Federprivacy

 
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
  • default color
  • green color
  • blue color

Ecco l'identikit degli specialisti della privacy con il mercato digitale

E-mail Stampa PDF

La trasformazione digitale in Italia ha un valore di 25 miliardi di euro e 200mila occupati. Elio Catania, presidente di Confindustria Digitale: "un’occasione di sviluppo che non possiamo perdere". Una ricerca evidenzia che, con il nuovo Regolamento UE sulla protezione dei dati, imprese e PA ricercheranno privacy officer e responsabili privacy. Iniziati in UNI i lavori per pubblicare una norma tecnica sui profili professionali del settore privacy. Al 5° Privacy Day Forum presentati i risultati della ricerca sui profili professionali dei settori della privacy.

Secondo l’ultimo report di Assinform, il mercato digitale italiano è cresciuto dell’1,5% nei primi sei mesi del 2015, contro il -3,1% dello stesso periodo del 2014, segnando finalmente un'inversione di tendenza e una crescita superiore rispetto alle stime precedenti: +1,1%.

Se i segnali sono dunque positivi, è anche vero che il settore ICT conta oltre 75mila aziende con 456mila addetti, ma il ritardo sul digitale ostruisce un potenziale ancor maggiore, come spiega  il presidente di Confindustria Digitale, Elio Catania:

“La trasformazione digitale che sta rivoluzionando l’economia mondiale sconta nel nostro Paese un grave ritardo di execution. Un gap che vale 25 miliardi in termini di mancato giro d’affari e 200mila occupati. È di tutta evidenza che per abilitare la trasformazione digitale abbiamo bisogno di professionisti skillati sulle nuove tecnologie e sull’impatto che queste hanno nei processi organizzativi e produttivi delle imprese e delle Pubbliche Amministrazioni."

E il mercato digitale può fare da traino non solo all'economia italiana in generale, ma anche a specifici settori collegati, come quello delle professioni in materia di privacy, come spiega lo stesso Elio Catania, che affronta l'argomento al 5° Privacy Day Forum organizzato da Federprivacy:

"In questo senso non è possibile pensare ad un futuro in cui le aziende e le PA non siano dotate anche di specialisti della protezione dei dati. Si tratta di un’opportunità per garantire efficienza e sviluppo di nuovi servizi per il mercato che vale migliaia di nuovi posti di lavoro. Un’occasione di sviluppo che come sistema Paese non possiamo perdere”.

In questa prospettiva, Federprivacy ha condotto una ricerca su un campione  di oltre 1.000 aziende per conoscere la percezione del mercato sui profili delle figure professionali che saranno richieste con l'introduzione del nuovo Regolamento Europeo sulla protezione dei dati, che sarà vigente in tutti gli Stati membri della UE, di cui il presidente di Federprivacy, Nicola Bernardi, dà un'anteprima:

"I risultati indicano che il 19,7% delle aziende avverte la necessità di avere nel proprio organico un responsabile privacy, e il 28,8% ritiene che la figura più richiesta nel settore sarà il privacy officer. Questo denota una crescente consapevolezza da parte del tessuto imprenditoriale italiano rispetto alle tematiche relative alla protezione dei dati"

Il rapporto della Ricerca, sarà illustrato ed analizzato durante il Privacy Day Forum il 21 ottobre da Stefano Bonetto, presidente della Commissione Servizi di UNI, l'Ente di normazione nazionale, che visto l'interesse del mercato, ha recentemente iniziato i lavori per definire una norma tecnica sui profili professionali del settore della protezione dei dati. Proprio al convegno annuale di Federprivacy si svolgerà la prima riunione ufficiale del Gruppo di Lavoro per le professioni in seno alla stessa associazione.

Comunicato Stampa del 20 ottobre 2015

 

e-max.it: your social media marketing partner
Ultimo aggiornamento ( Martedì 20 Ottobre 2015 21:35 )  

I nostri sostenitori

Newsletter

Rimani aggiornato con le nostre news periodiche
captcha 
Privacy e Termini di Utilizzo
Ho letto l'informativa e presto il mio consenso

Statistiche Utenti

Totale iscritti : 6842
Membri online : 9
Mese corrente : 111 iscritti
Totale soci: 1749

Cerca nel sito


Cerca un iscritto


Cerca :
Categoria
Provincia
Regione

Cerca Delegato

Mappa dell'Italia Puglia Molise Campania Abruzzo Marche Lazio Umbria Basilicata Toscana Emilia Romagna Calabria

Visitatori Online

 823 visitatori e 11 utenti online

Aziende ed enti che aderiscono a Federprivacy

In evidenza: la certificazione di Privacy Officer


Privacy & Società

Foto sui social dei figli minorenni, genitori rischiano multa fino a 10mila euro
Il sorriso di Sofia mentre mangia un gelato o quello di Francesco che tira un calcio al pallone: ricordi che ogni genitore vuole conservare e condividere con parenti e amici, spesso anche utilizzando i social network. Ma attenzione: un gesto che può sembrare innocente...
Leggi tutto 1118 Visite 0 Voti

Le Notizie di oggi

Sapresti rispondere?

Che succede se non si applicano le misure di sicurezza?
L’omessa adozione di misure minime di sicurezza è punita dall’articolo 169 del Codice della privacy. Viene punito con l'arresto sino a due anni o con l'ammenda da diecimila euro a cinquantamila euro chi ha omesso di adottare le misure previste dall’articolo 33 e...
Leggi tutto 14688 Visite 0 Voti

Community

    • ditta individuale e privacy
    • Come noto, in Italia specifico intervento normativo ha sottratto i dati delle imprese, associazioni ecc....
    • 1 Mese 1 Settimana fa
    • gestione privacy in azienda
    • Buongiorno avrei necessità di confrontarmi in merito alla gestione privacy in una azienda che ha come...
    • 2 Mesi 1 Settimana fa

Altre discussioni »

 823 visitatori e 11 utenti online