Federprivacy

 
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
  • default color
  • green color
  • blue color

Telemarketing: riforma Registro delle Opposizioni preoccupa l'Istituto Privacy

E-mail Stampa PDF

L’Istituto Italiano per la Privacy è seriamente preoccupato per la nuova norma in discussione in Parlamento e che potrebbe vedere la luce tra poco, in materia di estensione del Registro pubblico delle opposizioni e telemarketing. E dire che, come molti sanno, l’IIP fu l’ispiratore scientifico della riforma che – illo tempore – introdusse tale sistema in Italia mutuandolo dalle best practice di stampo anglosassone.

Sistema, questo, da moltissimi criticato aprioristicamente per anni, e poi, per paradosso, sistema che adesso proprio gli stessi ultra-critici vorrebbero estendere perfino alla gestione sostitutiva, centralizzata da parte dello Stato, di tutti i consensi e le opposizioni privacy in ambito di marketing diretto telefonico.

Luca Bolognini (nella foto), avvocato e Presidente dell’Istituto, commenta: “La formulazione che abbiamo potuto leggere della norma proposta è disarmante per inapplicabilità, probabile incostituzionalità e palese incompatibilità con il diritto europeo. Si vorrebbe, dalla data di entrata in vigore della nuova legge, azzerare il valore delle manifestazioni di volontà (i consensi al marketing diretto telefonico) di tutti gli utenti e contraenti di servizi telefonici italiani, con evidente violazione a pie’ pari della libertà di determinazione delle persone nonché in difformità netta rispetto alla disciplina europea vigente.”

Bolognini aggiunge: “Dire, con norma interna nazionale, che il consenso della singola persona fisica, dato liberamente e specificamente al singolo titolare del trattamento, debba “cedere” innanzi ad una mera iscrizione general-generica a un Registro delle opposizioni statale (la cui consultazione da parte dei titolari del trattamento è peraltro a pagamento) significa in un colpo solo: A. minare un pezzo di libertà fondamentali d’autodeterminazione degli individui, in particolare legata al principio di specificità e libertà del consenso almeno con riferimento ai consensi accordati fino ad oggi; B. penalizzare i diritti e le libertà d’impresa (riconosciuti anche in Carta dei Diritti UE) e in generale le aspettative giuridiche meritevoli di protezione nei nostri ordinamenti (per cui non si possono esigere dal cittadino, dall’imprenditore, dalle organizzazioni sociali adempimenti di obblighi impossibili, irragionevoli o eccessivamente gravosi e sbilanciati, come naturalmente diverrebbe questa assurda “trappola” legislativa – si pensi in concreto ad un titolare del trattamento che, una volta ottenuto un nuovo libero consenso uti singuli, dovesse comunque subito e di continuo accertarsi, pagando il list washing al Registro, che quello stesso interessato non si sia poi iscritto un minuto dopo al Registro); C. calpestare la regola europea del consenso specifico, libero e informato in difformità netta rispetto alla disciplina europea vigente (art. 7.1.a) della Direttiva 95/46/CE) e ventura (art. 6 Reg. 2016/679/UE applicato direttamente in ogni Stato membro dal 25 maggio 2018, qui l’incompatibilità sarebbe sia per contrasto sia per ripetitività). Un po’ come se la recente norma sui limiti alla delocalizzazione dei call center avesse vietato l’export di dati fuori dall’Italia, scontrandosi con la libera circolazione intra-UE dei dati personali… da procedura di infrazione; D. porsi in aperto contrasto con il principio d’irretroattività degli obblighi di legge ex art. 11.1 delle Disposizioni sulla legge in generale, che, si sa bene, non ha valenza solo processuale.”

