Regolamento UE 2016/679, a Milano si parla della privacy europea

E-mail Stampa PDF

Manager e professionisti a Milano per una conferenza patrocinata dalla Regione Lombardia e da Federprivacy. Luca Bolognini e Nicola Bernardi trai relatori. Termine per adeguarsi al nuovo testo il 25 maggio 2018, ma il 32% delle aziende non sa ancora se rientra o meno nell'obbligo di designare un data protection officer. Ai partecipanti dell'evento, organizzato da Ecobyte, crediti formativi validi ai fini dell' Attestato di Qualità.

Milano, 24 marzo 2017 - Si avvicina la scadenza per adeguarsi al nuovo Regolamento UE 2016/679, e manager e professionisti si incontrano a Milano il 30 marzo per una conferenza organizzata da Ecobyte Technology con il patrocinio della Regione Lombardia e di Federprivacy.

Dato che dall'ultima ricerca dell'Osservatorio di Federprivacy è emerso che il 32% delle aziende non sa ancora se rientra o meno nell'obbligo di designare un data protection officer, e nel dubbio il 72% non ha nominato nessuno per ricoprire questo ruolo, l'evento sarà un momento importante per aiutare le imprese ad acquisire la consapevolezza necessaria per correre ai ripari e non esporsi a sanzioni che potranno arrivare fino a 20 milioni di euro o al 4% del fatturato annuo dei trasgressori, e quello del DPO è uno dei nodi cruciali da sciogliere prima del 25 maggio 2018, data in cui il Garante applicherà il nuovo testo e le multe che esso comporta.

Tra gli adempimenti, c'è infatti anche l'obbligo di nominare un Responsabile della protezione dei dati (Data Protection Officer) per tutte le pubbliche amministrazioni e per tutte le aziende che trattano su larga scala dati sensibili o a rischio specifico, oppure che svolgono attività in cui i trattamenti richiedono il controllo regolare e sistematico su larga scala degli interessati, ma le ultime statistiche mostrano che le imprese non hanno ancora le idee chiare, come spiega il presidente di Federprivacy, che alla conferenza parlerà proprio di questo tema:

"L'art.38 del prescrive che il titolare debba assicurarsi che i compiti svolti dal data protection officer non diano adito a un conflitto di interessi, tuttavia circa il 22% delle aziende ha collocato la funzione privacy nell'area IT, configurando nella maggior parte dei casi una sorta di auto-monitoraggio in contrasto con le disposizioni del Regolamento." Inoltre - prosegue Bernardi - sebbene l'art.37 richieda che il candidato al ruolo di DPO debba essere scelto in funzione delle qualità professionali, in particolare della conoscenza specialistica della normativa e delle prassi in materia di protezione dei dati, la nostra ricerca ha evidenziato che nel 25% dei casi è stato selezionato un candidato con un titolo di studio informatico, e un'azienda su cinque ha scelto una risorsa con retaggio IT, esponendo l'azienda a rischio di sanzioni."

Trai relatori che interverranno, l'Avv. Luca Bolognini, presidente dell'Istituto Italiano per la Privacy, il Dott. Vincenzo Mondelli, Account Director e DPO di Ecobyte, il Dottor Gianni Lucatorto, Data Protection Officer del Policlinico di Bari, membro di Federprivacy e Privacy Officer certificato con il TÜV Examination Institute, il Dott. Gaetano Branca, Data Privacy Officer Capgemini Italia, e Nicola Bernardi, presidente di Federprivacy.

Per la partecipazione alla conferenza di Ecobyte sono riconosciuti 4 crediti formativi validi ai fini dell'Attestato di Qualità dei Servizi, che Federprivacy rilascia ai propri membri ai sensi della legge 4/2013 in qualità di associazione iscritta presso il Ministero dello Sviluppo Economico. 

 

e-max.it: your social media marketing partner
Ultimo aggiornamento ( Venerdì 24 Marzo 2017 08:41 )  

I nostri sostenitori

Newsletter

Rimani aggiornato con le nostre news periodiche
captcha 
Privacy e Termini di Utilizzo
Ho letto l'informativa e presto il mio consenso

Statistiche Utenti

Totale iscritti : 7097
Membri online : 1
Mese corrente : 0 iscritti
Totale soci: 1759

Cerca nel sito


Regolamento UE 2016/679:il Data Protection Officer

Cerca Delegato

Mappa dell'Italia Puglia Molise Campania Abruzzo Marche Lazio Umbria Basilicata Toscana Emilia Romagna Calabria

Visitatori Online

 582 visitatori e 1 utente online

Aziende ed enti che aderiscono a Federprivacy

In evidenza: la certificazione di Privacy Officer


Privacy & Società

Privacy:Ue, no negoziati su protezione in intese commerciali
La tutela dei dati personali non può essere oggetto di negoziati nelle intese commerciali tra l'Ue e un Paese terzo, in quanto questa sarà sempre sottoposta strettamente al rispetto delle norme europee in materia. E' quanto ha messo nero su bianco il Collegio dei...
Leggi tutto 2026 Visite 0 Voti

Le Notizie di oggi

Sapresti rispondere?

La nomina del responsabile è obbligatoria?
No, la nomina del responsabile è facoltativa, ma l'opportunità di nominare uno o più responsabili del trattamento cresce con l'aumento della articolazione organizzativa della propria...
Leggi tutto 22532 Visite 0 Voti

Community

    • Responsabile esterno??
    • Le caratteristiche dell'atto le ho viste, grazie. Ma era proprio capire, se è eccessivo nominare...
    • 6 Mesi 1 Settimana fa
    • Responsabile esterno??
    • Io mi atterrei a quanto riportato sul sito del Garante, dove si legge: Il Reg UE fissa più...
    • 6 Mesi 1 Settimana fa
    • Responsabile esterno??
    • Con il nuovo Regolamento Europeo come, secondo voi, è meglio identificare le società "destinatarie" dei...
    • 6 Mesi 1 Settimana fa

Altre discussioni »

 582 visitatori e 1 utente online