Controlli a distanza sul lavoro, rischio boom di violazioni privacy

E-mail Stampa PDF

A tre mesi dalla modifica introdotta dal Jobs Act, molte aziende che utilizzano tablet e smartphone per controllare i dipendenti con approssimazione riguardo alle prescrizioni della nuova disciplina rischiano multe pesantissime da parte del Garante. Bolognini: "Malgrado le maggiori aperture del nuovo art.4 dello Statuto dei Lavoratori, aziende rischiano di scivolare proprio sulla privacy". Avviato sondaggio online rivolto ai professionisti.

Firenze, 12 gennaio 2016 - Sono trascorsi ormai più di tre mesi dall'entrata in vigore degli ultimi decreti attuativi del Jobs Act, con cui é cambiata anche la disciplina dei controlli a distanza sui lavoratori, ma l'acceso dibattito politico e le polemiche che vi hanno fatto eco attraverso i media, non hanno contribuito a fare ancora la necessaria chiarezza sul nuovo quadro giuridico, che da una parte apre alla possibilità di maggiori controlli del datore di lavoro, ma dall'altra conserva i fondamentali diritti a favore dei dipendenti sul rispetto della loro dignità, nonché sulle tutele del Codice della Privacy.

Mettendo mano ad una legge scritta 45 anni fa, l'intento del Jobs Act è quello di rendere lo Statuto dei Lavoratori più adeguato al contesto tecnologico del mondo del lavoro attuale rispetto a quando fu introdotto nel 1970, anche se pare che molte aziende stiano ancora faticando a districarsi in una materia complessa, che si intreccia tra disciplina giuslavoristica, normativa privacy, e codice penale.

"Se le aziende dovessero continuare a tergiversare invece di affrontare la questione con la dovuta diligenza, vedremmo purtroppo un’esplosione di vertenze e procedimenti innanzi al Garante della Privacy - afferma il presidente di Federprivacy, Nicola Bernardi - In tal caso, la gestione dei contenziosi diventerà una criticità per chi oggi preferisce chiudere gli occhi e pensare a suo rischio e pericolo che il Jobs Act abbia liberalizzato senza se e senza ma i controlli sui lavoratori".    

In effetti, anche utilizzare con superficialità comuni strumenti di lavoro come smartphone e tablet per verificare l'operato dei dipendenti espone a pesantissime sanzioni del Garante, ma soprattutto – oggi, dopo la riforma, ancora più di ieri – può portare i datori di lavoro a vedersi dichiarare comunque inutilizzabili le prove raccolte per fini disciplinari o per contenziosi con ex dipendenti.

In che modo le aziende debbano attivarsi per operare correttamente ed evitare le violazioni del Codice della Privacy e dello Statuto dei Lavoratori, lo sintetizza l’avvocato Luca Bolognini, presidente dell'Istituto Italiano per la Privacy: 

"Con l'innovazione del Jobs Act, tutte le aziende devono fare tre cose prima possibile: innanzitutto, censire gli strumenti per capire cosa richieda ancora autorizzazioni/accordi o no, secondo aggiornare i disciplinari sull'uso degli strumenti e sui controlli, terzo rivedere le policy privacy. Proprio sulla privacy i datori di lavoro rischiano di scivolare in futuro, se non faranno le cose bene, malgrado le maggiori aperture del nuovo art. 4 dello Statuto dei Lavoratori".

Viste le necessità di tracciare un quadro nitido sulla materia, è stato organizzato un workshop a Milano per il prossimo 28 gennaio su "Privacy e controllo sui lavoratori alla luce dei decreti attuativi del Jobs Act", promosso da AFGE e Federprivacy, al quale interverranno noti esperti della materia come l'ex Garante Francesco Pizzetti, il presidente dell' Istituto Italiano per la Privacy Luca Bolognini, Antonio Ciccia di Italia Oggi, e l'ex ufficiale dei Carabinieri Angelo jannone.

Nel frattempo, è stato avviato anche un sondaggio online sul sito di Federprivacy, rivolto ai professionisti per conoscere la loro percezione generale circa la nuova disciplina sui controlli a distanza sui lavoratori.

Comunicato Stampa del 12 gennaio 2015

Rassegna Stampa: AdnKronos - Wired - Soldi & Lavoro - InfoNotizie - Il Corriere dell'Informazione

e-max.it: your social media marketing partner
Ultimo aggiornamento ( Mercoledì 10 Febbraio 2016 10:24 )  

I nostri sostenitori

Newsletter

Rimani aggiornato con le nostre news periodiche
captcha 
Privacy e Termini di Utilizzo
Ho letto l'informativa e presto il mio consenso

Statistiche Utenti

Totale iscritti : 7098
Membri online : 0
Mese corrente : 0 iscritti
Totale soci: 1759

Cerca nel sito


Regolamento UE 2016/679:il Data Protection Officer

Cerca Delegato

Mappa dell'Italia Puglia Molise Campania Abruzzo Marche Lazio Umbria Basilicata Toscana Emilia Romagna Calabria

Visitatori Online

 522 visitatori online

Aziende ed enti che aderiscono a Federprivacy

In evidenza: la certificazione di Privacy Officer


Privacy & Società

Privacy:Ue, no negoziati su protezione in intese commerciali
La tutela dei dati personali non può essere oggetto di negoziati nelle intese commerciali tra l'Ue e un Paese terzo, in quanto questa sarà sempre sottoposta strettamente al rispetto delle norme europee in materia. E' quanto ha messo nero su bianco il Collegio dei...
Leggi tutto 4116 Visite 0 Voti

Le Notizie di oggi

Sapresti rispondere?

Gli incaricati vanno nominati? 02 Maggio 2006, 00.00
Gli incaricati vanno nominati?
Si. L'articolo 30 prevede un doppio binario per la designazione degli incaricati. La designazione può essere effettuata individuando puntualmente l'ambito del trattamento consentito. Si considera, però valida la designazione di incaricato mediante la documentata...
Leggi tutto 16732 Visite 0 Voti

Community

  • Nessun messaggio da mostrare.
 522 visitatori online