Federprivacy

 
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
  • default color
  • green color
  • blue color

Se la privacy vale meno di una pizza

E-mail Stampa PDF

Che prezzo date alla vostra privacy? Uno studio condotto da un gruppo di ricercatori dell’Istituto Standford per la ricerca in materia di politica economica rivela che la stragrande maggioranza degli utenti sono disposti a rinunciare alla loro riservatezza in cambio di una pizza gratis. Queste le conclusioni a cui sono giunti l’economista Susan Athey e i suoi due colleghi Christian Catalini e Catherine Tucker al termine di una ricerca condotta su 3.108 studenti con il principale obiettivo di incoraggiare la sperimentazione dei Bitcoin da parte del Massachusetts Institute of Technology.

Quando i partecipanti allo studio dovevano indicare le proprie impostazioni per memorizzare e gestire la valuta digitale, è stato chiesto di indicare anche le loro preferenze sulla privacy, e ciò che è emerso è stato ben differente da quello che in genere dichiarano di desiderare gli utenti circa la tutela della loro riservatezza.

Alla luce dei sorprendenti risultati, Susan Athey ha spiegato: ”Anche se quando vengono intervistate esprimono frustrazione e infelicità per la perdita della loro privacy, le persone tendono poi a fare scelte che non corrispondono alle preferenze che dichiarano”.

E non soltanto gli studenti hanno mostrato di essere pronti a barattare la loro privacy per un banale incentivo quale può essere una pizza in omaggio, ma nel corso dello studio hanno pure rivelato di non essere neanche stimolati a fare significativi sforzi per mettere in sicurezza i loro dati personali: è stato infatti proposto loro di aggiungere una protezione aggiuntiva al loro borsellino elettronico di Bitcoin mediante un servizio di crittografia, e seppure la metà degli studenti ha inizialmente scelto di attivare l’opzione, il 50% di questi ha poco dopo abbandonato la procedura tornando alle impostazioni iniziali senza crittografia.

In questo scenario paradossale, in cui gli utenti affermano di volere più privacy mostrando poi però debolezza e pigrizia quando dovrebbero tradurre le loro intenzioni in azioni vero è anche che sono arguti i guru del web e del marketing a creare le situazioni ideali per ottenere certe reazioni, ad esempio utilizzando spesso stimoli che fanno leva su fattori emozionali come quello della ricompensa in cambio dei dati (vedasi appunto quella della pizza in regalo), inserire informative lunghissime e scritte in gergo legalese che pochissimi finiscono per leggere, avvisi molte volte impercettibili (e non a caso minuscoli specialmente sui piccoli display degli smartphone) come i fastidiosi banner dei cookies che gli utenti non vedono l'ora di chiudere, nonché procedure complicate e stancanti e talvolta difficilmente individuabili per attivare opzioni di protezione dei dati, come quella della crittografia offerta nel corso dello studio dei ricercatori di Standford.

Bravi e furbi quindi i giganti del web, ma per contrastare questi fenomeni servirebbe la mano delle istituzioni con diffuse campagne di informazione e sensibilizzazione, e soprattutto regole più rigide da far rispettare per tutelare davvero la privacy degli utenti.

Un simile approccio, in parte atteso con l’applicazione del nuovo Regolamento UE 2016/679 sulla protezione dei dati personali che sarà operativo dal 25 maggio 2018, genererebbe peraltro una maggiore fiducia dei consumatori online, e contribuirebbe allo sviluppo del mercato digitale.

Nicola Bernardi, presidente di Federprivacy - @Nicola_Bernardi - Articolo pubblicato su Affaritaliani.it

e-max.it: your social media marketing partner
Ultimo aggiornamento ( Lunedì 07 Agosto 2017 19:40 )  

Chi ci sostiene?

Tra i nostri sostenitori c'è anche

Login

Statistiche Utenti

Totale iscritti : 6498
Membri online : 0
Mese corrente : 104 iscritti
Totale soci: 1663

Cerca Delegato

Mappa dell'Italia Puglia Molise Campania Abruzzo Marche Lazio Umbria Basilicata Toscana Emilia Romagna Calabria

Visitatori Online

 501 visitatori online

Aziende ed enti che aderiscono a Federprivacy

Recensioni Stampa

Comuni e GDPR: Federprivacy all'Assemblea annuale ANCI 11 Ottobre 2017, 11.13 Federprivacy
Comuni e GDPR: Federprivacy all'Assemblea annuale ANCI
Incontro sul nuovo Regolamento UE 2016/679 in occasione della XXXIV Assemblea Annuale di ANCI. Parteciperà il segretario generale del Garante, e anche il presidente di Federprivacy per tracciare il quadro sul Responsabile della Protezione dei Dati (DPO),...
Leggi tutto 593 Visite 0 Voti
Corso DPO al CNR di Pisa,
Saranno selezionati la prossima settimana i partecipanti del corso di formazione manageriale per Data Protection Officer organizzato da Federprivacy con il patrocinio del CNR di Pisa. Quasi cento le richieste di ammissione, ma solo la metà faranno parte...
Leggi tutto 407 Visite 0 Voti
Privacy Officer, 500 quelli certificati da TÜV entro fine 2017
Cresce il numero dei consulenti esperti di data protection e degli aspiranti DPO che richiedono di certificare le proprie competenze in materia con l'ente tedesco. Altri dodici professionisti hanno superato gli esami nella sessione della settimana scorsa....
Leggi tutto 622 Visite 0 Voti

Privacy & Società

DoubleLocker, il ransomware che ruba i dati bancari sullo smartphone
I ricercatori di Eset, la più grande casa di software per la sicurezza digitale dell'Unione Europea, hanno scoperto un nuovo malware per Android che mescola un meccanismo di infezione con due potenti strumenti per estorcere denaro alle vittime. Si chiama DoubleLocker e...
Leggi tutto 422 Visite 0 Voti

Le Notizie di oggi

Sapresti rispondere?

Qual è il rapporto tra privacy e trasparenza amministrativa?
Il Testo unico definisce il bilanciamento tra riservatezza e trasparenza con una maggiore tutela per i dati sensibili: quando il trattamento concerne dati idonei a rivelare lo stato di salute o la vita sessuale, l'accesso ai documenti amministrativi è consentito se la...
Leggi tutto 16199 Visite 0 Voti

Community

Altre discussioni »

 501 visitatori online