Regolamento Privacy UE:Data Protection Officer non si nasce, si diventa

E-mail Stampa PDF

Sono circa 45.000 le aziende che rientrano nell'obbligo di designare un responsabile della protezione dei dati con il Regolamento UE, ma profilo necessario molto alto e competenze non acquisibili con pochi giorni di formazione. Varie le figure richieste dal mercato e opportunità di lavoro: un'azienda su cinque intende dotarsi di un responsabile privacy, e spazio anche per avvocati e consulenti esperti della materia. Oltre le 100.000 le aziende che ricercheranno esperti della materia per adeguarsi alle nuove regole di Bruxelles.

Firenze, 11 aprile 2016 - Mancano ormai solo gli ultimi passaggi formali per l'adozione definitiva del Regolamento Europeo sulla protezione dei dati, e poi circa 45mila imprese pubbliche e private avranno due anni di tempo per adempiere all'obbligo di designare un responsabile della protezione dei dati personali, il cosiddetto "data protection officer".

Non saranno però solo degli obblighi di legge ad aprire nuove opportunità nel mercato delle professioni con il Regolamento UE, perchè per adeguarsi alla complesse regole comunitarie, le aziende avranno bisogno di varie figure, e secondo l'Osservatorio di Federprivacy potrebbero essere oltre 100mila le imprese che ricercheranno esperti della materia, tanto che è in cantiere una norma UNI per definire gli standard dei profili professionali dei settori della privacy.

Quello più ambizioso del data protection officer, pare destinato a rimanere escluso dalla normazione tecnica, in quanto figura di livello troppo alto per poter racchiudere in un documento le competenze che gli sono richieste in base alla posizione in cui lo colloca l'art.36 ed i compiti che gli sono attribuiti dall'art.37 del Regolamento Europeo, e neppure esistono abilitazioni o iscrizioni a ordini professionali per ricoprire il ruolo.

Se saranno decine di migliaia quelli richiesti dal mercato del lavoro, d'altra parte sembra il caso di non farsi facili illusioni, perché candidarsi per questo ruolo non sarà alla portata di tutti, e anche l'ex Garante Franco Pizzetti durante un Privacy Day Forum ha sottolineato che "non si può pensare di diventare data protection officer con un corso di tre o quattro giorni".

E' infatti lo stesso art.35 del Regolamento UE a indicare che "il responsabile della protezione dei dati è designato in funzione delle qualità professionali, in particolare della conoscenza specialistica della normativa e delle pratiche in materia di protezione dei dati, e della capacità di adempiere ai compiti" che gli sono attribuiti.

"Si tratta di un ruolo senior multidisciplinare che richiede competenze giuridiche ed informatiche, nonché conoscenze dei sistemi di gestione aziendali ed altri skills trasversali, che non si possono improvvisare né acquisire con brevi corsi di formazione o percorsi puramente accademici, e se deve operare in un contesto multinazionale è richiesta la conoscenza dell'inglese - spiega il presidente di Federprivacy, Nicola Bernardi - E' necessario quindi possedere un certo bagaglio di esperienza nella protezione dei dati, e solitamente ci vogliono mesi o addirittura anni per diventare idonei a svolgere la funzione di data protection officer."

Anche se un professionista non ha ancora raggiunto l'elevato spessore necessario per ricoprire questo specifico ruolo e forse dovrà fare un po' di "gavetta", ciò non toglie che il mercato del lavoro richiederà anche altre figure complementari, ed offre molte opportunità che permettono al contempo di accumulare competenze e maturare esperienza fino a quando non si sarà adeguatamente preparati per potersi proporre come data protection officer. Infatti una ricerca di Federprivacy ha evidenziato che il 19,7% delle mille aziende intervistate avverte la necessità di avere nel proprio organico un responsabile privacy, il 28,8% ritiene che la figura più richiesta nel settore sarà il privacy officer, mentre il 13,4% delle imprese pensa che ricorrerà ad avvocati specializzati in materia di protezione dei dati, e in ogni caso 15,8% delle aziende intende avvalersi di un consulente esperto in materia per adeguarsi al Regolamento UE.

  

  

e-max.it: your social media marketing partner
Ultimo aggiornamento ( Lunedì 11 Aprile 2016 16:32 )  

I nostri sostenitori

Newsletter

Rimani aggiornato con le nostre news periodiche
captcha 
Privacy e Termini di Utilizzo
Ho letto l'informativa e presto il mio consenso

Statistiche Utenti

Totale iscritti : 8
Membri online : 0
Mese corrente : 0 iscritti
Totale soci: 1759

Cerca nel sito


Regolamento UE 2016/679:il Data Protection Officer

Cerca Delegato

Mappa dell'Italia Puglia Molise Campania Abruzzo Marche Lazio Umbria Basilicata Toscana Emilia Romagna Calabria

Visitatori Online

 697 visitatori online

Aziende ed enti che aderiscono a Federprivacy

In evidenza: la certificazione di Privacy Officer


Privacy & Società

Privacy:Ue, no negoziati su protezione in intese commerciali
La tutela dei dati personali non può essere oggetto di negoziati nelle intese commerciali tra l'Ue e un Paese terzo, in quanto questa sarà sempre sottoposta strettamente al rispetto delle norme europee in materia. E' quanto ha messo nero su bianco il Collegio dei...
Leggi tutto 6676 Visite 0 Voti

Le Notizie di oggi

Sapresti rispondere?

Che succede se non si applicano le misure di sicurezza?
L’omessa adozione di misure minime di sicurezza è punita dall’articolo 169 del Codice della privacy. Viene punito con l'arresto sino a due anni o con l'ammenda da diecimila euro a cinquantamila euro chi ha omesso di adottare le misure previste dall’articolo 33 e...
Leggi tutto 15975 Visite 0 Voti

Community

    • Field Service Management
    • I utilize the chrome assess apparatus a lot when chipping away at activities, however generally I simply...
    • 1 Mese 2 Settimane fa
    • Field Service Management
    • A Field Service Management has a crucial role in maintaining telecommunication systems as they are...
    • 1 Mese 3 Settimane fa

Altre discussioni »

 697 visitatori online