Antiterrorismo: in stazione deposito bagagli più controllato

E-mail Stampa PDF

Più sicurezza in stazione e maggiore trasparenza sul trattamento dei dati. La società che gestisce il servizio di deposito bagagli all’interno di 13 stazioni ferroviarie italiane, tra le quali Roma Termini e Bologna, potrà acquisire copia del documento di riconoscimento dei clienti all’atto della presentazione dei bagagli, in modo da rintracciare, se necessario, con tempestività  i proprietari. Cartelli ben visibili informeranno i viaggiatori, che usufruiranno del servizio, sull’uso dei dati personali e sulle misure poste a protezione.

Il Garante per la privacy ha ritenuto la procedura applicata dalla società conforme alla disciplina di protezione dei dati personali esprimendosi sulla segnalazione di un utente che lamentava scarsa trasparenza nel trattamento dei dati.

Il servizio svolto, a causa dell’attuale situazione di tensione internazionale, è stato negli  ultimi anni oggetto di particolare attenzione da parte del Ministero dell’interno che ha classificato i luoghi dove si svolge l’attività di deposito bagagli “aree a potenziale rischio attentati” e ha prescritto l’adozione di idonee misure di sicurezza e di prevenzione. E tra queste misure rientra anche la possibilità, concordata tra Ferrovie dello Stato e Ministero dell’interno, che il personale addetto al deposito possa richiedere copia del documento di riconoscimento dei clienti. Circostanza resa nota ai clienti, insieme alle altre informazioni previste dal Codice privacy, tramite cartelli affissi all’ingresso del deposito e nelle zone più visibili. 

La società conserverà le copie dei documenti per il tempo strettamente necessario alla durata del deposito e le cancellerà automaticamente al ritiro del bagaglio. Sono previste, inoltre, idonee misure di sicurezza e gli accessi ai dati saranno limitati al solo personale autorizzato.

Fonte: Garante Privacy

e-max.it: your social media marketing partner
Ultimo aggiornamento ( Mercoledì 29 Novembre 2017 11:27 )  

Chi ci sostiene?

Tra i nostri sostenitori c'è anche

Login

I nostri sostenitori

Newsletter

Rimani aggiornato con le nostre news periodiche
captcha 
Privacy e Termini di Utilizzo
Ho letto l'informativa e presto il mio consenso

Statistiche Utenti

Totale iscritti : 7097
Membri online : 0
Mese corrente : 0 iscritti
Totale soci: 1759

Regolamento UE 2016/679:il Data Protection Officer

Cerca Delegato

Mappa dell'Italia Puglia Molise Campania Abruzzo Marche Lazio Umbria Basilicata Toscana Emilia Romagna Calabria

Visitatori Online

 493 visitatori online

Aziende ed enti che aderiscono a Federprivacy

Recensioni Stampa

Millionaire, la privacy come nuovo business 15 Febbraio 2018, 10.21 Federprivacy
Millionaire, la privacy come nuovo business
La Privacy come un business per DPO e consulenti con il GDPR in un'intervista al presidente di Federprivacy pubblicata in uno speciale di Lucia Ingrosso sulla rivista Millionaire di febbraio in edicola, che ha intervistato anche il Garante Europeo...
Leggi tutto 2401 Visite 0 Voti
Al via il corso per Data Protection Officer al CNR di Pisa
In partenza il corso di formazione manageriale per DPO con un percorso di 124 ore che inizierà il 16 gennaio per terminare con l'esame finale il 30 marzo. Bernardi: "Per garantire un elevato livello della qualità della formazione abbiamo ingaggiato 23...
Leggi tutto 3568 Visite 0 Voti
Shopping online, il vademecum per acquisti sicuri durante le festività
Un italiano su due fa acquisti su internet, ma pochi utenti sanno riconoscere un sito non sicuro. Con l’avvicinarsi delle festività natalizie, nei prossimi giorni si registrerà il picco degli acquisti in rete. Federprivacy ha stilato un vademecum per...
Leggi tutto 3199 Visite 0 Voti

Privacy & Società

Privacy:Ue, no negoziati su protezione in intese commerciali
La tutela dei dati personali non può essere oggetto di negoziati nelle intese commerciali tra l'Ue e un Paese terzo, in quanto questa sarà sempre sottoposta strettamente al rispetto delle norme europee in materia. E' quanto ha messo nero su bianco il Collegio dei...
Leggi tutto 2449 Visite 0 Voti

Le Notizie di oggi

Sapresti rispondere?

Le pubbliche amministrazioni devono chiedere il consenso?
No, le pubbliche amministrazioni non devono chiedere il consenso (articolo 18), neppure per trattare i dati sensibili. Per gli enti pubblici vige in materia un apposito divieto di richiedere il consenso agli...
Leggi tutto 17276 Visite 0 Voti

Community

    • Responsabile esterno??
    • Le caratteristiche dell'atto le ho viste, grazie. Ma era proprio capire, se è eccessivo nominare...
    • 7 Mesi 1 Settimana fa
    • Responsabile esterno??
    • Io mi atterrei a quanto riportato sul sito del Garante, dove si legge: Il Reg UE fissa più...
    • 7 Mesi 1 Settimana fa
    • Responsabile esterno??
    • Con il nuovo Regolamento Europeo come, secondo voi, è meglio identificare le società "destinatarie" dei...
    • 7 Mesi 1 Settimana fa

Altre discussioni »

 493 visitatori online