Federprivacy

 
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
  • default color
  • green color
  • blue color

Garante Privacy: banche, no agli sguardi indiscreti nei conti correnti

E-mail Stampa PDF

Gli istituti di credito devono svolgere controlli interni, con cadenza almeno annuale, per verificare la legittimità e liceità degli accessi ai dati da parte dei propri dipendenti. Il principio è stato ribadito dal Garante privacy che ha dichiarato illecito il comportamento di un dipendente di una banca che aveva effettuato una serie di accessi indebiti al conto corrente di una cliente.

L’Autorità è intervenuta a seguito della segnalazione della donna che lamentava l’illecita comunicazione a terzi non autorizzati di dati personali che la riguardavano. In particolare, la segnalante denunciava che, nell’ambito di un procedimento civile, la controparte in giudizio aveva depositato una memoria difensiva nella quale erano riportate date e cifre di versamenti eseguiti dall’interessata in un determinato periodo di tempo. Informazioni che, secondo quanto sostenuto dalla segnalante, la controparte avrebbe ricevuto da un proprio congiunto in servizio presso la stessa filiale ove lei aveva il conto corrente.

La banca, che in un primo momento aveva dichiarato di non aver riscontrato accessi anomali al conto della donna, ad una successiva richiesta del Garante di effettuare una ricerca su un arco di tempo più ampio e coinvolgendo più filiali,  ha accertato invece che il dipendente aveva compiuto una serie di accessi al conto corrente della signora, irrituali sia nei modi che nella quantità. Senza il consenso della cliente e senza un altro motivo legittimo, il dipendente aveva consultato più volte, anche da filiali diverse da quella di appartenenza, il conto corrente della donna ed è presumibile che abbia comunicato le informazioni raccolte ad un suo parente, controparte dell’interessata.

Il trattamento illecito è stato rilevato, anche grazie alle misure di sicurezza adottate dalla banca, nonostante all’epoca dei fatti non fossero ancora obbligatorie le prescrizioni del Garante sulla tracciabilità degli accessi compiuti dai dipendenti. Tuttavia, per evitare il più possibile il ripersi di episodi simili, il Garante, alla luce delle disposizioni del Codice privacy e delle prescrizioni impartite in ambito bancario, ha ordinato alla banca l’adozione di ulteriori misure per implementare i controlli sulla legittimità degli accessi e sensibilizzare i dipendenti al rispetto delle regole.

L’Autorità si è riservata di verificare, con autonomo procedimento, la sussistenza  dei presupposti per contestare le violazioni previste per il trattamento illecito dei dati.

Fonte: Garante Privacy

e-max.it: your social media marketing partner
 

Chi ci sostiene?

Tra i nostri sostenitori c'è anche

Login

I nostri sostenitori

Newsletter

Rimani aggiornato con le nostre news periodiche
captcha 
Privacy e Termini di Utilizzo
Ho letto l'informativa e presto il mio consenso

Statistiche Utenti

Totale iscritti : 6223
Membri online : 4
Mese corrente : 24 iscritti
Totale soci: 1661

Cerca Delegato

Mappa dell'Italia Puglia Molise Campania Abruzzo Marche Lazio Umbria Basilicata Toscana Emilia Romagna Calabria

Visitatori Online

 364 visitatori e 11 utenti online

Aziende ed enti che aderiscono a Federprivacy

Recensioni Stampa

Data Protection Officer: servono più competenze e meno bollini
Rischio confusione per aziende e p.a. su certificazioni in materia di privacy. Interviene il Garante per sottolineare che quelle attuali non possono definirsi conformi al Regolamento UE. Nata prima del GDPR quella promossa da Federprivacy e rilasciata da...
Leggi tutto 1681 Visite 0 Voti
Master Privacy Officer, sold out 10 edizioni su 11 12 Luglio 2017, 08.52 Federprivacy
Master Privacy Officer, sold out 10 edizioni su 11
Le richieste di centinaia di professionisti e manager hanno fatto registrare il tutto esaurito in dieci edizioni su undici del corso di Federprivacy in programma quest'anno. Posti solo nell'edizione di fine novembre in toscana, che permette di conciliare...
Leggi tutto 768 Visite 0 Voti
Privacy, disciplina non sempre uguale nell'area UE con il GDPR
Con Regolamento UE 2016/679, Stati membri liberi di mantenere o introdurre norme nazionali per specificare ulteriormente l'applicazione del GDPR. Bernardi: "Per evitare sanzioni e risarcimenti, consulenti e data protection officer dovranno studiare bene i...
Leggi tutto 1980 Visite 0 Voti

Privacy & Società

Il 65% dei siti in Europa non rispetta la privacy degli utenti
ll 65% dei siti in Europa non rispetta la privacy degli utenti durante le loro attività online. La percentuale supera il 90% per alcune categorie di siti, come per esempio 'News e Intrattenimento'. E' il risultato di una ricerca del Dipartimento di Elettronica e...
Leggi tutto 245 Visite 0 Voti

Le Notizie di oggi

Sapresti rispondere?

Che succede se non si applicano le misure di sicurezza?
L’omessa adozione di misure minime di sicurezza è punita dall’articolo 169 del Codice della privacy. Viene punito con l'arresto sino a due anni o con l'ammenda da diecimila euro a cinquantamila euro chi ha omesso di adottare le misure previste dall’articolo 33 e...
Leggi tutto 14407 Visite 0 Voti

Community

    • trasferimento dati all'estero
    • Buon pomeriggio ecco il mio quesito: un'azienda annovera tra i suoi clienti alcune società avente sede...
    • 3 Settimane 23 Ore fa
    • Videosorveglianza nei Comuni
    • Per comuni che adottano sistemi di videosorveglianza in aree pubbliche per motivi di sicurezza (e non...
    • 3 Settimane 6 Giorni fa
    • Dossier sanitario elettronico
    • Buongiorno In effetti ad essere lesi sono proprio i diritti dell'interessato. Se infatti lo stesso ha...
    • 2 Mesi 1 Settimana fa

Altre discussioni »

 364 visitatori e 11 utenti online