Federprivacy

 
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
  • default color
  • green color
  • blue color

Che valore ha la certificazione TÜV di Privacy Officer e Consulente della Privacy?

E-mail Stampa PDF

Innanzitutto, la certificazione della figura professionale del Privacy Officer e Consulente della Privacy, può essere rilasciata solo da un organismo indipendente ed accreditato, operante in conformità agli standard internazionali della Norma ISO/IEC 17024 “Conformity assessment ‐ General requirements for bodies operating certification of Persons”.

Questa nuova norma è sostanzialmente basata sulla Norma europea EN 45013 “Criteri generali per gli organismi di certificazione del personale” (ora sostituita dalla stessa ISO/IEC 17024), rispetto alla quale sono state apportate modifiche basate sull’esperienza già maturata nel settore, ma soprattutto è stata elaborata per la certificazione di qualsiasi figura professionale, come appunto quella del Privacy Officer e Consulente della Privacy, che è stata realizzabile su iniziativa di Federprivacy perché non rientrante tra quelle già previste dal nostro Ordinamento Giuridico con degli specifici ordini professionali.

Uno degli scopi della Norma ISO/IEC 17024 è quello di chiarire nei dettagli come devono essere definiti gli schemi di certificazione per ogni figura professionale, come deve essere costituito e come deve operare un organismo di certificazione quando interviene per certificare una nuova figura professionale, e per questo costituisce un riferimento accettato a livello internazionale per gli stessi organismi di certificazione, in modo da facilitare il reciproco riconoscimento delle stesse certificazioni tra soggetti di nazionalità diversa.

Nel mercato unico, che oltre alla libera circolazione di beni materiali, servizi e risorse finanziarie, vede anche la libera circolazione delle risorse umane,  un Consulente della Privacy certificato offre una garanzia preventiva al mercato,  fornendo un rilevatore immediato e garantito a supporto del cliente, che può oggettivamente distinguere i professionisti preparati da  altri “improvvisati”.

I requisiti che TÜV Examination Institute, quale organismo di certificazione, deve necessariamente osservare nel certificare i professionisti sono, indipendenza,trasparenza, imparzialità, competenza e riservatezza, assenza di conflitti di interesse, partecipazione insieme alle “parti del mercato interessate”, ed equilibrio nelle decisioni, impedendo che prevalgano singoli interessi.

Una ulteriore garanzia dell’affidabilità del professionista certificato come Privacy Officer e Consulente della Privacy è che la durata della certificazione è limitata e controllata nel tempo, e la concessione del rinnovo della certificazione  avviene solo se il professionista:

- ha curato l’aggiornamento professionale previsto;
- ha continuato a svolgere l’attività professionale per la quale è stato certificato;
- ha rispettato il Codice Deontologico sottoscritto al momento della certificazione.

Lo Schema di certificazione del Privacy Officer e Consulente della Privacy, (vedi presentazionecon la collaborazione determinante delle “parti interessate”,  cioè delle organizzazioni e delle istituzioni interessate al settore, comprende i requisiti minimi che deve possedere il candidato, le modalità per accedere alla certificazione e quelle per il suo mantenimento e rinnovo. Inoltre, ai fini del conseguimento della certificazione, è necessario che tali requisiti minimi siano suffragati da riscontri oggettivi e verificabili, e soprattutto che il candidato superi l' esame di certificazione al quale deve obbligatoriamente sottoporsi per dimostrare in modo inequivocabile il possesso delle proprie competenze.

La certificazione non ha validità illimitata ma ha una durata limitata a 3 anni; ogni anno l’attività della persona certificata è sottoposta a sorveglianza. Per il mantenimento annuale è, infatti, necessario dimostrare di aver tenuto un comportamento in linea con il codice deontologico e di non aver ricevuto reclami dai clienti.

Per il rinnovo triennale della certificazione è invece indispensabile produrre adeguata documentazione attestante l'attività svolta, la soddisfazione dei clienti e la partecipazione ad attività formative di aggiornamento professionale.
Per tutto questo, la certificazione del Privacy Officer e Consulente della Privacy ha un valore assoluto sul mercato, e costituisce la miglior garanzia dell’effettiva competenza del professionista con la possibilità di porsi sul mercato con indiscutibile riconoscimento delle proprie capacità.

e-max.it: your social media marketing partner
Ultimo aggiornamento ( Lunedì 16 Gennaio 2017 07:44 )  

Login

Newsletter

Rimani aggiornato con le nostre news periodiche
captcha 
Privacy e Termini di Utilizzo
Ho letto l'informativa e presto il mio consenso

Statistiche Utenti

Totale iscritti : 5697
Membri online : 1
Mese corrente : 145 iscritti
Totale soci: 1480

Cerca un iscritto


Cerca :
Categoria
Provincia
Regione

Cerca Delegato

Mappa dell'Italia Puglia Molise Campania Abruzzo Marche Lazio Umbria Basilicata Toscana Emilia Romagna Calabria

Visitatori Online

 643 visitatori online

Aziende ed enti che aderiscono a Federprivacy

In evidenza: la certificazione di Privacy Officer

Recensioni Stampa

Regolamento UE 2016/679, a Milano si parla della privacy europea
Manager e professionisti a Milano per una conferenza patrocinata dalla Regione Lombardia e da Federprivacy. Luca Bolognini e Nicola Bernardi trai relatori. Termine per adeguarsi al nuovo testo il 25 maggio 2018, ma il 32% delle aziende non sa ancora se...
Leggi tutto 241 Visite 0 Voti
Privacy, un'azienda italiana su tre ha le idee confuse
Il Regolamento UE 2016/679 sarà operativo tra circa un anno, ma una ricerca mostra che il 32% delle imprese non sa ancora se rientra o no nell'obbligo di nomina del data protection officer, e un'azienda su cinque ha collocato la funzione privacy...
Leggi tutto 1097 Visite 0 Voti
Radio Rai Uno: intervista al presidente di Fedeprivacy su privacy e telemarketing
Che siate a cena, in una riunione di lavoro, o in vacanza, difficilmente scamperete all'assalto dei call center che vi perseguitano per offrirvi l'ultima promozione speciale, e non ricordate di aver mai dato il vostro consenso per essere chiamati sul...
Leggi tutto 661 Visite 0 Voti

Privacy & Società

Privacy, tracciati dati sensibili: class action da 3,7 milioni di dollari per i sex toys
Quasi quattro milioni di dollari, circa 10mila dollari a testa per ogni cliente. È la cifra che Standard Innovation, azienda canadese produttrice di vibratori smart, ha scelto di pagare per risolvere la class action intentata dai propri utenti. La ragione? La compagnia...
Leggi tutto 449 Visite 0 Voti

Le Notizie di oggi

Sapresti rispondere?

La raccolta e conservazione in cartelle dei fascicoli di causa relativi ai clienti costituisce trattamento dati?
La raccolta in un faldone dei fascicoli di causa costituisce un trattamento svolto senza l'ausilio di strumenti automatizzati,non soggetto ai sensi dell'articolo 24, lettera b del Codice al consenso dell'interessato, in quanto riguarda dati necessari all'adempimento di...
Leggi tutto 17577 Visite 0 Voti

Community

Altre discussioni »

 643 visitatori online