Federprivacy

 
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
  • default color
  • green color
  • blue color

Che valore ha la certificazione TÜV di Privacy Officer e Consulente della Privacy?

E-mail Stampa PDF

Innanzitutto, la certificazione della figura professionale del Privacy Officer e Consulente della Privacy, può essere rilasciata solo da un organismo indipendente ed accreditato, operante in conformità agli standard internazionali della Norma ISO/IEC 17024 “Conformity assessment ‐ General requirements for bodies operating certification of Persons”.

Questa nuova norma è sostanzialmente basata sulla Norma europea EN 45013 “Criteri generali per gli organismi di certificazione del personale” (ora sostituita dalla stessa ISO/IEC 17024), rispetto alla quale sono state apportate modifiche basate sull’esperienza già maturata nel settore, ma soprattutto è stata elaborata per la certificazione di qualsiasi figura professionale, come appunto quella del Privacy Officer e Consulente della Privacy, che è stata realizzabile su iniziativa di Federprivacy perché non rientrante tra quelle già previste dal nostro Ordinamento Giuridico con degli specifici ordini professionali.

Uno degli scopi della Norma ISO/IEC 17024 è quello di chiarire nei dettagli come devono essere definiti gli schemi di certificazione per ogni figura professionale, come deve essere costituito e come deve operare un organismo di certificazione quando interviene per certificare una nuova figura professionale, e per questo costituisce un riferimento accettato a livello internazionale per gli stessi organismi di certificazione, in modo da facilitare il reciproco riconoscimento delle stesse certificazioni tra soggetti di nazionalità diversa.

Nel mercato unico, che oltre alla libera circolazione di beni materiali, servizi e risorse finanziarie, vede anche la libera circolazione delle risorse umane,  un Consulente della Privacy certificato offre una garanzia preventiva al mercato,  fornendo un rilevatore immediato e garantito a supporto del cliente, che può oggettivamente distinguere i professionisti preparati da  altri “improvvisati”.

I requisiti che TÜV Examination Institute, quale organismo di certificazione, deve necessariamente osservare nel certificare i professionisti sono, indipendenza,trasparenza, imparzialità, competenza e riservatezza, assenza di conflitti di interesse, partecipazione insieme alle “parti del mercato interessate”, ed equilibrio nelle decisioni, impedendo che prevalgano singoli interessi.

Una ulteriore garanzia dell’affidabilità del professionista certificato come Privacy Officer e Consulente della Privacy è che la durata della certificazione è limitata e controllata nel tempo, e la concessione del rinnovo della certificazione  avviene solo se il professionista:

- ha curato l’aggiornamento professionale previsto;
- ha continuato a svolgere l’attività professionale per la quale è stato certificato;
- ha rispettato il Codice Deontologico sottoscritto al momento della certificazione.

Lo Schema di certificazione del Privacy Officer e Consulente della Privacy, (vedi presentazionecon la collaborazione determinante delle “parti interessate”,  cioè delle organizzazioni e delle istituzioni interessate al settore, comprende i requisiti minimi che deve possedere il candidato, le modalità per accedere alla certificazione e quelle per il suo mantenimento e rinnovo. Inoltre, ai fini del conseguimento della certificazione, è necessario che tali requisiti minimi siano suffragati da riscontri oggettivi e verificabili, e soprattutto che il candidato superi l' esame di certificazione al quale deve obbligatoriamente sottoporsi per dimostrare in modo inequivocabile il possesso delle proprie competenze.

La certificazione non ha validità illimitata ma ha una durata limitata a 3 anni; ogni anno l’attività della persona certificata è sottoposta a sorveglianza. Per il mantenimento annuale è, infatti, necessario dimostrare di aver tenuto un comportamento in linea con il codice deontologico e di non aver ricevuto reclami dai clienti.

