Gran Bretagna: Google nei guai per violazione privacy di 1,6 milioni di pazienti

E-mail Stampa PDF

La Royal Free National Health Security (NHS) Foundation Trust è un partenariato pubblico-privato di Londra, che investe in medicina e tecnologia medica nella sanità pubblica d’oltremanica. La NHS è nell’occhio del ciclone, a causa di una inchiesta della ICO , ossia l’organo indipendente del Regno Unito istituito per salvaguardare i diritti d’informazione.

Questa ha rilevato un comportamento illegale dell’organizzazione, la quale non avrebbe rispettato la legge sulla privacy fornendo dati e dettagli di 1,6 milioni di pazienti a Google. Il colosso di Mountain View li avrebbe poi utilizzati nel suo programma di intelligenza artificiale, DeepMind.

Google avrebbe richiesto alla NHS questa enorme mole di dati per poter testare un sistema di medicina predittiva grazie a DeepMind, al fine di rilevare e diagnosticare lesioni renali acute. L’inchiesta della ICO ha riscontrato numerose carenze nel trattamento dei dati da parte di Google e della fondazione londinese. I pazienti erano all’oscuro di tutto, poiché non adeguatamente informati sulla sorte dei loro dati, utilizzati come oggetto di test.

«Abbiamo chiesto alla NHS e a Google di impegnarsi per apportare modifiche ai moduli sottoposti ai pazienti, per informarli con trasparenza su come vengono trattati i loro dati - afferma Elizabeth Denham, della commissione ICO -. La legge sulla privacy non è una barriera all’innovazione, ma non può essere bypassata. Il prezzo dell’innovazione non deve essere l’erosione dei diritti fondamentali della privacy».

Google e NHS dovranno ora stabilire una base giuridica adeguata rispettando la legge sulla protezione dei dati per il progetto DeepMind e per eventuali sperimentazioni future. Dovranno inoltre fornire al governo britannico una valutazione completa dell’impatto delle sperimentazioni sulla privacy dei pazienti, e dell’utilizzo dei dati con l’intelligenza artificiale, i cui risultati saranno sempre condivisi con il Commissario per l’informazione.

Fonte: La Stampa

e-max.it: your social media marketing partner
Ultimo aggiornamento ( Martedì 04 Luglio 2017 09:32 )  

Chi ci sostiene?

Tra i nostri sostenitori c'è anche

I nostri sostenitori

Newsletter

Rimani aggiornato con le nostre news periodiche
captcha 
Privacy e Termini di Utilizzo
Ho letto l'informativa e presto il mio consenso

Regolamento UE 2016/679:il Data Protection Officer

Cerca Delegato

Mappa dell'Italia Puglia Molise Campania Abruzzo Marche Lazio Umbria Basilicata Toscana Emilia Romagna Calabria

Visitatori Online

 973 visitatori online

Aziende ed enti che aderiscono a Federprivacy

In Primo Piano

Superate le 1.000 prenotazioni per il 7° Privacy Day Forum
A meno di tre mesi dalla scadenza per adeguarsi al nuovo Regolamento UE 2016/679, anche l'evento annuale di Federprivacy cede il passo alle attività necessarie a professionisti e manager per arrivare conformi al 25 maggio 2018. Bernardi: "Finora si è...
Leggi tutto 3078 Visite 0 Voti
Data protection officer: obbligo, requisiti, compiti, e certificazioni
Nonostante le abbondanti informazioni fornite dall'Autorità e l'avvicinarsi della scadenza del 25 maggio, molte le aziende e le pubbliche amministrazioni che conoscono ancora poco la figura del Data Protection Officer. Il riepilogo per capire chi deve...
Leggi tutto 4531 Visite 0 Voti
Privacy Officer in forte crescita, ma aumenta anche la confusione
A 10 anni dalla sua costituzione, sono oggi circa 7mila gli iscritti a Federprivacy, con un aumento del 28,7% solo nello scorso anno. Sono 648 le certificazioni professionali in materia di protezione dei dati emesse finora. Bernardi: "Quella di Privacy...
Leggi tutto 2337 Visite 0 Voti

Privacy & Società

Privacy:Ue, no negoziati su protezione in intese commerciali
La tutela dei dati personali non può essere oggetto di negoziati nelle intese commerciali tra l'Ue e un Paese terzo, in quanto questa sarà sempre sottoposta strettamente al rispetto delle norme europee in materia. E' quanto ha messo nero su bianco il Collegio dei...
Leggi tutto 1423 Visite 0 Voti

Le Notizie di oggi

Sapresti rispondere?

Quali sono le verifiche da effettuare dopo essersi iscritti al registro delle oppoisizioni ?
In primo luogo, l'iscrizione al registro diviene operativa solo dopo che siano trascorsi 15 giorni. Quindi, bisogna accertarsi se si sono registrate sia l'utenza sia l'indirizzo postale. Poi, occorre verificare se, per caso, non si sia rilasciato un consenso specifico a...
Leggi tutto 22220 Visite 0 Voti

Community

    • Responsabile esterno??
    • Le caratteristiche dell'atto le ho viste, grazie. Ma era proprio capire, se è eccessivo nominare...
    • 4 Mesi 1 Settimana fa
    • Responsabile esterno??
    • Io mi atterrei a quanto riportato sul sito del Garante, dove si legge: Il Reg UE fissa più...
    • 4 Mesi 1 Settimana fa
    • Responsabile esterno??
    • Con il nuovo Regolamento Europeo come, secondo voi, è meglio identificare le società "destinatarie" dei...
    • 4 Mesi 1 Settimana fa

Altre discussioni »

 973 visitatori online