Regolamento UE, largo ai privacy officer, ma la trasparenza è a rischio

E-mail Stampa PDF

Spazio agli esperti di protezione dei dati con il nuovo Regolamento UE che sarà approvato in primavera. Norme tecniche in cantiere in UNI, ma l'imminente approvazione della normativa prefigura un mercato dei professionisti ancora privo di standard ufficiali di riferimento per definire i profili professionali del settore. Crescono le certificazioni dei professionisti, già 300 quelle rilasciate da TÜV Italia. Esami il 19 febbraio a Milano.

Firenze, 10 febbraio 2016 - Il Regolamento UE sulla protezione dei dati è in arrivo, e le aziende pubbliche e private dovranno adesso rimboccarsi le maniche per adeguarsi, ricorrendo a specialisti della materia che siano in grado di dare adeguato supporto per traghettare dall'attuale Codice della Privacy alle nuove e complesse regole comunitarie.

Sul fronte delle professioni, nei prossimi 2 anni la nuova normativa darà spazio a migliaia di opportunità, con 20mila pubbliche amministrazioni e più di 25mila altre aziende che, trattando dati che richiedono il controllo regolare e sistematico degli interessati su larga scala, rientrano nell'obbligo di dotarsi di un responsabile, il cosiddetto privacy officer.

Il problema che tuttavia si pone è quello della trasparenza del mercato, perché allo stato attuale non esiste un albo specifico degli esperti di protezione dei dati, e anche se in UNI sono già in cantiere delle specifiche norme sui profili professionali del settore della privacy, i lavori che porteranno alla loro pubblicazione richiederanno probabilmente almeno un anno.

"Gli head hunter e le stesse aziende devono prestare molta attenzione quando gestiscono le selezioni per individuare il professionista a cui affidare l'incarico di curare gli adeguamenti in materia di protezione dei dati, perché non esistono abilitazioni o ordini che garantiscono la qualità dei servizi di chi si propone come esperto di privacy - afferma il presidente di Federprivacy, Nicola Bernardi - Lo sviluppo delle norme per definire gli standard da noi sollecitato ad UNI fin dal 2013 non è purtroppo tempestivo rispetto all'approvazione definitiva del Regolamento UE in agenda per questa primavera, e il mercato ha ormai già l'esigenza di avere specifici criteri di riferimento per poter scegliere correttamente i candidati. Attualmente, l'unico strumento credibile ed obiettivo, è quindi quello delle certificazioni dei professionisti, come quella rilasciata dal TÜV Examination Institute sulla base del disciplinare elaborato da Federprivacy."

Le certificazioni del personale basate sulla Norma ISO/IEC 17024:2012 sono riconosciute dal mercato a livello internazionale, perché permettono a coloro che le richiedono di dimostrare in concreto che possiedono le competenze definite nello schema attraverso un processo di verifica e valutazione oggettiva da parte dell'organismo di certificazione abilitato, che emette il certificato solo dopo un preventivo esame documentale, e prove sia scritte che orali, con un colloquio che il candidato deve sostenere con un commissario dell'ente.

Con oltre mille professionisti che hanno avviato il percorso per la certificazione di TÜV di "Privacy Officer e Consulente della Privacy", e circa 300 che l'hanno già ottenuta, il numero degli esperti della materia che decidono di mettersi in gioco per ottenerla è in costante crescita, e il prossimo 17 febbraio è già confermata a Milano un'ulteriore sessione di esami presso la sede di TÜV Italia.

Comunicato Stampa del 10 febbraio 2016


e-max.it: your social media marketing partner
Ultimo aggiornamento ( Mercoledì 10 Febbraio 2016 14:13 )  

I nostri sostenitori

Newsletter

Rimani aggiornato con le nostre news periodiche
captcha 
Privacy e Termini di Utilizzo
Ho letto l'informativa e presto il mio consenso

Statistiche Utenti

Totale iscritti : 7097
Membri online : 0
Mese corrente : 0 iscritti
Totale soci: 1759

Cerca nel sito


Regolamento UE 2016/679:il Data Protection Officer

Cerca Delegato

Mappa dell'Italia Puglia Molise Campania Abruzzo Marche Lazio Umbria Basilicata Toscana Emilia Romagna Calabria

Visitatori Online

 511 visitatori online

Aziende ed enti che aderiscono a Federprivacy

In evidenza: la certificazione di Privacy Officer


Privacy & Società

Privacy:Ue, no negoziati su protezione in intese commerciali
La tutela dei dati personali non può essere oggetto di negoziati nelle intese commerciali tra l'Ue e un Paese terzo, in quanto questa sarà sempre sottoposta strettamente al rispetto delle norme europee in materia. E' quanto ha messo nero su bianco il Collegio dei...
Leggi tutto 2525 Visite 0 Voti

Le Notizie di oggi

Sapresti rispondere?

Chi può iscriversi nel registro pubblico delle opposizioni e a che cosa serve?
Nel Registro delle Opposizioni possono iscriversi tutti coloro che compaiono come abbonati di utenze telefoniche sull'elenco telefonico pubblico. L'iscrizione consiste nel far indicare sul registro la propria come risulta sull'elenco. Tramite questa operazione...
Leggi tutto 28385 Visite 0 Voti

Community

    • Responsabile esterno??
    • Le caratteristiche dell'atto le ho viste, grazie. Ma era proprio capire, se è eccessivo nominare...
    • 7 Mesi 1 Settimana fa
    • Responsabile esterno??
    • Io mi atterrei a quanto riportato sul sito del Garante, dove si legge: Il Reg UE fissa più...
    • 7 Mesi 2 Settimane fa
    • Responsabile esterno??
    • Con il nuovo Regolamento Europeo come, secondo voi, è meglio identificare le società "destinatarie" dei...
    • 7 Mesi 2 Settimane fa

Altre discussioni »

 511 visitatori online