Arriva Privacy Assistant, la app che aiuta gli utenti a proteggere la privacy online

E-mail Stampa PDF

Privacy Assistant è una nuova applicazione gratuita Android che promette di semplificare le impostazioni della privacy sullo smartphone e interrompere qualsiasi raccolta indesiderata di dati. L’applicazione, in lingua inglese, è stata sviluppata da un team della Carnegie Mellon University (CMU) ed è frutto di sei anni di ricerche sulla privacy digitale.

 

“E’ evidente che la maggior parte delle persone non è disposta a dare i propri dati a qualsiasi applicazione”, ha dichiarato Norman Sadeh, docente della CMU. “Gli utenti vogliono essere più selettivi con i propri dati, e questa app li può aiutare”.

 

L’app Privacy Assistant è progettata per modificare automaticamente le impostazioni della privacy sul telefono, in base alle preferenze dell’utente su alcuni tipi di raccolta dei dati.

 

Quando l’applicazione si avvia la prima volta, pone da tre a cinque domande per valutare le preferenze sulla privacy. Per esempio, all’utente viene chiesto cosa ne pensa del fatto che i social media possono accedere alla fotocamera, che le applicazioni di gaming raccolgono i dati sulla localizzazione. Sulla base di queste risposte l’applicazione consiglia un particolare insieme di impostazioni sulla privacy, che l’utente è libero di accettare o meno.

 

In una ricerca  il team della Carnegie Mellon ha sottolineato che gli utenti sono spesso allarmati quando vengono a sapere che le loro app per smartphone raccolgono i loro dati privati. Tuttavia può essere difficile modificare le impostazioni della privacy o le autorizzazioni delle app sul proprio telefono.

 

“In media un utente Android ha tra le 50 e 100 applicazioni installate, e ognuna di esse può richiedere fino a tre autorizzazioni“, ha commentato Sadeh. “Facendo i conti si vede che il numero di permessi può essere enorme”.

 

Molte applicazioni, inoltre, raccolgono dati privati anche se in realtà non ne hanno bisogno. La Privacy Assistant è progettata per revocare tali autorizzazioni, senza causare eventuali malfunzionamenti dell’applicazione stessa.

 

Quando l’utente scarica nuovo software, la Privacy Assistant continua a lavorare in background, suggerendo quali autorizzazioni dovrebbero essere approvate e quali no.

 

L’app Privacy Assistant è interessante, ma c’è un vincolo: il software funziona solo su telefoni Android 5.x e 6.x su cui è stato effettuato il root – cosa che la maggior parte degli utenti Android non ha fatto.

 

Effettuare il root significa ottenere l’accesso al sistema operativo Android, “aprendolo” a una personalizzazione completa. L’operazione però può invalidare la garanzia del telefono o causare malfunzionamenti, se fatta in modo improprio.

 

Secondo le stime di Sadeh solo il 25 per cento di tutti gli smartphone Android in tutto il mondo siano stati sradicati e che molti di questi si trovi in Asia.

 

Sadeh e il suo team non consigliano agli utenti di eseguire il root sul loro telefono solo per utilizzare questa nuova applicazione. Tuttavia sono convinti che la loro Privacy Assistant attirerà l’attenzione di un “numero considerevole” di utenti preoccupati per la loro privacy online.

 

L’applicazione si inserisce in un progetto più ampio dei ricercatori per ottimizzare le impostazioni della privacy. La loro speranza è che Google, Apple e i produttori di dispositivi notino i vantaggi offerti dalla loro Privacy Assistant e, in futuro, scelgano di incorporare la tecnologia nei loro prodotti.

 

“Tra le società che finanziano il nostro lavoro sulla privacy online c’è Google”, ha spiegato Sadeh. “Agli utenti piacciano queste cose. Un produttore di smartphone potrebbe avere un vantaggio sulla concorrenza se mettesse questa tecnologia nei propri prodotti”.

Fonte: Computer World

e-max.it: your social media marketing partner
Ultimo aggiornamento ( Lunedì 20 Febbraio 2017 10:35 )  

Privacy & Società

Privacy:Ue, no negoziati su protezione in intese commerciali
La tutela dei dati personali non può essere oggetto di negoziati nelle intese commerciali tra l'Ue e un Paese terzo, in quanto questa sarà sempre sottoposta strettamente al rispetto delle norme europee in materia. E' quanto ha messo nero su bianco il Collegio dei...
Leggi tutto 4767 Visite 0 Voti

Le Notizie di oggi

Sapresti rispondere?

Una nuova azienda con dipendenti deve fare la notifica al Garante?
L'obbligo di notifica al Garante, prima dell'inizio del trattamento dei dati, è regolato dall'articolo 37 del Testo Unico di cui al D.Lgs. n. 196/2003 e riguarda casi particolari e specifici di dati sensibili o particolarmente a rischio di lesione della riservatezza....
Leggi tutto 16479 Visite 0 Voti

Community

  • Nessun messaggio da mostrare.
 690 visitatori online