Federprivacy

 
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
  • default color
  • green color
  • blue color

Controlli a distanza sul lavoro e Jobs Act, professionisti con le idee confuse

E-mail Stampa PDF

Il 74% dei professionisti dichiara di non aver ancora ben compreso la nuova disciplina sui controlli a distanza sui lavoratori. App e apparecchi gps venduti in internet senza una corretta informazione sugli adempimenti richiesti dal Codice Privacy aumentano rischio contenziosi nei prossimi mesi. Attesa per incontro a Roma il prossimo 22 marzo con Augusta Iannini, che rappresenterà la posizione dell'Autorità.

Roma, 15 marzo 2016 - A più di cinque mesi dall'entrata in vigore degli ultimi decreti attuativi del Jobs Act, aziende e professionisti non hanno ancora le idee chiare sulla nuova disciplina dei controlli a distanza sui lavoratori.

A evidenziarlo, è un sondaggio online in cui il 74% degli addetti ai lavori ha dichiarato che sulla materia era effettivamente necessario intervenire sullo Statuto dei Lavoratori, ma che d'altra parte il modo in cui sono state fatte le modifiche è risultato poco chiaro.

Anche se l'intento del Jobs Act era quello di rendere lo Statuto dei Lavoratori più  adeguato al contesto tecnologico del mondo del lavoro attuale rispetto a quando fu introdotto nel 1970, a quanto pare molte aziende stanno ancora faticando a farsi un quadro nitido di questa materia complessa, che si intreccia tra disciplina giuslavoristica, normativa privacy, e codice penale.

Il rischio, è ovviamente che le aziende si spingano ben oltre ciò che è consentito loro fare quando intendono controllare i propri dipendenti, e di vedere quindi non rispettati i diritti fondamentali che i lavoratori hanno comunque conservato anche dopo il Jobs Act, compresi quelli relativi alla normativa sulla privacy, con un potenziale aumento di contenziosi nei prossimi mesi.

Ad aumentare il pericolo di violazioni della privacy dei lavoratori non ci sono le idee ancora confuse da parte delle aziende, ma anche la facilità con cui è possibile mettere in atto controlli invasivi sui dipendenti, come rileva il presidente di Federprivacy, Nicola Bernardi:

"Sono reclamizzate in internet ed è fin troppo facile acquistare app che possono trasformare smartphone e tablet aziendali in vere e proprie cimici ambientali, oppure apparecchiature gps da installare sugli automezzi in grado di monitorare ogni spostamento dei dipendenti, ma spesso chi acquista questi strumenti non è adeguatamente messo al corrente che alcuni di questi metodi erano e rimangono vietati anche con il Jobs Act, e che anche nei casi in cui è adesso possibile controllare i lavoratori, questi devono essere dovutamente informati, ed è comunque necessario rispettare tutte le prescrizioni del Codice della Privacy."

Per fare maggiore chiarezza sull'argomento, è atteso l'intervento di Augusta Iannini al workshop organizzato da AFGE che si svolgerà il 22 marzo a Roma, dove la vice presidente del Garante rappresenterà la posizione dell'Autorità per la protezione dei dati personali alla luce dei cambiamenti introdotti dal Jobs Act.

All'incontro parteciperanno anche altri esperti della materia, come Luca Bolognini, presidente dell'Istituto Italiano per la Privacy, Marco Marazza, professore ordinario di diritto del lavoro presso l'Università di Teramo, Diego Fulco, direttore dell'Istituto Italiano per la Privacy, e Angelo Jannone, ex ufficiale dei Carabinieri noto per essere stato insieme a Giovanni Falcone autore delle indagini sul patrimonio di Totò Riina, e oggi consulente e docente universitario, che parlerà della gestione delle indagini sui dipendenti infedeli nel contesto regolatorio privacy.

Comunicato Stampa del 15 marzo 2016 

 

e-max.it: your social media marketing partner
Ultimo aggiornamento ( Mercoledì 16 Marzo 2016 11:45 )  

I nostri sostenitori

Newsletter

Rimani aggiornato con le nostre news periodiche
captcha 
Privacy e Termini di Utilizzo
Ho letto l'informativa e presto il mio consenso

Statistiche Utenti

Totale iscritti : 5522
Membri online : 0
Mese corrente : 63 iscritti
Totale soci: 1473

Cerca nel sito


Cerca un iscritto


Cerca :
Categoria
Provincia
Regione

Cerca Delegato

Mappa dell'Italia Puglia Molise Campania Abruzzo Marche Lazio Umbria Basilicata Toscana Emilia Romagna Calabria

Visitatori Online

 562 visitatori online

Aziende ed enti che aderiscono a Federprivacy

In evidenza: la certificazione di Privacy Officer


Privacy & Società

Dati personali online, se il trattamento è illecito scatta l'oscuramento del sito web
Attenzione ad “impersonare” qualcun altro su internet ed a mettere dati personali di persone fisiche od imprese sul web, senza il consenso della persona a cui si riferiscono i dati. Perché si rischia il sequestro preventivo del sito internet per i reati previsti...
Leggi tutto 563 Visite 0 Voti

Le Notizie di oggi

Sapresti rispondere?

Quali sono gli adempimenti principali in materi adi privacy per una azienda?
I principali adempimenti sono: informativa agli interessati (dipendenti, clienti, fornitori, ecc.); l' acquisizione del consenso degli interessati (se non ricorre una causa di esonero prevista dall'articolo 24 del codice peri dati diversi da quelli sensibili e...
Leggi tutto 20258 Visite 0 Voti

Community

Altre discussioni »

 562 visitatori online