Federprivacy

 
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
  • default color
  • green color
  • blue color

Big Data & Internet of Things, il futuro della privacy è a rischio

E-mail Stampa PDF

Al CNR di Pisa esperti a confronto sui temi della privacy nell'era tecnologica alla luce del nuovo Regolamento UE 2016/679. Laforenza: "Per ridurre i rischi di sorveglianza digitale, necessarie leggi e regolamenti, ma molto importante cultura digitale da parte degli utenti finali". Pizzetti: "Necessario rafforzarne la tutela 'sin dall’inizio' intervenendo sui trattamenti dal primo momento in cui un servizio o una nuova applicazione sono pensati e progettati." Bernardi: "Oltre alle regole, occorrono professionisti che contribuiscano a farle rispettare, passo avanti con il data protection officer". Presentato nuovo libro su Big Data & Privacy by Design.

Pisa, 2 marzo 2017 - Sono molteplici e avvincenti le potenzialità dei Big data e dell'Internet of Things, ma tanti anche i pericoli di vedere nei prossimi anni una società di cittadini catalogati e "taggati" avvolti in giganteschi meccanismi di profilazioni online sempre più accurate e vessatori nei confronti degli utenti.

Queste ed altre sono state le riflessioni emerse nel convegno "Big Data & Privacy by Design nell'era dell' Internet of Things con il Regolamento UE", organizzato da Federprivacy con il patrocinio del CNR Area della Ricerca di Pisa, che si è svolto oggi nella città della torre pendente con illustri esperti della materia, tra cui Domenico Laforenza, Direttore dell'Istituto di Informatica e Telematica, che ha spiegato:

“L'adozione e la diffusione di tecnologie e applicazioni IoT é in fortissima crescita. Il crescente numero di produttori e di prodotti IoT rende, di fatto, estremamente complesso un controllo accurato della rispondenza tra quanto proposto sul mercato e le necessarie garanzie in termini di privacy e sicurezza che garantiscono i consumatori. Per ridurre i rischi di “sorveglianza digitale” - ha sottolineato Laforenza - sono certamente necessarie leggi e regolamenti condivisi ma, molto importanti rimangono attenzione e cultura digitale da parte degli utenti finali e, da quest’ultimo punto di vista, molta strada c’è ancora da fare”.

A proposito delle regole che occorrono per gestire i fenomeni planetari dell'Internet of Things e dei Big Data, è intervenuto il Prof. Franco Pizzetti, giurista e già presidente del Garante per la protezione dei dati personali, che a margine del convegno ha spiegato come un importante strumento sia costituito dalla cosiddetta "Privacy by Design":

"Se diritto e tecnologia saranno ben armonizzati, la maggiore disponibilità di dati potrà realmente determinare un cambiamento di tipo cognitivo, permettendoci la scoperta di nuove relazioni tra dati, persone ed oggetti. Come previsto dal nuovo Regolamento europeo sulla protezione dei dati personali, è quindi più che mai necessario rafforzarne la tutela 'sin dall’inizio', ossia intervenendo sui trattamenti dal primo momento in cui un servizio o una nuova applicazione sono pensati e progettati."

E se servono le regole, oltre alla sensibilizzazione degli utenti finali, è indispensabile anche che le aziende che operano nei settori delle nuove tecnologie si avvalgano di professionisti competenti, come ha rimarcato Nicola Bernardi, presidente di Federprivacy:

"Per gestire fenomeni come i Big Data e l'Internet of Things occorrono regole e anche professionisti che contribuiscano a farle rispettare, e per questo un passo avanti è stato fatto con l'introduzione del Regolamento UE 2016/679, che impone l'obbligo di dotarsi di un data protection officer per tutte le imprese che nelle loro attività principali trattano dati su larga scala o monitorano gli utenti sistematicamente."

Al convegno, (vedi il video del servizio di Telegranducato) hanno partecipato in oltre 200, tra professionisti, aziende, ricercatori e docenti universitari, e nell'occasione è stato presentato anche un nuovo libro su "Big Data e Privacy by Design", a cura di Franco Pizzetti, ed edito da Giappichelli.

e-max.it: your social media marketing partner
Ultimo aggiornamento ( Sabato 06 Maggio 2017 10:01 )  

I nostri sostenitori

Newsletter

Rimani aggiornato con le nostre news periodiche
captcha 
Privacy e Termini di Utilizzo
Ho letto l'informativa e presto il mio consenso

Statistiche Utenti

Totale iscritti : 7046
Membri online : 1
Mese corrente : 152 iscritti
Totale soci: 1749

Cerca nel sito


Cerca un iscritto


Cerca :
Categoria
Provincia
Regione

Cerca Delegato

Mappa dell'Italia Puglia Molise Campania Abruzzo Marche Lazio Umbria Basilicata Toscana Emilia Romagna Calabria

Visitatori Online

 1256 visitatori e 1 utente online

Aziende ed enti che aderiscono a Federprivacy

In evidenza: la certificazione di Privacy Officer


Privacy & Società

Foto sui social dei figli minorenni, genitori rischiano multa fino a 10mila euro
Il sorriso di Sofia mentre mangia un gelato o quello di Francesco che tira un calcio al pallone: ricordi che ogni genitore vuole conservare e condividere con parenti e amici, spesso anche utilizzando i social network. Ma attenzione: un gesto che può sembrare innocente...
Leggi tutto 1689 Visite 0 Voti

Le Notizie di oggi

Sapresti rispondere?

Cosa si intende per misure di sicurezza?
Sono misure di sicurezza tutte le prescrizioni idonee a evitare il danno di accessi abusivi o di perdite accidentali dei dati personali. Si distinguono le misure minime di sicurezza e le misure ulteriori di sicurezza: l'osservanza delle prime esclude responsabilità...
Leggi tutto 19538 Visite 0 Voti

Community

    • Responsabile esterno??
    • Le caratteristiche dell'atto le ho viste, grazie. Ma era proprio capire, se è eccessivo nominare...
    • 1 Settimana 4 Giorni fa
    • Responsabile esterno??
    • Io mi atterrei a quanto riportato sul sito del Garante, dove si legge: Il Reg UE fissa più...
    • 2 Settimane 1 Ora fa
    • Responsabile esterno??
    • Con il nuovo Regolamento Europeo come, secondo voi, è meglio identificare le società "destinatarie" dei...
    • 2 Settimane 8 Ore fa

Altre discussioni »

 1256 visitatori e 1 utente online