Privacy online, siti a rischio se sul browser non c'è il lucchettino verde

E-mail Stampa PDF

Simboli e scritte sui browser contrassegnano adesso l'attendibilità dei siti web. Sconsigliato digitare password o fare pagamenti online su quelli non segnalati da un lucchettino verde e identificati con il protocollo "https". Bernardi: "Ricorso a simboli ed icone per capire grado di sicurezza siti visitati è un passo avanti per la protezione della privacy online". L'82% dei siti di lingua italiana più visitati sono ancora "etichettati" come non sicuri, aziende chiamate ad attivarsi per non compromettere la fiducia degli utenti. Sito di Federprivacy già adeguato con certificato SSL.

Firenze, 14 febbraio 2017- Da alcune settimane gli internauti notano sulla barra del browser scritte come "sito non sicuro", o simboli quali triangolini rossi o cerchi bianchi, a segnalare siti web per cui si viene invitati a prudenza prima di inserire i propri dati personali su un form di contatto, effettuare un login ad un'area riservata, o fare pagamenti online.

Per elevare la sicurezza della navigazione in rete, sia da pc fisso che da tablet o smartphone, le versioni più aggiornate dei browser "etichettano" infatti come siti sicuri con un piccolo lucchetto verde solo i siti web che sono dotati di certificati SSL (Secure Sockets Layer), per cui la Certification Authority che li emette effettua un controllo preventivo sul sito interessato, che deve essere raggiungibile mediante protocollo di comunicazione sicura a 128 bit o superiore, riconoscibile dal prefisso "https" anteposto al nome del dominio.

Nel caso in cui l'utente visiti un sito che è contrassegnato da un cerchio bianco con una "i" nel centro, significa che questo non utilizza una connessione privata, e qualcuno potrebbe pertanto riuscire a vedere o intercettare le informazioni inviate attraverso quella pagina, pertanto è sconsigliato inserirvi dati personali e password di accesso, ma soprattutto è meglio evitare di digitare i dati della propria carta di credito. Ma se il simbolo visualizzato è un triangolino rosso con un punto esclamativo nel mezzo, sarebbe opportuno uscire subito da tale sito, perché considerato non sicuro con problemi che mettono a rischio la privacy. Invece, nei casi più gravi il browser può addirittura bloccare l'apertura di una pagina web considerata pericolosa, visualizzando una schermata rossa che avverte sui rischi che si correrebbero proseguendo la navigazione.

D'ora in poi, gli utenti hanno quindi uno strumento in più per conoscere se un sito web rispetta o meno determinati parametri per valutarne l'affidabilità, come spiega Nicola Bernardi, presidente di Federprivacy:

"La maggioranza degli utenti del web non possiede competenze informatiche avanzate, e neanche conosce bene la normativa in materia di protezione dei dati personali, per cui il ricorso a simboli ed icone che aiutano a comprendere il grado di sicurezza dei siti che si visitano deve essere considerato come un'utile modalità di valutazione dell'affidabilità degli stessi, e un passo avanti per la protezione della privacy online. Naturalmente - sottolinea Bernardi - il sito di Federprivacy è già stato adeguato ed è dotato di certificato SSL, e per questo gli utenti potranno notare che adesso vi si può navigare solo sul protocollo sicuro https."

Se è dunque vero che adesso gli utenti sono aiutati ad identificare i siti affidabili, d'altra parte da una verifica dell'Osservatorio di Federprivacy effettuata sui 50 siti di lingua italiana più visitati emerge che attualmente l'82% di questi sono contrassegnati ancora come "non sicuri", e pertanto aziende che operano sul web e siti di e-commerce sono chiamati ad attivarsi tempestivamente per apportare gli adeguamenti necessari per assicurare un maggiore livello di protezione della privacy online e non compromettere la fiducia dei propri utenti.

Comunicato Stampa Federprivacy del 14 febbraio 2017

Rassegna Stampa: Adnkronos - Pmi.it - ITespressso - AISEMeteo Web - Mr. WebmasterIl Corriere della Privacy - Padova News - Impresa Mia - Info Notizie - Hardware Max - BitMat

e-max.it: your social media marketing partner
Ultimo aggiornamento ( Venerdì 24 Febbraio 2017 09:34 )  

Chi ci sostiene?

Tra i nostri sostenitori c'è anche

Login

Newsletter

Rimani aggiornato con le nostre news periodiche
captcha 
Privacy e Termini di Utilizzo
Ho letto l'informativa e presto il mio consenso

Statistiche Utenti

Totale iscritti : 6
Membri online : 0
Mese corrente : 0 iscritti
Totale soci: 1759

Regolamento UE 2016/679:il Data Protection Officer

Cerca Delegato

Mappa dell'Italia Puglia Molise Campania Abruzzo Marche Lazio Umbria Basilicata Toscana Emilia Romagna Calabria

Visitatori Online

 560 visitatori online

Aziende ed enti che aderiscono a Federprivacy

Recensioni Stampa

Millionaire, la privacy come nuovo business 15 Febbraio 2018, 10.21 Federprivacy
Millionaire, la privacy come nuovo business
La Privacy come un business per DPO e consulenti con il GDPR in un'intervista al presidente di Federprivacy pubblicata in uno speciale di Lucia Ingrosso sulla rivista Millionaire di febbraio in edicola, che ha intervistato anche il Garante Europeo...
Leggi tutto 5007 Visite 0 Voti
Al via il corso per Data Protection Officer al CNR di Pisa
In partenza il corso di formazione manageriale per DPO con un percorso di 124 ore che inizierà il 16 gennaio per terminare con l'esame finale il 30 marzo. Bernardi: "Per garantire un elevato livello della qualità della formazione abbiamo ingaggiato 23...
Leggi tutto 6732 Visite 0 Voti
Shopping online, il vademecum per acquisti sicuri durante le festività
Un italiano su due fa acquisti su internet, ma pochi utenti sanno riconoscere un sito non sicuro. Con l’avvicinarsi delle festività natalizie, nei prossimi giorni si registrerà il picco degli acquisti in rete. Federprivacy ha stilato un vademecum per...
Leggi tutto 5825 Visite 0 Voti

Privacy & Società

Privacy:Ue, no negoziati su protezione in intese commerciali
La tutela dei dati personali non può essere oggetto di negoziati nelle intese commerciali tra l'Ue e un Paese terzo, in quanto questa sarà sempre sottoposta strettamente al rispetto delle norme europee in materia. E' quanto ha messo nero su bianco il Collegio dei...
Leggi tutto 5158 Visite 0 Voti

Le Notizie di oggi

Sapresti rispondere?

Quali sono le verifiche da effettuare dopo essersi iscritti al registro delle oppoisizioni ?
In primo luogo, l'iscrizione al registro diviene operativa solo dopo che siano trascorsi 15 giorni. Quindi, bisogna accertarsi se si sono registrate sia l'utenza sia l'indirizzo postale. Poi, occorre verificare se, per caso, non si sia rilasciato un consenso specifico a...
Leggi tutto 22932 Visite 0 Voti

Community

  • Nessun messaggio da mostrare.
 560 visitatori online