Sicurezza dei dispositivi mobili: le aziende non sono ancora preparate

E-mail Stampa PDF

Come affronterebbero le aziende una violazione del parco dispositivi mobili? Difficile dirlo, anche perché il 24% delle aziende non è in grado di dire se uno dei propri device mobili sia mai stato attaccato. Il 64%, dubita inoltre di poter addirittura prevenire un’incursione da parte degli hacker. I dati provengono da un’indagine realizzata da Dimensional Research per Check Point (The Growing Threat of Mobile Device Security Breaches), in cui si capisce la preoccupazione crescente soprattutto dei responsabili IT. Il 94% degli amministratori e dei professionisti della security, infatti, si aspetta che nel corso del prossimo anno la frequenza degli attacchi da mobile aumenti rapidamente.

Malgrado questa convinzione, però, soltanto il 38% degli intervistati ha dichiarato che la propria azienda utilizza una soluzione di mobile security diversa dalle tradizionali suite Enterprise Mobility Management per proteggersi. Le violazioni mobile rappresentano un doppio impatto dal punto di vista economico: la prevenzione costa, e la mancanza di budget è proprio una delle principali motivazioni messe in luce dall’IT, ma un attacco portato a termine può presentare un conto ancora più salato.

Il 37% degli intervistati ha dichiarato che il costo di una violazione da mobile sarebbe superiore ai 100mila dollari, mentre quasi uno su quattro ha dichiarato che si potrebbe salire addirittura sopra i 500mila dollari. Numeri simili a quelli stimati per una violazione da Pc desktop o laptop, il che evidenzia la quantità di dati sensibili memorizzata al giorno d’oggi su smartphone e tablet e la facilità di accesso che questi terminali offrono alle risorse aziendali.

Ma, come detto, i reparti IT e di sicurezza fanno fatica a stare al passo con l’evoluzione delle minacce per via di risorse poco adeguate, sia dal punto di vista economico sia di forza lavoro. Oltre il 60% dei professionisti ha citato proprio questo fatto come motivo principale per non aver implementato una soluzione di sicurezza per i dispositivi mobile. Tuttavia, il 62% delle imprese sta allocando maggiori risorse per le iniziative di sicurezza rispetto agli anni precedenti.

Dal punto di vista delle tipologie di minacce, i malware rimangono ancora i più comuni. Il 58% degli intervistati ha registrato attacchi di questo genere, il 54% invece exploit di phishing sms e un altro 54% violazioni rete WiFi o intromissioni man-in-the-middle. Quattro su dieci hanno invece rilevato furto delle credenziali e keylogging contro i cellulari.

Fonte: Mobihealthnews

e-max.it: your social media marketing partner
 

Login

I nostri sostenitori

Newsletter

Rimani aggiornato con le nostre news periodiche
captcha 
Privacy e Termini di Utilizzo
Ho letto l'informativa e presto il mio consenso

Regolamento UE 2016/679:il Data Protection Officer

Cerca Delegato

Mappa dell'Italia Puglia Molise Campania Abruzzo Marche Lazio Umbria Basilicata Toscana Emilia Romagna Calabria

In evidenza: la certificazione di Privacy Officer

Recensioni Stampa

Millionaire, la privacy come nuovo business 15 Febbraio 2018, 10.21 Federprivacy
Millionaire, la privacy come nuovo business
La Privacy come un business per DPO e consulenti con il GDPR in un'intervista al presidente di Federprivacy pubblicata in uno speciale di Lucia Ingrosso sulla rivista Millionaire di febbraio in edicola, che ha intervistato anche il Garante Europeo...
Leggi tutto 4634 Visite 0 Voti
Al via il corso per Data Protection Officer al CNR di Pisa
In partenza il corso di formazione manageriale per DPO con un percorso di 124 ore che inizierà il 16 gennaio per terminare con l'esame finale il 30 marzo. Bernardi: "Per garantire un elevato livello della qualità della formazione abbiamo ingaggiato 23...
Leggi tutto 6279 Visite 0 Voti
Shopping online, il vademecum per acquisti sicuri durante le festività
Un italiano su due fa acquisti su internet, ma pochi utenti sanno riconoscere un sito non sicuro. Con l’avvicinarsi delle festività natalizie, nei prossimi giorni si registrerà il picco degli acquisti in rete. Federprivacy ha stilato un vademecum per...
Leggi tutto 5432 Visite 0 Voti

Privacy & Società

Privacy:Ue, no negoziati su protezione in intese commerciali
La tutela dei dati personali non può essere oggetto di negoziati nelle intese commerciali tra l'Ue e un Paese terzo, in quanto questa sarà sempre sottoposta strettamente al rispetto delle norme europee in materia. E' quanto ha messo nero su bianco il Collegio dei...
Leggi tutto 4767 Visite 0 Voti

Le Notizie di oggi

Sapresti rispondere?

Il responsabile del trattamento deve essere solo una persona fisica?
Non necessariamente. Il responsabile del trattamento può essere un ente...
Leggi tutto 19526 Visite 0 Voti

Community

  • Nessun messaggio da mostrare.
 684 visitatori online