Privacy online, siti a rischio se sul browser non c'è il lucchettino verde

E-mail Stampa PDF

Simboli e scritte sui browser contrassegnano adesso l'attendibilità dei siti web. Sconsigliato digitare password o fare pagamenti online su quelli non segnalati da un lucchettino verde e identificati con il protocollo "https". Bernardi: "Ricorso a simboli ed icone per capire grado di sicurezza siti visitati è un passo avanti per la protezione della privacy online". L'82% dei siti di lingua italiana più visitati sono ancora "etichettati" come non sicuri, aziende chiamate ad attivarsi per non compromettere la fiducia degli utenti. Sito di Federprivacy già adeguato con certificato SSL.

Firenze, 14 febbraio 2017- Da alcune settimane gli internauti notano sulla barra del browser scritte come "sito non sicuro", o simboli quali triangolini rossi o cerchi bianchi, a segnalare siti web per cui si viene invitati a prudenza prima di inserire i propri dati personali su un form di contatto, effettuare un login ad un'area riservata, o fare pagamenti online.

Per elevare la sicurezza della navigazione in rete, sia da pc fisso che da tablet o smartphone, le versioni più aggiornate dei browser "etichettano" infatti come siti sicuri con un piccolo lucchetto verde solo i siti web che sono dotati di certificati SSL (Secure Sockets Layer), per cui la Certification Authority che li emette effettua un controllo preventivo sul sito interessato, che deve essere raggiungibile mediante protocollo di comunicazione sicura a 128 bit o superiore, riconoscibile dal prefisso "https" anteposto al nome del dominio.

Nel caso in cui l'utente visiti un sito che è contrassegnato da un cerchio bianco con una "i" nel centro, significa che questo non utilizza una connessione privata, e qualcuno potrebbe pertanto riuscire a vedere o intercettare le informazioni inviate attraverso quella pagina, pertanto è sconsigliato inserirvi dati personali e password di accesso, ma soprattutto è meglio evitare di digitare i dati della propria carta di credito. Ma se il simbolo visualizzato è un triangolino rosso con un punto esclamativo nel mezzo, sarebbe opportuno uscire subito da tale sito, perché considerato non sicuro con problemi che mettono a rischio la privacy. Invece, nei casi più gravi il browser può addirittura bloccare l'apertura di una pagina web considerata pericolosa, visualizzando una schermata rossa che avverte sui rischi che si correrebbero proseguendo la navigazione.

D'ora in poi, gli utenti hanno quindi uno strumento in più per conoscere se un sito web rispetta o meno determinati parametri per valutarne l'affidabilità, come spiega Nicola Bernardi, presidente di Federprivacy:

"La maggioranza degli utenti del web non possiede competenze informatiche avanzate, e neanche conosce bene la normativa in materia di protezione dei dati personali, per cui il ricorso a simboli ed icone che aiutano a comprendere il grado di sicurezza dei siti che si visitano deve essere considerato come un'utile modalità di valutazione dell'affidabilità degli stessi, e un passo avanti per la protezione della privacy online. Naturalmente - sottolinea Bernardi - il sito di Federprivacy è già stato adeguato ed è dotato di certificato SSL, e per questo gli utenti potranno notare che adesso vi si può navigare solo sul protocollo sicuro https."

Se è dunque vero che adesso gli utenti sono aiutati ad identificare i siti affidabili, d'altra parte da una verifica dell'Osservatorio di Federprivacy effettuata sui 50 siti di lingua italiana più visitati emerge che attualmente l'82% di questi sono contrassegnati ancora come "non sicuri", e pertanto aziende che operano sul web e siti di e-commerce sono chiamati ad attivarsi tempestivamente per apportare gli adeguamenti necessari per assicurare un maggiore livello di protezione della privacy online e non compromettere la fiducia dei propri utenti.

Comunicato Stampa Federprivacy del 14 febbraio 2017

Rassegna Stampa: Adnkronos - Pmi.it - ITespressso - AISEMeteo Web - Mr. WebmasterIl Corriere della Privacy - Padova News - Impresa Mia - Info Notizie - Hardware Max - BitMat

e-max.it: your social media marketing partner
Ultimo aggiornamento ( Venerdì 24 Febbraio 2017 09:34 )  

Privacy & Società

Privacy:Ue, no negoziati su protezione in intese commerciali
La tutela dei dati personali non può essere oggetto di negoziati nelle intese commerciali tra l'Ue e un Paese terzo, in quanto questa sarà sempre sottoposta strettamente al rispetto delle norme europee in materia. E' quanto ha messo nero su bianco il Collegio dei...
Leggi tutto 5444 Visite 0 Voti

Le Notizie di oggi

Sapresti rispondere?

Cosa può fare chi ritiene che siano stati violati i propri diritti?
Se i diritti previsti dal Codice della privacy non sono riconosciuti spontaneamente dal titolare del trattamento, allora l’interessato ha la possibilità di attivare il ricorso al Garante o a sua scelta il ricorso al giudice ordinario. La procedura per la decisione da...
Leggi tutto 20729 Visite 0 Voti

Community

  • Nessun messaggio da mostrare.
 356 visitatori online