Federprivacy

 
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
  • default color
  • green color
  • blue color

Telefonate indesiderate, il Garante blocca un database con circa un milione di utenze

E-mail Stampa PDF

Il Garante privacy ha vietato a due società che operano nel settore sanitario odontoiatrico l’ulteriore trattamento a fini di telemarketing di circa un milione di utenze telefoniche fisse e mobili utilizzate senza rispettare la disciplina in materia di privacy. Le irregolarità sono emerse nel corso delle verifiche effettuate dal Garante presso le società a seguito della segnalazione di alcune persone che avevano ricevuto telefonate indesiderate sul proprio cellulare con le quali si promuovevano visite odontoiatriche gratuite.

Dagli accertamenti è risultato che le società hanno trattato in modo illecito sia i dati acquistati da un fornitore di liste stabilito al di fuori del territorio nazionale, riferiti a circa un milione di utenti, sia quelli tratti da elenchi telefonici pubblici. Le società, infatti,  non sono state in grado di dimostrare l’acquisizione del consenso degli interessati, l’effettuazione delle dovute verifiche sul Registro pubblico delle opposizioni per appurare l’iscrizione di eventuali utenti che non volessero ricevere telefonate promozionali, né l’esistenza di un’altra base giuridica per l’utilizzo dei dati.

Il Garante, inoltre, ha ritenuto incompleta e poco chiara l’informativa fornita agli utenti che si prenotavano on line e insufficiente il riscontro dato ad un segnalante che chiedeva di conoscere la  provenienza dei suoi dati e al quale sono state fornite informazioni vaghe e non veritiere.

L’Autorità ha quindi vietato alle società l’uso dei numeri di telefono a fini di marketing e ha prescritto loro l’adozione di misure tecniche e organizzative per assicurare agli utenti la piena e tempestiva attuazione dei diritti riconosciuti dal Codice privacy (conoscere l’origine dei dati, le modalità e le finalità del trattamento, aggiornare, rettificare, cancellare i dati). Le società dovranno adottare idonee misure tecnologiche per consentire agli utenti del sito di manifestare liberamente il proprio consenso e dovranno riformulare il modello di informativa, indicando chiaramente l’ambito di circolazione dei dati e il soggetto cui indirizzare le istanze per l’esercizio dei diritti. Con autonomo procedimento il Garante si è riservato di contestare sanzioni amministrative per gli illeciti rilevati.

Fonte: Garante Privacy

e-max.it: your social media marketing partner
 

Chi ci sostiene?

Tra i nostri sostenitori c'è anche

Login

I nostri sostenitori

Newsletter

Rimani aggiornato con le nostre news periodiche
captcha 
Privacy e Termini di Utilizzo
Ho letto l'informativa e presto il mio consenso

Statistiche Utenti

Totale iscritti : 6223
Membri online : 4
Mese corrente : 24 iscritti
Totale soci: 1661

Cerca Delegato

Mappa dell'Italia Puglia Molise Campania Abruzzo Marche Lazio Umbria Basilicata Toscana Emilia Romagna Calabria

Visitatori Online

 355 visitatori e 11 utenti online

Aziende ed enti che aderiscono a Federprivacy

Recensioni Stampa

Data Protection Officer: servono più competenze e meno bollini
Rischio confusione per aziende e p.a. su certificazioni in materia di privacy. Interviene il Garante per sottolineare che quelle attuali non possono definirsi conformi al Regolamento UE. Nata prima del GDPR quella promossa da Federprivacy e rilasciata da...
Leggi tutto 1681 Visite 0 Voti
Master Privacy Officer, sold out 10 edizioni su 11 12 Luglio 2017, 08.52 Federprivacy
Master Privacy Officer, sold out 10 edizioni su 11
Le richieste di centinaia di professionisti e manager hanno fatto registrare il tutto esaurito in dieci edizioni su undici del corso di Federprivacy in programma quest'anno. Posti solo nell'edizione di fine novembre in toscana, che permette di conciliare...
Leggi tutto 768 Visite 0 Voti
Privacy, disciplina non sempre uguale nell'area UE con il GDPR
Con Regolamento UE 2016/679, Stati membri liberi di mantenere o introdurre norme nazionali per specificare ulteriormente l'applicazione del GDPR. Bernardi: "Per evitare sanzioni e risarcimenti, consulenti e data protection officer dovranno studiare bene i...
Leggi tutto 1980 Visite 0 Voti

Privacy & Società

Il 65% dei siti in Europa non rispetta la privacy degli utenti
ll 65% dei siti in Europa non rispetta la privacy degli utenti durante le loro attività online. La percentuale supera il 90% per alcune categorie di siti, come per esempio 'News e Intrattenimento'. E' il risultato di una ricerca del Dipartimento di Elettronica e...
Leggi tutto 245 Visite 0 Voti

Le Notizie di oggi

Sapresti rispondere?

Quali sono le verifiche da effettuare dopo essersi iscritti al registro delle oppoisizioni ?
In primo luogo, l'iscrizione al registro diviene operativa solo dopo che siano trascorsi 15 giorni. Quindi, bisogna accertarsi se si sono registrate sia l'utenza sia l'indirizzo postale. Poi, occorre verificare se, per caso, non si sia rilasciato un consenso specifico a...
Leggi tutto 21615 Visite 0 Voti

Community

    • trasferimento dati all'estero
    • Buon pomeriggio ecco il mio quesito: un'azienda annovera tra i suoi clienti alcune società avente sede...
    • 3 Settimane 23 Ore fa
    • Videosorveglianza nei Comuni
    • Per comuni che adottano sistemi di videosorveglianza in aree pubbliche per motivi di sicurezza (e non...
    • 3 Settimane 6 Giorni fa
    • Dossier sanitario elettronico
    • Buongiorno In effetti ad essere lesi sono proprio i diritti dell'interessato. Se infatti lo stesso ha...
    • 2 Mesi 1 Settimana fa

Altre discussioni »

 355 visitatori e 11 utenti online