Federprivacy

 
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
  • default color
  • green color
  • blue color

Privacy, tracciati dati sensibili: class action da 3,7 milioni di dollari per i sex toys

E-mail Stampa PDF

Quasi quattro milioni di dollari, circa 10mila dollari a testa per ogni cliente. È la cifra che Standard Innovation, azienda canadese produttrice di vibratori smart, ha scelto di pagare per risolvere la class action intentata dai propri utenti. La ragione? La compagnia collezionava informazioni sui gusti sessuali dei fruitori, senza averli debitamente informati.

In particolare, il giocattolo sessuale intelligente finito sotto accusa si chiama We-Vibe. Ed è un classico vibratore a cui nel settembre 2014 l'impresa ha deciso di aggiungere delle nuove funzioni, mettendo in produzione il We-Vibe 4 Plus (al prezzo di 100 dollari, quasi): il vibratore con un tocco smart. Per usarlo è necessario associare via Bluetooth il dispositivo a un'applicazione disponibile sia nel negozio digitale di Apple sia in quello di Google, We-Connect, e che consente ai fruitori tanto quanto ai propri partner di controllare il sex toy da remoto, personalizzandone impostazioni e caratteristiche. Peccato che "all'insaputa dei clienti" proprio quell'app collezionasse "informazioni altamente private e sensibili riguardo l'utilizzo di We-Vibe", si legge nel testo della causa presentata in un tribunale dell'Illinois, negli Stati Uniti.

Dati che includevano la data e il tempo di ciascuno utilizzo, le impostazioni scelte per ogni "sessione di gioco". Tutto veniva poi spedito ai server della compagnia in Canada. Non solo, a essere rastrellati erano anche gli indirizzi email degli acquirenti che si sono registrati sull'applicazione. Il che avrebbe consentito alla compagnia di collegare le notizie relative all'uso del vibratore agli specifici account dei clienti. Da qui la decisione presa lo scorso agosto di intentare una causa collettiva, guidata da due fruitori del prodotto che hanno preferito rimanere anonimi. "I dati collezionati sono di sicuro valore per la compagnia", scrivono nella class action, "ma così facendo Standard Innovation ha dimostrato un grosso disprezzo per il diritto alla privacy dei consumatori nonché violato numerose leggi statali e federali".

Secondo il New York Times, circa 300mila persone hanno comprato il dispositivo We-Vibe coperto dalla class action e 100mila hanno scaricato l'app. Questa settimana la compagnia ha deciso di pagare 3,7 milioni di dollari per risolvere la controversia. Ma la privacy non è l'unico problemino di We-Vibe, dato che - come ha documentato The Guardian - nel 2016 due hacker hanno dimostrato che il modo in cui il vibratore comunica con l'app non è per niente sicuro, permettendo a chiunque di prenderne il controllo. Ma al di là del singolo caso, la class action è interessante perché riflette una crescente preoccupazione per gli oggetti smart, troppo smart. Che sono sempre di più, anche tra i gadget destinati agli innamorati e al sesso: ultimo in ordine d'arrivo è il preservativo che misura le calorie spese a letto. Un altro esempio lo forniscono i giocattoli: My Friend Cayla, la bambola spia, di recente è stata vietata in Germania.

Fonte: La Repubblica

e-max.it: your social media marketing partner
 

Login

I nostri sostenitori

Newsletter

Rimani aggiornato con le nostre news periodiche
captcha 
Privacy e Termini di Utilizzo
Ho letto l'informativa e presto il mio consenso

Cerca un iscritto


Cerca :
Categoria
Provincia
Regione

Cerca Delegato

Mappa dell'Italia Puglia Molise Campania Abruzzo Marche Lazio Umbria Basilicata Toscana Emilia Romagna Calabria

In evidenza: la certificazione di Privacy Officer

Recensioni Stampa

Privacy, formazione manageriale per i Data Protection Officer
Percorso specialistico per DPO organizzato da Federprivacy con il patrocinio del CNR di Pisa. Programma di 124 ore con 23 docenti esperti della materia, anche autori di un nuovo manuale consegnato in anteprima al corso. Bernardi: "Profilo del Data...
Leggi tutto 924 Visite 0 Voti
Data Protection Officer: servono più competenze e meno bollini
Rischio confusione per aziende e p.a. su certificazioni in materia di privacy. Interviene il Garante per sottolineare che quelle attuali non possono definirsi conformi al Regolamento UE. Nata prima del GDPR quella promossa da Federprivacy e rilasciata da...
Leggi tutto 1710 Visite 0 Voti
Master Privacy Officer, sold out 10 edizioni su 11 12 Luglio 2017, 08.52 Federprivacy
Master Privacy Officer, sold out 10 edizioni su 11
Le richieste di centinaia di professionisti e manager hanno fatto registrare il tutto esaurito in dieci edizioni su undici del corso di Federprivacy in programma quest'anno. Posti solo nell'edizione di fine novembre in toscana, che permette di conciliare...
Leggi tutto 793 Visite 0 Voti

Privacy & Società

Privacy a rischio sul telefonino con il virus che vi ricatta
Il fondatore di Facebook, Mark Zuckerberg, in un'occasione ha affermato che "non ha più senso parlare di privacy, perchè le norme sociali sono cambiate, e gli utenti condividono senza problemi le informazioni personali online". Forse anche voi siete tra quelli...
Leggi tutto 318 Visite 0 Voti

Le Notizie di oggi

Sapresti rispondere?

Il responsabile del trattamento è una figura unica?
Non necessariamente. Si possono nominare più responsabili del trattamento, anche esterni al proprio ente, se ciò è reso necessario dall'esigenza della divisione dei...
Leggi tutto 18913 Visite 0 Voti

Community

    • trasferimento dati all'estero
    • Buon pomeriggio ecco il mio quesito: un'azienda annovera tra i suoi clienti alcune società avente sede...
    • 3 Settimane 5 Giorni fa
    • Videosorveglianza nei Comuni
    • Per comuni che adottano sistemi di videosorveglianza in aree pubbliche per motivi di sicurezza (e non...
    • 1 Mese 1 Giorno fa
    • Dossier sanitario elettronico
    • Buongiorno In effetti ad essere lesi sono proprio i diritti dell'interessato. Se infatti lo stesso ha...
    • 2 Mesi 2 Settimane fa

Altre discussioni »

 759 visitatori e 17 utenti online