Francia, il garante privacy a Whatsapp: stop a condivisione di dati con Facebook

E-mail Stampa PDF

Il garante della privacy francese contro lo scambio dati tra Whatsapp e Facebook. L'ente francese, ritenuto uno dei più severi in Europa, ha imposto al servizio di messaggistica al massimo un mese di tempo per bloccare ogni condivisione di dati degli utenti con la sua compagnia principale, Fb, senza che ci sia stato un consenso necessario e preventivo dell'utente.

L'autorità per la protezione dei dati della Francia invia così un nuovo forte avvertimento a Whatsapp emettendo un avviso formale, criticandolo anche per "insufficiente" cooperazione. La decisione arriva un anno dopo che le autorità della privacy dell'Unione Europea, quelle tedesche e anche quelle italiane avevano sollevato "serie preoccupazioni" sulla condivisione dei dati degli utenti di WhatsApp per scopi che non erano inclusi nei termini di servizio e nella politica sulla privacy delle persone iscritte al servizio. La Francia però ora lancia un ultimatum.

"Continueremo a lavorare con le autorità francesi per garantire che gli utenti comprendano quali informazioni vengono raccolte e come vengono utilizzate", ha affermato Whatsapp in una dichiarazione inviata per posta elettronica. "Ci impegniamo a risolvere le diverse e talvolta contraddittorie preoccupazioni che hanno sollevato le autorità per la protezione dei dati, con un approccio comune a livello europeo prima che nuove norme sulla protezione dei dati a livello di blocco entrino in vigore nel maggio 2018".

La fusione dei dati di Whatsapp con Facebook è stato uno dei primi passi da quando, nel 2014, il colosso di Zuckerberg ha acquisito l'azienda di messaggistica per circa 22 miliardi di dollari. Lo stesso co-fondatore di Whatsapp, Jan Kumum, aveva espresso preoccupazioni sulla privacy dei suoi iscritti.

I trasferimenti di dati da Whatsapp a Facebook avvengono in parte senza il consenso dell'utente, ha ribadito l'ente francese che ha anche respinto le argomentazioni di Whatsapp secondo le quali l'azienda sarebbe soggetta solo alla legge degli Stati Uniti. Il monito francese, è "un avviso formale, non una sanzione",  ma il colosso dei messaggi rischierebbe di incorrere in multe in una fase successiva.

Fonte: Repubblica

e-max.it: your social media marketing partner
Ultimo aggiornamento ( Giovedì 21 Dicembre 2017 12:24 )  

Chi ci sostiene?

Tra i nostri sostenitori c'è anche

I nostri sostenitori

Newsletter

Rimani aggiornato con le nostre news periodiche
captcha 
Privacy e Termini di Utilizzo
Ho letto l'informativa e presto il mio consenso

Regolamento UE 2016/679:il Data Protection Officer

Cerca Delegato

Mappa dell'Italia Puglia Molise Campania Abruzzo Marche Lazio Umbria Basilicata Toscana Emilia Romagna Calabria

Visitatori Online

 754 visitatori online

Aziende ed enti che aderiscono a Federprivacy

In Primo Piano

Superate le 1.000 prenotazioni per il 7° Privacy Day Forum
A meno di tre mesi dalla scadenza per adeguarsi al nuovo Regolamento UE 2016/679, anche l'evento annuale di Federprivacy cede il passo alle attività necessarie a professionisti e manager per arrivare conformi al 25 maggio 2018. Bernardi: "Finora si è...
Leggi tutto 2399 Visite 0 Voti
Data protection officer: obbligo, requisiti, compiti, e certificazioni
Nonostante le abbondanti informazioni fornite dall'Autorità e l'avvicinarsi della scadenza del 25 maggio, molte le aziende e le pubbliche amministrazioni che conoscono ancora poco la figura del Data Protection Officer. Il riepilogo per capire chi deve...
Leggi tutto 2979 Visite 0 Voti
Privacy Officer in forte crescita, ma aumenta anche la confusione
A 10 anni dalla sua costituzione, sono oggi circa 7mila gli iscritti a Federprivacy, con un aumento del 28,7% solo nello scorso anno. Sono 648 le certificazioni professionali in materia di protezione dei dati emesse finora. Bernardi: "Quella di Privacy...
Leggi tutto 2182 Visite 0 Voti

Privacy & Società

Privacy:Ue, no negoziati su protezione in intese commerciali
La tutela dei dati personali non può essere oggetto di negoziati nelle intese commerciali tra l'Ue e un Paese terzo, in quanto questa sarà sempre sottoposta strettamente al rispetto delle norme europee in materia. E' quanto ha messo nero su bianco il Collegio dei...
Leggi tutto 1025 Visite 0 Voti

Le Notizie di oggi

Sapresti rispondere?

Quali sono gli adempimenti per una pubblica amministrazione?
I principali adempimenti per una pubblica amministrazione in qualità di titolare del trattamento possono sono i seguenti:1) informativa 2) notificazione al Garante (nei casi di cui all’articolo 37 del Codice) 3)  nomina responsabili (facoltativa) e incaricati...
Leggi tutto 16428 Visite 0 Voti

Community

    • Responsabile esterno??
    • Le caratteristiche dell'atto le ho viste, grazie. Ma era proprio capire, se è eccessivo nominare...
    • 2 Mesi 1 Settimana fa
    • Responsabile esterno??
    • Io mi atterrei a quanto riportato sul sito del Garante, dove si legge: Il Reg UE fissa più...
    • 2 Mesi 1 Settimana fa
    • Responsabile esterno??
    • Con il nuovo Regolamento Europeo come, secondo voi, è meglio identificare le società "destinatarie" dei...
    • 2 Mesi 1 Settimana fa

Altre discussioni »

 754 visitatori online