In conclusione, Bolognini chiede un ripensamento o almeno un compromesso che limiti i danni: “Il nostro auspicio, ragionato e motivato, è che il legislatore fermi del tutto questa locomotiva che asseconda un sentimento confuso e legittimo di fastidio dei cittadini contro le telefonate moleste, traducendolo però in un rimedio che è peggiore del male. Se così non fosse, anche per non incorrere in gravi censure per i motivi che abbiamo elencato sommariamente, si potrebbe immaginare una soluzione di compromesso, per la quale:

1. comunque tutti i consensi specifici, liberi e informati al marketing telefonico diretto, rilasciati dagli interessati prima dell’entrata in vigore della nuova legge, si debbano considerare validi anche dopo la sua entrata in vigore;

2. tutti i consensi di cui al punto 1 debbano considerarsi indenni rispetto alla nuova disciplina, per cui un consenso liberamente prestato, che fosse stato ottenuto dal titolare del trattamento prima dell’entrata in vigore della nuova legge, dovrebbe non risentire in alcun modo dell’eventuale iscrizione dell’interessato al Registro pubblico delle opposizioni, non decadendo in presenza della stessa ma solo con opposizione specifica dell’interessato al singolo titolare ex art. 7.4.b) del Codice privacy;

3. si riferisca l’efficacia dell’iscrizione al Registro, come opposizione al trattamento, solo e soltanto ai consensi ottenuti dal titolare del trattamento dopo l’entrata in vigore della legge.

La soluzione qui proposta attenua in parte significativa le possibili censure alla nuova norma, sebbene, a nostro avviso, non eviti comunque rimproveri per irragionevole costrizione ad impossibilia delle imprese titolari del trattamento e per la netta incompatibilità con la disciplina privacy europea, vigente e futura.”

Fonte: Istituto Italiano Privacy

e-max.it: your social media marketing partner
Ultimo aggiornamento ( Martedì 07 Marzo 2017 12:43 )  

Login

I nostri sostenitori

Newsletter

Rimani aggiornato con le nostre news periodiche
captcha 
Privacy e Termini di Utilizzo
Ho letto l'informativa e presto il mio consenso

Cerca un iscritto


Cerca :
Categoria
Provincia
Regione

Cerca Delegato

Mappa dell'Italia Puglia Molise Campania Abruzzo Marche Lazio Umbria Basilicata Toscana Emilia Romagna Calabria

In evidenza: la certificazione di Privacy Officer

Recensioni Stampa

Regolamento UE 2016/679, a Milano si parla della privacy europea
Manager e professionisti a Milano per una conferenza patrocinata dalla Regione Lombardia e da Federprivacy. Luca Bolognini e Nicola Bernardi trai relatori. Termine per adeguarsi al nuovo testo il 25 maggio 2018, ma il 32% delle aziende non sa ancora se...
Leggi tutto 241 Visite 0 Voti
Privacy, un'azienda italiana su tre ha le idee confuse
Il Regolamento UE 2016/679 sarà operativo tra circa un anno, ma una ricerca mostra che il 32% delle imprese non sa ancora se rientra o no nell'obbligo di nomina del data protection officer, e un'azienda su cinque ha collocato la funzione privacy...
Leggi tutto 1097 Visite 0 Voti
Radio Rai Uno: intervista al presidente di Fedeprivacy su privacy e telemarketing
Che siate a cena, in una riunione di lavoro, o in vacanza, difficilmente scamperete all'assalto dei call center che vi perseguitano per offrirvi l'ultima promozione speciale, e non ricordate di aver mai dato il vostro consenso per essere chiamati sul...
Leggi tutto 661 Visite 0 Voti

Privacy & Società

Privacy, tracciati dati sensibili: class action da 3,7 milioni di dollari per i sex toys
Quasi quattro milioni di dollari, circa 10mila dollari a testa per ogni cliente. È la cifra che Standard Innovation, azienda canadese produttrice di vibratori smart, ha scelto di pagare per risolvere la class action intentata dai propri utenti. La ragione? La compagnia...
Leggi tutto 449 Visite 0 Voti

Le Notizie di oggi

Sapresti rispondere?

In una società per azioni il titolare è il legale rappresentante della stessa?
No, il titolare è la società nel suo complesso. Quando il trattamento è effettuato da una persona giuridica, da una pubblica amministrazione o da un qualsiasi altro ente, associazione od organismo, titolare del trattamento è l'entità nel suo complesso o l'unità od...
Leggi tutto 13306 Visite 0 Voti

Community

Altre discussioni »

 663 visitatori online