Federprivacy

 
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
  • default color
  • green color
  • blue color

Sostituzione vetri auto: no alla schedatura di chi chiede un preventivo

E-mail Stampa PDF

Il Garante della privacy ha respinto la richiesta di una società specializzata nella riparazione di cristalli per autoveicoli di istituire una banca dati dei propri clienti, anche potenziali, sulla base del bilanciamento di interessi tra la tutela della privacy e l’esercizio di finalità antifrode.

Il progetto presentato al vaglio dell’Autorità avrebbe previsto la creazione di una piattaforma su cui registrare le informazioni relative a soggetti che richiedono preventivi per la sostituzione dei vetri, così da poterle incrociare con chi, entro i sei mesi successivi, decide di sottoscrivere una polizza “cristalli” o denuncia un sinistro di tale tipo. Questa attività, secondo l’azienda, avrebbe consentito alle assicurazioni di individuare eventuali tentativi di truffa e di bloccare conseguentemente la copertura a chi presenta richieste di risarcimento con denunce presumibilmente “post-datate”. Proprio sulla base di tale finalità antifrode, la società ha quindi presentato istanza al Garante per vedersi riconosciuto un “bilanciamento degli interessi” tra la tutela della privacy degli utenti e le finalità antifrode rappresentate, così da poter procedere nel trattamento dei dati personali senza dover acquisire il consenso dei propri utenti.

Nel corso dell’istruttoria l’Autorità ha però rilevato numerose criticità. Ha innanzitutto sottolineato che la normativa attribuisce le attività di prevenzione e contrasto di fenomeni fraudolenti in ambito assicurativo a soggetti pubblici muniti di idonee garanzie di terzietà. La banca dati, al contrario, verrebbe creata da un soggetto privato che, tra l’altro, neppure prevede tale finalità nel proprio oggetto sociale. Inoltre risulterebbe molto compromessa, da un’ingiustificata presunzione di intento fraudolento, la possibilità di stipula di polizze nel caso in cui, in precedenza, l’interessato avesse richiesto un preventivo non seguito dalla sostituzione dei vetri.

Il Garante ha quindi respinto la richiesta di bilanciamento di interessi per la costituzione di una banca dati antifrode in assenza di idonee basi normative e di adeguate garanzie di indipendenza nella valutazione da parte della società che la gestirebbe.

Fonte: Garante Privacy

e-max.it: your social media marketing partner
Ultimo aggiornamento ( Lunedì 29 Maggio 2017 19:47 )  

Chi ci sostiene?

Tra i nostri sostenitori c'è anche

Login

I nostri sostenitori

Newsletter

Rimani aggiornato con le nostre news periodiche
captcha 
Privacy e Termini di Utilizzo
Ho letto l'informativa e presto il mio consenso

Statistiche Utenti

Totale iscritti : 6498
Membri online : 1
Mese corrente : 104 iscritti
Totale soci: 1663

Cerca Delegato

Mappa dell'Italia Puglia Molise Campania Abruzzo Marche Lazio Umbria Basilicata Toscana Emilia Romagna Calabria

Visitatori Online

 732 visitatori online

Aziende ed enti che aderiscono a Federprivacy

Recensioni Stampa

Comuni e GDPR: Federprivacy all'Assemblea annuale ANCI 11 Ottobre 2017, 11.13 Federprivacy
Comuni e GDPR: Federprivacy all'Assemblea annuale ANCI
Incontro sul nuovo Regolamento UE 2016/679 in occasione della XXXIV Assemblea Annuale di ANCI. Parteciperà il segretario generale del Garante, e anche il presidente di Federprivacy per tracciare il quadro sul Responsabile della Protezione dei Dati (DPO),...
Leggi tutto 592 Visite 0 Voti
Corso DPO al CNR di Pisa,
Saranno selezionati la prossima settimana i partecipanti del corso di formazione manageriale per Data Protection Officer organizzato da Federprivacy con il patrocinio del CNR di Pisa. Quasi cento le richieste di ammissione, ma solo la metà faranno parte...
Leggi tutto 406 Visite 0 Voti
Privacy Officer, 500 quelli certificati da TÜV entro fine 2017
Cresce il numero dei consulenti esperti di data protection e degli aspiranti DPO che richiedono di certificare le proprie competenze in materia con l'ente tedesco. Altri dodici professionisti hanno superato gli esami nella sessione della settimana scorsa....
Leggi tutto 621 Visite 0 Voti

Privacy & Società

DoubleLocker, il ransomware che ruba i dati bancari sullo smartphone
I ricercatori di Eset, la più grande casa di software per la sicurezza digitale dell'Unione Europea, hanno scoperto un nuovo malware per Android che mescola un meccanismo di infezione con due potenti strumenti per estorcere denaro alle vittime. Si chiama DoubleLocker e...
Leggi tutto 411 Visite 0 Voti

Le Notizie di oggi

Sapresti rispondere?

Cosa può fare chi ritiene che siano stati violati i propri diritti?
Se i diritti previsti dal Codice della privacy non sono riconosciuti spontaneamente dal titolare del trattamento, allora l’interessato ha la possibilità di attivare il ricorso al Garante o a sua scelta il ricorso al giudice ordinario. La procedura per la decisione da...
Leggi tutto 19406 Visite 0 Voti

Community

Altre discussioni »

 731 visitatori online