti per estorcere denaro alle vittime. Si chiama DoubleLocker e...
Leggi tutto 422 Visite 0 Voti

Le Notizie di oggi

Sapresti rispondere?

Le pubbliche amministrazioni devono chiedere il consenso?
No, le pubbliche amministrazioni non devono chiedere il consenso (articolo 18), neppure per trattare i dati sensibili. Per gli enti pubblici vige in materia un apposito divieto di richiedere il consenso agli...
Leggi tutto 16546 Visite 0 Voti

Community

Altre discussioni »

 490 visitatori online