Smartphone e tablet, quando perderli costa caro alle aziende

E-mail Stampa PDF

Non solo gli hacker trafugano le informazioni riservate: uno studio evidenzia come sempre più spesso sono gli smarrimenti di telefonini e tablet a mettere nei guai le aziende. Rapetto, che tratterà l'argomento al Festival ICT: "prezzo da pagare in termini di conseguenze è senza dubbio più elevato della spesa da sostenere per crittografare i dati o per cancellazione da remoto".

Milano, 10 novembre 2015 - Una recente ricerca condotta nel Nord Europa dal think tank Vanson Bourne ha ribadito che il 44 per cento delle aziende britanniche e tedesche ha avuto problemi a seguito dello smarrimento di smartphone e tablet da parte di qualche top manager. Nel 93 per cento dei casi i dispositivi mobili contenevano informazioni “di lavoro”: il 49% degli apparati avevano al loro interno mail riservate, il 38% custodiva non protetti file e documenti di elevata criticità per l’organizzazione di appartenenza, il 24% conservava dati di clienti di cui non era opportuna la divulgazione.

Al Festival ICT 2015, domani a Milano, il generale Umberto Rapetto – storico comandante del GAT Nucleo Speciale Frodi Telematiche della Guardia di Finanza ed esperto a livello internazionale di sicurezza informatica – affronterà proprio il lato oscuro dei dispositivi mobili. Comodità ed efficienza, infatti, spesso vengono azzerati dal verificarsi di inconvenienti – come lo smarrimento o il furto di un apparato portatile – che possono compromettere la sfera di riservatezza e la competitività di qualunque impresa o ente.

“La perdita della disponibilità di un cellulare intelligente, di un palmare, di un tablet o di un laptop può riservare sorprese davvero sgradevoli. Purtroppo sono pochi le organizzazioni (e ancor meno gli utenti al loro interno) a prendere in considerazione il problema” dichiara Umberto Rapetto “e il prezzo da pagare in termini di conseguenze è senza dubbio più elevato della spesa che si poteva sostenere per crittografare i dati sui dispositivi o per implementare soluzioni di cancellazione da remoto di contenuti meritevoli di protezione”.

Secondo il generale Rapetto non sono a rischio solo i dispositivi che spariscono per distrazione di chi li ha in consegna o per furti con destrezza. “Molto sovente le aziende hanno interesse a mantenere «giovane» il parco tecnologico in dotazione e sostituiscono con una certa frequenza gli apparati affidati a manager e dipendenti. Quante imprese si prendono cura di «ripulire» il contenuto di smartphone o tablet destinati ad andare in pensione e ad esser venduti sottocosto?”

Rapetto non esita a ricordare che anche una fotocopiatrice, sostituita perché obsoleta, può essere molto appetibile sul mercato: il disco fisso al suo interno contiene copia di quanto è stato riprodotto e la concorrenza attenta può non farsi sfuggire una così golosa opportunità di spionaggio a costo quasi zero”.

“Software e dispositivi tecnici - capaci di impedire il recupero di informazioni precedentemente memorizzate – non mancano davvero eppure certe operazioni di bonifica stentano ad incontrare interesse. Soltanto quando ci si trova dinanzi ad una fuga di notizie, qualcuno comincia a pensare che non ci sia stata nessuna spy story ma solo una sconsiderata leggerezza nella gestione dei dispositivi informatici rottamati a dispetto dei segreti che contenevano”.

La conferenza di Rapetto al Festival ICT con Federprivacy è destinata a diventare un appuntamento irrinunciabile. I temi – di estrema attualità – sapranno incuriosire e soprattutto faranno riflettere gli addetti ai lavori e tutti quelli che hanno posizioni di responsabilità nelle imprese.

Comunicato Stampa del 10 novembre 2015

e-max.it: your social media marketing partner
Ultimo aggiornamento ( Martedì 10 Novembre 2015 11:09 )  

I nostri sostenitori

Newsletter

Rimani aggiornato con le nostre news periodiche
captcha 
Privacy e Termini di Utilizzo
Ho letto l'informativa e presto il mio consenso

Statistiche Utenti

Totale iscritti : 7097
Membri online : 0
Mese corrente : 2 iscritti
Totale soci: 1759

Cerca nel sito


Regolamento UE 2016/679:il Data Protection Officer

Cerca Delegato

Mappa dell'Italia Puglia Molise Campania Abruzzo Marche Lazio Umbria Basilicata Toscana Emilia Romagna Calabria

Visitatori Online

 985 visitatori online

Aziende ed enti che aderiscono a Federprivacy

In evidenza: la certificazione di Privacy Officer


Privacy & Società

Privacy:Ue, no negoziati su protezione in intese commerciali
La tutela dei dati personali non può essere oggetto di negoziati nelle intese commerciali tra l'Ue e un Paese terzo, in quanto questa sarà sempre sottoposta strettamente al rispetto delle norme europee in materia. E' quanto ha messo nero su bianco il Collegio dei...
Leggi tutto 1423 Visite 0 Voti

Le Notizie di oggi

Sapresti rispondere?

Cosa può fare chi ritiene che siano stati violati i propri diritti?
Se i diritti previsti dal Codice della privacy non sono riconosciuti spontaneamente dal titolare del trattamento, allora l’interessato ha la possibilità di attivare il ricorso al Garante o a sua scelta il ricorso al giudice ordinario. La procedura per la decisione da...
Leggi tutto 19878 Visite 0 Voti

Community

    • Responsabile esterno??
    • Le caratteristiche dell'atto le ho viste, grazie. Ma era proprio capire, se è eccessivo nominare...
    • 4 Mesi 1 Settimana fa
    • Responsabile esterno??
    • Io mi atterrei a quanto riportato sul sito del Garante, dove si legge: Il Reg UE fissa più...
    • 4 Mesi 1 Settimana fa
    • Responsabile esterno??
    • Con il nuovo Regolamento Europeo come, secondo voi, è meglio identificare le società "destinatarie" dei...
    • 4 Mesi 1 Settimana fa

Altre discussioni »

 985 visitatori online