Federprivacy

 
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
  • default color
  • green color
  • blue color

Certificazione TÜV di Privacy Officer: le due strade per ottenerla

E-mail Stampa PDF

Con la riforma delle professioni non protette, la certificazione delle figure professionali (Norma ISO 17024) sta acquisendo crescente importanza nel mercato del lavoro, e tra queste anche quella del “Privacy Officer & Consulente della Privacy”, sull’onda di una parallela crescita di interesse per l’avvicinarsi del nuovo regolamento europeo sullla protezione dei dati, che obbligherà tutte le pubbliche amministrazioni e migliaia di imprese a nominare un responsabile per la sicurezza dei dati (data protection officer). Che dire se si vuole afferrare l’opportunità e specializzarsi come Privacy Officer? O che fare se già si possiedono esperienza e competenze come privacy officer ma non si possiede ancora alcuna certificazione?

Considerando questa ultima casistica, se siamo già esperti di privacy con almeno 2 anni di attività nell'ultimo triennio, e siamo in grado di documentarlo, e possediamo anche tutte le conoscenze richieste dalla sezione “formazione specifica” dei requisiti dello  schema  CDP/TUV della figura professionale di “Privacy Officer & Consulente della Privacy”, potremo ottenere la prestigiosa certificazione da Tuv dimostrando attraverso un pre-esame che siamo già idonei per sostenere l’esame di certificazione ed essere iscritti nel  Registro  dei Privacy Officer senza dover frequentare necessariamente il corso altrimenti richiesto di minimo 48 ore.

Se questo dovesse essere il nostro status, potrebbe essere meno dispendioso e soprattutto meno costoso, prendere la via breve del pre-esame per passare direttamente all’esame di certificazione, e in tal caso, la cosa più opportuna da fare sarebbe quella di chiedere all’ente di certificazione di iscriversi al primo pre-esame in calendario. Per informazioni e/o per iscriversi al pre-esame, bisogna rivolgersi a:TÜV Italia - Examination Institute - Tel: 051 2987411 - Fax: 051 2987499 - Email: info@tuvcertificazionepersonale.it

 

Se invece non siamo ancora esperti a 360 gradi di data protection, è opportuno tenere in considerazione che tra tutti i candidati delle sessioni tenute fino ad oggi di esami di certificazione, secondo i dati pubblicati da Federprivacy, è stata rilevata una  percentuale pari al 6,87%  di candidati che non hanno superato l’esame al primo tentativo, e per questo l’opzione del pre-esame potrebbe rivelarsi un’arma a doppio taglio, dandoci la possibilità di arrivare con una scorciatoia all’esame di certificazione, ma con il pericolo di non essere effettivamente in grado di superarlo, o di non essere dovutamente preparati.

 

In questo caso, la strada migliore potrebbe rimanere quindi quella ordinaria, cioè frequentare il  percorso formativo completo di 48 ore, soddisfacendo così il requisito della formazione specifica non solo formalmente, ma anche e soprattutto sostanzialmente, così da affrontare l’esame di certificazione potendo contare sulle conoscenze e sulle competenze acquisite. Per vedere le edizioni del corso Master Privacy Officer & Consulente della Privacy in programma, visita la sezione  Agenda, o scrivi una mail a formazione@federprivacy.it, oppure telefona al Numero Verde 800910424, gratuito da tutti i numeri fissi nazionali.

Fatte tutte le debite valutazioni, se la privacy fa parte delle nostre attività quotidiane, quello che conta, a prescindere se opteremo per il pre-esame per arrivare subito all'esame di certificazione, o se parteciperemo al corso di 48 ore, quello che conta adesso, è non farsi sfuggire l’opportunità che ci darà il Regolamento Europeo sulla protezione dei dati, che secondo le stime, potrà prevedere non meno di 50.000 privacy officer solo nel nostro Paese, senza contare le opportunità che comunque si apriranno all’estero nei 28 Paesi membri UE che dovranno adeguarsi alle nuove regole designando un privacy officer. E la carta di una certificazione basata sulla Norma ISO 17024 è decisamente quella più spendibile sul mercatotanto in Italia, quanto nelle altre nazioni.

.

e-max.it: your social media marketing partner
Ultimo aggiornamento ( Martedì 29 Dicembre 2015 23:08 )  

Login

Newsletter

Rimani aggiornato con le nostre news periodiche
captcha 
Privacy e Termini di Utilizzo
Ho letto l'informativa e presto il mio consenso

Statistiche Utenti

Totale iscritti : 5697
Membri online : 1
Mese corrente : 145 iscritti
Totale soci: 1480

Cerca un iscritto


Cerca :
Categoria
Provincia
Regione

Cerca Delegato

Mappa dell'Italia Puglia Molise Campania Abruzzo Marche Lazio Umbria Basilicata Toscana Emilia Romagna Calabria

Recensioni Stampa

Regolamento UE 2016/679, a Milano si parla della privacy europea
Manager e professionisti a Milano per una conferenza patrocinata dalla Regione Lombardia e da Federprivacy. Luca Bolognini e Nicola Bernardi trai relatori. Termine per adeguarsi al nuovo testo il 25 maggio 2018, ma il 32% delle aziende non sa ancora se...
Leggi tutto 241 Visite 0 Voti
Privacy, un'azienda italiana su tre ha le idee confuse
Il Regolamento UE 2016/679 sarà operativo tra circa un anno, ma una ricerca mostra che il 32% delle imprese non sa ancora se rientra o no nell'obbligo di nomina del data protection officer, e un'azienda su cinque ha collocato la funzione privacy...
Leggi tutto 1097 Visite 0 Voti
Radio Rai Uno: intervista al presidente di Fedeprivacy su privacy e telemarketing
Che siate a cena, in una riunione di lavoro, o in vacanza, difficilmente scamperete all'assalto dei call center che vi perseguitano per offrirvi l'ultima promozione speciale, e non ricordate di aver mai dato il vostro consenso per essere chiamati sul...
Leggi tutto 661 Visite 0 Voti

Privacy & Società

Privacy, tracciati dati sensibili: class action da 3,7 milioni di dollari per i sex toys
Quasi quattro milioni di dollari, circa 10mila dollari a testa per ogni cliente. È la cifra che Standard Innovation, azienda canadese produttrice di vibratori smart, ha scelto di pagare per risolvere la class action intentata dai propri utenti. La ragione? La compagnia...
Leggi tutto 449 Visite 0 Voti

Le Notizie di oggi

Sapresti rispondere?

Una violazione alla privacy comporta il risarcimento del danno?
Chiunque cagiona un danno ad altri per effetto del trattamento di dati personali è tenuto al risarcimento ai sensi dell'articolo 2050 del Codice Civile, (esercizio di attività pericolose  - art. 15 Codice della Privacy). Ai sensi dell'articolo 2050 del Codice...
Leggi tutto 19513 Visite 0 Voti

Community

Altre discussioni »

 651 visitatori online