Repubblica: nuove regole europee sulla privacy: servono 45mila esperti

E-mail Stampa PDF

La privacy disegnata da Bruxelles aggiungerà un tassello importante al futuro mercato unico digitale, permettendo a tutti i cittadini europei di vivere tranquillamente il trattamento dei propri dati personali e alle aziende di guadagnare credibilità e ridurre i contenziosi. Questo è l’obiettivo del regolamento dell’Unione europea entrato in vigore un anno fa, e pienamente applicabile da maggio 2018, che sta facendo sudare freddo i manager delle aziende e delle Pubbliche amministrazioni.

Le sanzioni previste dall’UE, che arrivano fino al 4% del fatturato annuo di gruppo, giustificano lo spavento di fronte agli obblighi di trattamento delle informazioni e di governance imposti. Avrebbero dovuto favorire la corsa a mettersi in regola, così non è stato.

In Italia, segnalano gli Osservatori digital innovation, solo 9 imprese su 100 hanno avviato un progetto organico di recepimento della normativa. Il ritardo è evidente e il tempo stringe. Un rapporto di CA Technologies prevede addirittura che fra 12 mesi solo il 46% delle aziende europee sarà conforme con il regolamento.

Tra gli obblighi di molte società e autorità pubbliche, principalmente quelle che trattano e monitorano sistematicamente dati su larga scala, rientra la nomina di un data protection officer (dpo). Un esperto di privacy che avrà il compito di sorvegliare l’osservanza delle previsioni legislative, fornendo consulenza e cooperando con le autorità di controllo. L’articolo 37 del regolamento cita come requisito del dpo la “conoscenza specialistica della normativa e delle prassi in materia di protezione dei dati”, configurando un professionista della legge che abbia anche una certa dimestichezza con i sistemi digitali che acquisiscono e proteggono i dati personali.

Uno specialista ibrido, a metà fra un avvocato esperto e un responsabile IT, di cui ci sarà un grande bisogno:

Federprivacy stima che solo in Italia ne serviranno 45mila. Le aziende e gli enti pubblici obbligati ad avvalersi delle competenze di un dpo potranno nominarlo al proprio interno, come probabilmente avverrà in molte delle grandi aziende, o di avvalersi di una figura esterna, come sperano studi legali, società di consulenza e liberi professionisti. In ogni caso dovranno farlo, sicuramente prima di maggio 2018, per non finire sotto quella che, allo stato attuale, appare una pioggia di multe destinata a colpire l’Europa. (a.fr.) L’ Unione Europea ha introdotto nuove regole per difendere la privacy dei cittadini che usano Internet.

Fonte: Repubblica - Vedi anche Affari & Finanza del 15 maggio 2017

e-max.it: your social media marketing partner
Ultimo aggiornamento ( Martedì 16 Maggio 2017 08:10 )  

Chi ci sostiene?

Tra i nostri sostenitori c'è anche

Login

I nostri sostenitori

Newsletter

Rimani aggiornato con le nostre news periodiche
captcha 
Privacy e Termini di Utilizzo
Ho letto l'informativa e presto il mio consenso

Statistiche Utenti

Totale iscritti : 7097
Membri online : 0
Mese corrente : 0 iscritti
Totale soci: 1759

Regolamento UE 2016/679:il Data Protection Officer

Cerca Delegato

Mappa dell'Italia Puglia Molise Campania Abruzzo Marche Lazio Umbria Basilicata Toscana Emilia Romagna Calabria

Visitatori Online

 468 visitatori online

Aziende ed enti che aderiscono a Federprivacy

Recensioni Stampa

Millionaire, la privacy come nuovo business 15 Febbraio 2018, 10.21 Federprivacy
Millionaire, la privacy come nuovo business
La Privacy come un business per DPO e consulenti con il GDPR in un'intervista al presidente di Federprivacy pubblicata in uno speciale di Lucia Ingrosso sulla rivista Millionaire di febbraio in edicola, che ha intervistato anche il Garante Europeo...
Leggi tutto 2464 Visite 0 Voti
Al via il corso per Data Protection Officer al CNR di Pisa
In partenza il corso di formazione manageriale per DPO con un percorso di 124 ore che inizierà il 16 gennaio per terminare con l'esame finale il 30 marzo. Bernardi: "Per garantire un elevato livello della qualità della formazione abbiamo ingaggiato 23...
Leggi tutto 3657 Visite 0 Voti
Shopping online, il vademecum per acquisti sicuri durante le festività
Un italiano su due fa acquisti su internet, ma pochi utenti sanno riconoscere un sito non sicuro. Con l’avvicinarsi delle festività natalizie, nei prossimi giorni si registrerà il picco degli acquisti in rete. Federprivacy ha stilato un vademecum per...
Leggi tutto 3269 Visite 0 Voti

Privacy & Società

Privacy:Ue, no negoziati su protezione in intese commerciali
La tutela dei dati personali non può essere oggetto di negoziati nelle intese commerciali tra l'Ue e un Paese terzo, in quanto questa sarà sempre sottoposta strettamente al rispetto delle norme europee in materia. E' quanto ha messo nero su bianco il Collegio dei...
Leggi tutto 2524 Visite 0 Voti

Le Notizie di oggi

Sapresti rispondere?

Qual è il rapporto tra privacy e trasparenza amministrativa?
Il Testo unico definisce il bilanciamento tra riservatezza e trasparenza con una maggiore tutela per i dati sensibili: quando il trattamento concerne dati idonei a rivelare lo stato di salute o la vita sessuale, l'accesso ai documenti amministrativi è consentito se la...
Leggi tutto 17003 Visite 0 Voti

Community

    • Responsabile esterno??
    • Le caratteristiche dell'atto le ho viste, grazie. Ma era proprio capire, se è eccessivo nominare...
    • 7 Mesi 1 Settimana fa
    • Responsabile esterno??
    • Io mi atterrei a quanto riportato sul sito del Garante, dove si legge: Il Reg UE fissa più...
    • 7 Mesi 2 Settimane fa
    • Responsabile esterno??
    • Con il nuovo Regolamento Europeo come, secondo voi, è meglio identificare le società "destinatarie" dei...
    • 7 Mesi 2 Settimane fa

Altre discussioni »

 468 visitatori online