Federprivacy

 
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
  • default color
  • green color
  • blue color

Dati personali online, se il trattamento è illecito scatta l'oscuramento del sito web

E-mail Stampa PDF

Attenzione ad “impersonare” qualcun altro su internet ed a mettere dati personali di persone fisiche od imprese sul web, senza il consenso della persona a cui si riferiscono i dati. Perché si rischia il sequestro preventivo del sito internet per i reati previsti dall’art 167 del codice della privacy, che prevede il trattamento illecito di dati personali   e 494 del codice penale, che prevede il reato di sostituzione di persona.

E questo anche se il sito “pubblicante” si trova all’estero, perché l’ordine del Giudice  viene impartito ai provider nazionali che devono oscurare le connessioni dall’Italia al sito oggetto del sequestro.

E’ l’inedita soluzione trovata dal Giudice delle Indagini preliminari di Napoli relativo al caso del titolare di una storica farmacia di Napoli, che si era ritrovato pubblicati i dati personali su un sito hostato in America.

E proprio il Tribunale partenopeo (questa volta in sede civile) , esattamente di Napoli Nord, era stato al centro nei mesi scorsi di una vicenda giudiziaria, relativa ad una 31enne suicida, che aveva fatto emergere tra le prime volte in Italia una giurisprudenza estremamente severa sulle rimozione dei contenuti in rete sui social network.

Quello del GIP di Napoli è un provvedimento del tutto inedito, sino ad oggi infatti  la giurisprudenza si era limitata a prescrivere la rimozione del singolo file contenente i dati personali, o a condannare in sede penale ( si pensi AL CASO Google-Vividown di qualche anno fa, che però poi è stato ribaltato dalla Cassazione) chi trattava illecitamente i dati personali senza rimuoverli.

Con il provvedimento del Giudice di Napoli invece si adotta la tesi dell’oscuramento integrale del sito che tratta illecitamente dati personali, prima di qualsiasi decisione sul trattamento dei dati stessi.

Questo decreto  potrà avere una forte ricaduta nel settore del cd diritto all’oblio e, più in generale nel settore della reputazione on line.

Fonte: Il Sole 24 Ore - Nòva - Articolo a cura dell'Avv. Fulvio Sarzana

e-max.it: your social media marketing partner
Ultimo aggiornamento ( Lunedì 20 Febbraio 2017 11:25 )  

Login

I nostri sostenitori

Newsletter

Rimani aggiornato con le nostre news periodiche
captcha 
Privacy e Termini di Utilizzo
Ho letto l'informativa e presto il mio consenso

Cerca un iscritto


Cerca :
Categoria
Provincia
Regione

Cerca Delegato

Mappa dell'Italia Puglia Molise Campania Abruzzo Marche Lazio Umbria Basilicata Toscana Emilia Romagna Calabria

In evidenza: la certificazione di Privacy Officer

Recensioni Stampa

Regolamento UE 2016/679, a Milano si parla della privacy europea
Manager e professionisti a Milano per una conferenza patrocinata dalla Regione Lombardia e da Federprivacy. Luca Bolognini e Nicola Bernardi trai relatori. Termine per adeguarsi al nuovo testo il 25 maggio 2018, ma il 32% delle aziende non sa ancora se...
Leggi tutto 202 Visite 0 Voti
Privacy, un'azienda italiana su tre ha le idee confuse
Il Regolamento UE 2016/679 sarà operativo tra circa un anno, ma una ricerca mostra che il 32% delle imprese non sa ancora se rientra o no nell'obbligo di nomina del data protection officer, e un'azienda su cinque ha collocato la funzione privacy...
Leggi tutto 1037 Visite 0 Voti
Radio Rai Uno: intervista al presidente di Fedeprivacy su privacy e telemarketing
Che siate a cena, in una riunione di lavoro, o in vacanza, difficilmente scamperete all'assalto dei call center che vi perseguitano per offrirvi l'ultima promozione speciale, e non ricordate di aver mai dato il vostro consenso per essere chiamati sul...
Leggi tutto 644 Visite 0 Voti

Privacy & Società

Privacy, tracciati dati sensibili: class action da 3,7 milioni di dollari per i sex toys
Quasi quattro milioni di dollari, circa 10mila dollari a testa per ogni cliente. È la cifra che Standard Innovation, azienda canadese produttrice di vibratori smart, ha scelto di pagare per risolvere la class action intentata dai propri utenti. La ragione? La compagnia...
Leggi tutto 410 Visite 0 Voti

Le Notizie di oggi

Sapresti rispondere?

Chi sono gli incaricati del trattamento?
Sono "incaricati", le persone fisiche autorizzate a compiere operazioni di trattamento dal titolare o dal responsabile. In una impresa sono incaricati del trattamento pressoché tutti i dipendenti della...
Leggi tutto 17117 Visite 0 Voti

Community

Altre discussioni »

 786 visitatori e 1 utente online