Siti web italiani: riscontrate violazioni privacy per 24 milioni di euro in un solo mese

E-mail Stampa PDF

Nonostante le attività ispettive del Garante per fronteggiare le violazioni si svolgano costantemente sul territorio nazionale, il rispetto della privacy dei cittadini è una realtà ancora lontana in Italia, specialmente nel web, dove spesso agli utenti che desiderano accedere ai vari servizi online è richiesto di compilare dei form di contatto, fornendo le loro informazioni personali, senza però sapere come saranno in realtà utilizzati i propri dati.

E' infatti un diritto dell'interessato, quello di ricevere un'idonea informativa sul trattamento dei dati personali per poter essere in grado di scegliere se prestare o meno il proprio consenso, e l'art. 161 del Dlgs 196/2003 punisce le infrazioni a tale prescrizione con sanzioni pesantissime che vanno dai 6.000 ai 36.000 euro, cifre che possono essere anche raddoppiate se tali violazioni coinvolgono numerosi interessati, come nel caso di siti internet accessibili al pubblico, o addirittura quadruplicate se il contravventore è un soggetto facoltoso.

Che non sempre vi sia la massima trasparenza quando si devono digitare i propri dati su internet, milioni di cittadini ne sono da tempo consapevoli, trovandosi poi bersagliati da continue mail pubblicitarie e telefonate promozionali da parte di soggetti terzi, ma a sentenziare che si tratti di un fenomeno dilagante è adesso lo studio condotto da Federprivacy:

Su 2.500 siti web di enti e imprese italiane, in 1.690 casi non è rispettato l’obbligo di informare l'interessato su come saranno trattati i suoi dati personali in violazione dell’art. 13 del Codice della Privacy, e in molti casi non è rispettata neppure la richiesta di consenso al trattamento dei dati di cui all'art.23. Nel 55% dei casi, a non dare idonea informativa all'interessato, sono piccole e medie imprese, mentre il 17% dei siti web che omettono di dare l'informativa svolgono attività in settori legati alla salute, e che quindi trattano dati sensibili, come ad esempio, ospedali, cliniche, laboratori di analisi, studi medici, dentisti, chirurghi, etc.

Significativo il fatto che nel 7% dei casi, a commettere tali violazioni siano aziende informatiche, come web agency o società di consulenza nel settori di internet, che spesso sviluppano esse stesse numerosi altri siti web per i loro clienti. Risulta inoltre che il 6% dei contravventori sono soggetti di condizioni economiche e dimensionali notevoli, come grandi aziende, multinazionali, enti pubblici, e anche personalità come artisti, politici ed altri vip.

"L'ammontare delle violazioni rilevate nell'arco di un solo mese è stimata, codice alla mano, intorno ai 24 milioni di euro - spiega il presidente di Federprivacy, Nicola Bernardi -  ma la portata del fenomeno è molto più estesa perchè i domini registrati presso il Registro.it del CNR sono ad oggi circa 2,5 milioni, e questo significa che il campione analizzato equivale ad appena un millesimo dei siti italiani. L'entità di queste infrazioni, che sono pure alla bella vista di tutti su internet, è quindi potenzialmente calcolabile in alcuni miliardi di Euro."

Il dossier della ricerca di Federprivacy è adesso sui tavoli del Garante Antonello Soro e del presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, ai quali spetterà valutare i provvedimenti più idonei per arginare questo fenomeno ormai dilagante che minaccia la privacy dei cittadini, e penalizza le casse dello Stato in modo pesantissimo per le multe non contestate. Nel frattempo, è stato aperto anche un sondaggio online per sapere cosa pensino gli utenti al riguardo.

Rassegna stampa sull'argomento: TgCom24 - Italia Oggi  -  La RepubblicaIl Fatto QuotidianoAdnkronos - Libero Quotidiano - AvvenireAvanti! - Venerdì di Repubblica - PanoramaPrima Pagina News - Blitz Quotidiano - AgenParl - Prima PressInfoOggi - PrimaDaNoi - Il Corriere della Privacy - InfoNotizie - Assodigitale - Informazione.it - Help Consumatori - Sassari Notizie - Sardegna Oggi - Padova News - Key4biz - ArezzoWeb - Globalpress - VentoNuovo - Borse.it - Data Manager - Il Corriere delle Comunicazioni - Diritto & Giustizia - Yahoo Notizie - Mediamover - Mediasanonline - News24Games - Pronto Consumatore - Computer World - Notizie In - Tribuna Economica - Hi-Tech Italy - Il Quotidiano Italiano - Business People - MyMarketing.Net - IdeaGeek.it - The Daily Bit - Key4biz - Mr.Webmaster - Il Corriere dell'Informazione - Italia Oggi - Key4biz - Agenzia Fuoritutto -Bitmat - Lo Strillo - Mondoliberonline - Ipsoa - AGG Globalpress - Toscana News - Assodigitale - Duerighe.com - InfoOggi - Mister X - Milano Today - GlobalPress - WebNews - InfoNotizie - Data Manager Online - Assodigitale - Toscana News 24 - Mr Webmaster - Arezzo Web - By Innovation - Il Corriere dell'Informazione - Bitmat - MondoReality - InfoOggi - Telediritto

e-max.it: your social media marketing partner
Ultimo aggiornamento ( Mercoledì 25 Febbraio 2015 05:06 )  

I nostri sostenitori

Newsletter

Rimani aggiornato con le nostre news periodiche
captcha 
Privacy e Termini di Utilizzo
Ho letto l'informativa e presto il mio consenso

Statistiche Utenti

Totale iscritti : 7094
Membri online : 1
Mese corrente : 8 iscritti
Totale soci: 1759

Cerca nel sito


Regolamento UE 2016/679:il Data Protection Officer

Cerca Delegato

Mappa dell'Italia Puglia Molise Campania Abruzzo Marche Lazio Umbria Basilicata Toscana Emilia Romagna Calabria

Visitatori Online

 1088 visitatori e 2 utenti online

Aziende ed enti che aderiscono a Federprivacy

In evidenza: la certificazione di Privacy Officer


Privacy & Società

Privacy:Ue, no negoziati su protezione in intese commerciali
La tutela dei dati personali non può essere oggetto di negoziati nelle intese commerciali tra l'Ue e un Paese terzo, in quanto questa sarà sempre sottoposta strettamente al rispetto delle norme europee in materia. E' quanto ha messo nero su bianco il Collegio dei...
Leggi tutto 1046 Visite 0 Voti

Le Notizie di oggi

Sapresti rispondere?

Quali sono le novità in relazione ai dati sensibili trattati per la gestione del rapporto di lavoro?
Il Codice ha introdotto rispetto al trattamento dei dati nel contesto lavorativo importanti novità ispirate, in particolar modo, alla semplificazione di alcuni adempimenti a carico dei datori di lavoro. In particolare, per il trattamento di dati sensibili da parte...
Leggi tutto 14445 Visite 0 Voti

Community

    • Responsabile esterno??
    • Le caratteristiche dell'atto le ho viste, grazie. Ma era proprio capire, se è eccessivo nominare...
    • 2 Mesi 1 Settimana fa
    • Responsabile esterno??
    • Io mi atterrei a quanto riportato sul sito del Garante, dove si legge: Il Reg UE fissa più...
    • 2 Mesi 2 Settimane fa
    • Responsabile esterno??
    • Con il nuovo Regolamento Europeo come, secondo voi, è meglio identificare le società "destinatarie" dei...
    • 2 Mesi 2 Settimane fa

Altre discussioni »

 1088 visitatori e 2 utenti online