Federprivacy

 
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
  • default color
  • green color
  • blue color

Privacy, pubblicato in Gazzetta il nuovo Regolamento UE

E-mail Stampa PDF

In vigore tra venti giorni il pacchetto sulla data protection varato da Bruxelles. Due anni di tempo per adeguarsi, poi multe fino a 20 mln di euro o al 4% del fatturato dei trasgressori. Soro: “Straordinaria opportunità di esportare modello di protezione dei dati su scala mondiale”. Buttarelli: “Andare oltre mera osservanza dei criteri formali e tradurre in politiche interne la disciplina sulla privacy”. Bernardi: “Previsione di un referente aziendale non è prerogativa solo  delle imprese obbligate a nominare un data protection officer, ma di tutte le aziende che devono mettersi in regola”.

Firenze, 5 maggio 2016 - Con la pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale dell'Unione Europea, il nuovo Regolamento UE 2016/679 sulla protezione dei dati è ieri diventato legge a tutti gli effetti, e le grandi novità che introduce sul piano della tutela dei diritti raggiungono l’ambizioso obiettivo di assicurare una disciplina uniforme ed armonizzata tra tutti gli Stati membri, con una maggiore responsabilizzazione per le imprese e al contempo significative semplificazioni sugli adempimenti.

Con questo ultimo passaggio ufficiale, i 99 articoli della nuova normativa privacy entreranno in vigore tra venti giorni, e il nuovo testo sarà poi direttamente applicabile dal 25 maggio 2018, data in cui il vecchio Dlgs 196/2003 andrà definitivamente in pensione, e in Italia dovrà essere garantito il perfetto allineamento tra la normativa nazionale e le disposizioni del Regolamento.

"L'Europa, per quanto debba ancora ampiamente esprimere le sue potenzialità nello sviluppo di un vero mercato digitale, ha oggi la straordinaria opportunità di dimostrare la propria capacità di evolvere e di esportare, su scala mondiale, il proprio modello di protezione dei dati capace di coniugare al punto più alto i diritti delle persone con le esigenze delle imprese e del mercato”, è il commento del Presidente del Garante per la protezione dei dati personali, Antonello Soro.

"E’ un rafforzamento dei doveri di chi gestisce le informazioni, c’è più discrezionalità nell’attuazione ma bisogna fare di più, bisogna andare oltre la mera osservanza dei criteri formali, e tradurre in politiche interne la disciplina della privacy, distribuire responsabilità, per essere in grado di dimostrare che c’è una figura importante, come quella del data protection officer -  commenta così l'ufficialità del nuovo testo Giovanni Buttarelli, Garante Europeo della protezione dei dati personali - Sono tanti i compiti a casa per il legislatore nazionale e per chi gestisce le informazioni".

"Due anni per adeguarsi alle nuove regole possono sembrare tanti, ma in realtà una nostra ricerca ha evidenziato che il 51,5% delle aziende non ha ancora valutato di dotarsi di un responsabile o di un privacy officer - osserva il presidente di Federprivacy, Nicola Bernardi - La previsione di un referente aziendale non è prerogativa solo delle imprese pubbliche e private che rientrano nell'obbligo di nominare un data protection officer, ma è il punto da cui devono partire tutte le imprese che devono mettersi in regola entro maggio del 2018 per non pregiudicare la compliance normativa e rischiare pesantissime multe."

Le sanzioni sono in effetti uno degli strumenti più efficaci per il rispetto delle regole introdotti dal nuovo Regolamento a cui le aziende dovranno prestare la massima attenzione, dato che potranno arrivare fino a 20 milioni di euro o al 4% del fatturato annuo globale dei trasgressori.

Comunicato stampa del 5 maggio 2016

Per approfondimenti: Nuovo Regolamento Privacy UE, tempo di aggiornamento per i professionisti

 

 

e-max.it: your social media marketing partner
Ultimo aggiornamento ( Martedì 31 Maggio 2016 15:20 )  

I nostri sostenitori

Newsletter

Rimani aggiornato con le nostre news periodiche
captcha 
Privacy e Termini di Utilizzo
Ho letto l'informativa e presto il mio consenso

Statistiche Utenti

Totale iscritti : 5934
Membri online : 0
Mese corrente : 132 iscritti
Totale soci: 1583

Cerca nel sito


Cerca un iscritto


Cerca :
Categoria
Provincia
Regione

Cerca Delegato

Mappa dell'Italia Puglia Molise Campania Abruzzo Marche Lazio Umbria Basilicata Toscana Emilia Romagna Calabria

Visitatori Online

 586 visitatori online

Aziende ed enti che aderiscono a Federprivacy

In evidenza: la certificazione di Privacy Officer


Privacy & Società

Report:app gratis? solo perché il prodotto siamo diventati noi con i nostri dati
Avete presente il film “Minority Report” del 2002, con Tom Cruise che cammina in un centro commerciale e i monitor pubblicitari che lo riconoscono e lo bombardano di pubblicità personalizzata? Sembrava fantascienza invece ormai ci siamo. Ne ha parlato la puntata...
Leggi tutto 289 Visite 0 Voti

Le Notizie di oggi

Sapresti rispondere?

Cosa è l'interpello preventivo? 24 Luglio 2008, 20.13
Cosa è l'interpello preventivo?
Prima di fare ricorso bisogna fare un interpello preventivo alla propria controparte e cioè al titolare del trattamento. L’interessato chiede al titolare che vengano rispettati i suoi diritti. Se sussiste il pericolo di un pregiudizio imminente ed irreparabile si...
Leggi tutto 21608 Visite 0 Voti

Community

    • interesse legittimo
    • Buongiorno a tutti, il mio quesito è il seguente. L'interesse legittimo stabilito dal Considerando 47...
    • 2 Giorni 16 Ore fa
    • Videosorveglianza in negozio
    • Grazie per la risposta. Adesso in questo caso l'impianto è stato terminato nel negozio e viene gestito...
    • 6 Giorni 10 Ore fa
    • Videosorveglianza in negozio
    • Ci si basa sull'art. 4 dello Statuto Lavoratori. Se non è presente una Rappresentanza sindacale si deve...
    • 6 Giorni 14 Ore fa

Altre discussioni »

 586 visitatori online