Federprivacy

 
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
  • default color
  • green color
  • blue color

Il privacy officer, valore aggiunto e non burocrate aziendale

E-mail Stampa PDF

Intervenendo alla seconda giornata del Security Summit 2015, il presidente del Garante per la protezione dei dati personali, Antonello Soro, ha sottolineato l’importanza della protezione dei dati e delle reti come “il punto più alto della sicurezza del nostro Paese“, auspicando che  venga presto introdotta la figura del Privacy Officer nelle imprese che, al pari degli altri professionisti che oggi proteggono la vita dell’azienda, come il consulente fiscale, svolga un’attività a garanzia della sicurezza dei dati e delle informazioni: 

Crediamo sia logico spostare sulle singole imprese e pubbliche amministrazioni un supplemento di responsabilità in tema di protezione dei dati personali. Entrare in questa mentalità significa iniziare a tutelare meglio i propri interessi di azienda e quelli dei cittadini”, ha precisato Soro.

In sintonia con il punto di vista del Garante, a margine del Security Summit il presidente di Federprivacy Nicola Bernardi, ha affermato: “ Il privacy officer è ormai una figura indispensabile per tutte le aziende che devono affrontare la sfida dell’economia digitale e rimanere competitive nel mercato. Anche se in Europa questa figura sarà prevista come un obbligo nel nuovo regolamento europeo sulla protezione dei dati, è richiesto un cambio culturale sul modello americano, dove non esiste una imposizione della legge per la nomina del privacy officer, ma tutte le aziende strutturate ce l’hanno e  lo considerano come un indiscutibile valore aggiunto. Non vogliamo perciò dare ad intendere che si tratti solo di un burocrate imposto da una normativa, ma deve piuttosto essere un professionista dinamico e proattivo, con specifiche competenze giuridiche, e con spiccati skills informatici, dato che la maggioranza dei flussi di dati circola ormai attraverso pc, social network e siti web, tablet, smartphone, ed altri devices mobili.”

La figura del privacy officer, esiste negli USA dagli ’90, e in Europa sta vedendo una progressiva diffusione in questi ultimi anni, specialmente in 15 nazioni del vecchio continente che hanno già stabilito regole precise per prevederlo nei rispettivi ordinamenti. In Italia, al momento non è previsto a livello normativo, ma sarà comunque introdotto con la nuova normativa europea che attende di essere approvata quest’anno in sede UE. Secondo il criterio nel testo attuale in discussione a Bruxelles, la sua nomina sarà obbligatoria per tutte le pubbliche amministrazioni, e per tutte le imprese che effettuano trattamenti di dati personali di più di 5.000 interessati in qualsiasi periodo di 12 mesi consecutivi, oppure quando le proprie attività principali consistono in trattamenti che richiedono il controllo regolare e sistematico degli interessati.

Comunicato Stampa del 20 marzo 2015 - Rassegna Stampa: BitMat - Tribuna Economica - Corriere dell'Informazione - Inside MarketingData Manager Online - InfoNotizie - Inside Marketing

e-max.it: your social media marketing partner
Ultimo aggiornamento ( Venerdì 27 Marzo 2015 09:17 )  

I nostri sostenitori

Newsletter

Rimani aggiornato con le nostre news periodiche
captcha 
Privacy e Termini di Utilizzo
Ho letto l'informativa e presto il mio consenso

Statistiche Utenti

Totale iscritti : 6358
Membri online : 15
Mese corrente : 98 iscritti
Totale soci: 1660

Cerca nel sito


Cerca un iscritto


Cerca :
Categoria
Provincia
Regione

Cerca Delegato

Mappa dell'Italia Puglia Molise Campania Abruzzo Marche Lazio Umbria Basilicata Toscana Emilia Romagna Calabria

Visitatori Online

 2119 visitatori e 17 utenti online

Aziende ed enti che aderiscono a Federprivacy

In evidenza: la certificazione di Privacy Officer


Privacy & Società

Violazione privacy, filmano e fotografano donna nuda in casa: denunciati
L'avevano ripresa e fotografata, a distanza, mentre nuda girava per casa propria. La donna si è accorta però di essere stata ripresa e non ha avuto esitazioni nel recarsi in Questura per presentare una querela. A scattare le foto e le riprese, sono stati due operai...
Leggi tutto 387 Visite 0 Voti

Le Notizie di oggi

Sapresti rispondere?

Le pubbliche amministrazioni devono chiedere il consenso?
No, le pubbliche amministrazioni non devono chiedere il consenso (articolo 18), neppure per trattare i dati sensibili. Per gli enti pubblici vige in materia un apposito divieto di richiedere il consenso agli...
Leggi tutto 16512 Visite 0 Voti

Community

    • trasferimento dati all'estero
    • Buon pomeriggio ecco il mio quesito: un'azienda annovera tra i suoi clienti alcune società avente sede...
    • 1 Mese 4 Settimane fa
    • Videosorveglianza nei Comuni
    • Per comuni che adottano sistemi di videosorveglianza in aree pubbliche per motivi di sicurezza (e non...
    • 2 Mesi 3 Giorni fa
    • Dossier sanitario elettronico
    • Buongiorno In effetti ad essere lesi sono proprio i diritti dell'interessato. Se infatti lo stesso ha...
    • 3 Mesi 2 Settimane fa

Altre discussioni »

 2119 visitatori e 17 utenti online