Per il rinnovo triennale della certificazione è invece indispensabile produrre adeguata documentazione attestante l'attività svolta, la soddisfazione dei clienti e la partecipazione ad attività formative di aggiornamento professionale.
Per tutto questo, la certificazione del Privacy Officer e Consulente della Privacy ha un valore assoluto sul mercato, e costituisce la miglior garanzia dell’effettiva competenza del professionista con la possibilità di porsi sul mercato con indiscutibile riconoscimento delle proprie capacità.

e-max.it: your social media marketing partner
Ultimo aggiornamento ( Lunedì 16 Gennaio 2017 07:44 )  

Login

Newsletter

Rimani aggiornato con le nostre news periodiche
captcha 
Privacy e Termini di Utilizzo
Ho letto l'informativa e presto il mio consenso

Statistiche Utenti

Totale iscritti : 6048
Membri online : 10
Mese corrente : 107 iscritti
Totale soci: 1593

Cerca un iscritto


Cerca :
Categoria
Provincia
Regione

Regolamento UE 2016/679:il Data Protection Officer

Cerca Delegato

Mappa dell'Italia Puglia Molise Campania Abruzzo Marche Lazio Umbria Basilicata Toscana Emilia Romagna Calabria

Visitatori Online

 809 visitatori e 12 utenti online

Aziende ed enti che aderiscono a Federprivacy

In evidenza: la certificazione di Privacy Officer

Recensioni Stampa

Dati in ostaggio, azienda paga 1 milione di dollari agli hacker
Azienda informatica paga riscatto record da 1 milione di dollari per riavere i dati dei propri server presi in ostaggio dagli hacker. Bernardi: "Imprese attratte dalla trasformazione digitale e dal business dell'e-commerce, ma ancora debole la cultura...
Leggi tutto 279 Visite 0 Voti
Data breach: allarme cybersecurity e privacy a rischio per le aziende
Pochi dollari e conoscenze informatiche di base per trasformare una chiavetta USB in strumento di "hacking" per infettare reti aziendali. Mele:"In Italia siamo ancora lontani dal prendere sul serio il problema del cybercrime. Domina ancora cultura della...
Leggi tutto 338 Visite 0 Voti
Violazioni privacy, in attesa del GDPR non c'è una
Rischio sanzioni fino a 20 milioni di euro o al 4% del fatturato annuo per imprese e pubbliche amministrazioni che non si adeguano al nuovo Regolamento europeo sulla protezione dei dati personali, ma nel frattempo non esiste una sorta di 'vacatio legis'....
Leggi tutto 397 Visite 0 Voti

Privacy & Società

Cybercrime, solo 20 dollari per compromettere una rete aziendale
Un potente strumento di 'hacking' può essere creato con 20 dollari e poche ore di lavoro da chiunque abbia conoscenze di programmazione anche di base. Lo sostengono i ricercatori di KaspersKy Lab che hanno condotto un esperimento sulla base di un fatto realmente...
Leggi tutto 151 Visite 0 Voti

Le Notizie di oggi

Sapresti rispondere?

Cos’è un dato filosofico? 24 Aprile 2010, 00.00
Cos’è un dato filosofico?
E’ opportuno premettere che il Codice della Privacy include  tra i dati sensibili anche quelli idonei a rivelare le convinzioni  filosofiche...
Leggi tutto 24984 Visite 0 Voti

Community

    • Dossier sanitario elettronico
    • Buongiorno In effetti ad essere lesi sono proprio i diritti dell'interessato. Se infatti lo stesso ha...
    • 2 Settimane 4 Giorni fa
    • Dossier sanitario elettronico
    • Buongiorno, L'episodio in corso non rientrerebbe nel DSE non per volere dell'interessato (che ha...
    • 2 Settimane 4 Giorni fa
    • Dossier sanitario elettronico
    • Salve Elisabetta. L'episodio clinico corrente può non essere aggiunto al DSE nel caso in cui il...
    • 2 Settimane 5 Giorni fa

Altre discussioni »

 808 visitatori e 12 utenti online