Federprivacy

 
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
  • default color
  • green color
  • blue color

Gran Bretagna: Google nei guai per violazione privacy di 1,6 milioni di pazienti

E-mail Stampa PDF

La Royal Free National Health Security (NHS) Foundation Trust è un partenariato pubblico-privato di Londra, che investe in medicina e tecnologia medica nella sanità pubblica d’oltremanica. La NHS è nell’occhio del ciclone, a causa di una inchiesta della ICO , ossia l’organo indipendente del Regno Unito istituito per salvaguardare i diritti d’informazione.

Questa ha rilevato un comportamento illegale dell’organizzazione, la quale non avrebbe rispettato la legge sulla privacy fornendo dati e dettagli di 1,6 milioni di pazienti a Google. Il colosso di Mountain View li avrebbe poi utilizzati nel suo programma di intelligenza artificiale, DeepMind.

Google avrebbe richiesto alla NHS questa enorme mole di dati per poter testare un sistema di medicina predittiva grazie a DeepMind, al fine di rilevare e diagnosticare lesioni renali acute. L’inchiesta della ICO ha riscontrato numerose carenze nel trattamento dei dati da parte di Google e della fondazione londinese. I pazienti erano all’oscuro di tutto, poiché non adeguatamente informati sulla sorte dei loro dati, utilizzati come oggetto di test.

«Abbiamo chiesto alla NHS e a Google di impegnarsi per apportare modifiche ai moduli sottoposti ai pazienti, per informarli con trasparenza su come vengono trattati i loro dati - afferma Elizabeth Denham, della commissione ICO -. La legge sulla privacy non è una barriera all’innovazione, ma non può essere bypassata. Il prezzo dell’innovazione non deve essere l’erosione dei diritti fondamentali della privacy».

Google e NHS dovranno ora stabilire una base giuridica adeguata rispettando la legge sulla protezione dei dati per il progetto DeepMind e per eventuali sperimentazioni future. Dovranno inoltre fornire al governo britannico una valutazione completa dell’impatto delle sperimentazioni sulla privacy dei pazienti, e dell’utilizzo dei dati con l’intelligenza artificiale, i cui risultati saranno sempre condivisi con il Commissario per l’informazione.

Fonte: La Stampa

e-max.it: your social media marketing partner
Ultimo aggiornamento ( Martedì 04 Luglio 2017 09:32 )  

Chi ci sostiene?

Tra i nostri sostenitori c'è anche

I nostri sostenitori

Newsletter

Rimani aggiornato con le nostre news periodiche
captcha 
Privacy e Termini di Utilizzo
Ho letto l'informativa e presto il mio consenso

Cerca un iscritto


Cerca :
Categoria
Provincia
Regione

Cerca Delegato

Mappa dell'Italia Puglia Molise Campania Abruzzo Marche Lazio Umbria Basilicata Toscana Emilia Romagna Calabria

Visitatori Online

 1023 visitatori e 9 utenti online

Aziende ed enti che aderiscono a Federprivacy

In Primo Piano

Marchio di qualità per i siti web che rispettano la privacy degli utenti
Il 67% dei siti e delle app non rivela agli utenti dove sono conservati i loro dati personali, e il 51% non chiarisce se e con chi vengono condivise le informazioni. Policy generiche, imprecise e prive di dettagli, e nel 44% dei casi agli utenti non sono...
Leggi tutto 815 Visite 0 Voti
Corso di formazione manageriale per Data Protection Officer al CNR di Pisa
Percorso specialistico per DPO organizzato da Federprivacy con il patrocinio del CNR di Pisa. Programma di 124 ore con 23 docenti esperti della materia, anche autori di un nuovo manuale consegnato in anteprima al corso. Bernardi: "Profilo del Data...
Leggi tutto 4170 Visite 0 Voti
Privacy Officer: come  si svolge l'esame di certificazione TÜV  e come accedervi
Entro il 25 maggio 2018 tutte le p.a. ed altre migliaia di imprese che ricadono nelle previsioni dell'art. 37 del Regolamento UE 2016/679 dovranno dotarsi di un "Responsabile della Protezione dei Dati". Inoltre, per adeguarsi alle nuove regole sono sempre...
Leggi tutto 1447 Visite 0 Voti

Privacy & Società

Con il GDPR la privacy diventa una questione di business
Dopo 5 anni di attesa, tra sei mesi il "pacchetto protezione dati" varato dalla UE sarà direttamente applicabile in tutti gli Stati membri con sanzioni fino a 20 mln di euro o al 4% del fatturato. Privacy trasformata da mero adempimento burocratico a tema di...
Leggi tutto 534 Visite 0 Voti

Le Notizie di oggi

Sapresti rispondere?

Cosa si intende per
Sono "dati sensibili" i dati personali idonei a rivelare l'origine razziale ed etnica, le convinzioni religiose, filosofiche o di altro genere.Pertanto, sono considerati dati sensibili le opinioni politiche, l'adesione a partiti, sindacati, associazioni od...
Leggi tutto 19474 Visite 0 Voti

Community

Altre discussioni »

 1023 visitatori e 9 utenti online